Home > Cultura > Sassari: la verità sulla marijuana è sulla bocca di tutti

Sassari: la verità sulla marijuana è sulla bocca di tutti

articolo pubblicato da: ignazio deriu | segnala un abuso

Sassari: la verità sulla marijuana è sulla bocca di tutti

Come avevano promesso, i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga hanno fatto ancora tappa a Sassari, nella serata di giovedì 23 maggio, nel quartiere Prunitzedda, dove hanno distribuito centinaia di libretti informativi su che cosa sia veramente la marijuana. I danni che questa pianta determina non vengono realmente resi noti alle persone, c'è chi preferisce mettere le mani davanti agli occhi e le orecchie e se proprio deve usarle, al limite lo fa per raggranellare ciò che vuole mettere nel portafoglio.

 

Non è certamente la filosofia dei volontari che, ispirati dal filosofo L. Ron Hubbard, che in suo scritto affermò che “la droga è l'elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale”, vogliono fare in modo che le persone inizino veramente a conoscere gli effetti derivanti da ogni tipo di droga.

 

Chi ha interessi economici nel mondo della droga è stato abile a immettere messaggi del tipo “droga leggera”, ora sta portando avanti l'idea della droga legale e il progetto porta alla liberalizzazione, come se lo spaccio stia a guardare, come se i criminali, quelli veri, manchino della “lungimiranza” di aprire società di commercio di stupefacenti. Quelli che si ritengono scienziati dello sballo addirittura propongono la droga come elemento ludico, quasi a far pensare che se questa è la direzione a cui debbano portare “studi approfonditi”, sia meglio scegliere la via del lavoro piuttosto che quella dell'istruzione.

 

La verità è che nei paesi in cui la droga è legalizzata il consumo è maggiore, e non certamente delle sole droghe legalizzate, ma di qualsiasi altro tipo di droga. L'attività che volontari stanno facendo, come avvenuto a Sassari, non solo rende possibile la corretta informazione, ma poiché vengono coinvolti i commercianti affinché siano portavoce di questa campagna preventiva, si determina un movimento popolare a favore della libertà dalla droga.

Sassari | droga | Scientology | Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il trinciato di canapa Skunk: le infiorescenze di marijuana light pronte per l’uso


32° SANREMO ROCK & TREND FESTIVAL


Non tutta la marijuana fa male: prova la nuova cannabis legale


Marijuana, una via verso l'abuso di droghe


Droghe “leggere” sono davvero cosi leggere?


DISTRIBUZIONE DI OPUSCOLI INFORMATIVI SULLA DROGA A PADOVA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Nel Lungomare Poetto si divulgano i Diritti Umani

Nel Lungomare Poetto si divulgano i Diritti Umani
            Saranno altre centinaia i libretti “la storia dei Diritti Umani” che verranno distribuiti nella serata di martedì 18 giugno nel bellissimo lungomare Poetto di Cagliari. Come ormai consuetudine, i volontari di Uniti per i Diritti Umani e della Chiesa di Scientology non si fanno sfuggire la possibilità di inform (continua)

I volontari olbiesi all'assalto della droga

I volontari olbiesi all'assalto della droga
Pronti con altre centinaia di libretti informativi contro gli effetti devastanti dovuti al consumo di droga, i volontari olbiesi di Fondazione per un mondo Libero dalla Droga e della chiesa di Scientology, nella serata di martedì 18 giugno, informeranno i cittadini affinché, in primis i ragazzi, decidano di non provare nemmeno lo sballo.   Troppo spesso i volontari, nel fare (continua)

La detenzione forzata è una violazione e avviene anche a Cagliari

La detenzione forzata è una violazione e avviene anche a Cagliari
  Un interessante dibattito è scaturito nella, serata di lunedì 17 giugno, tra i volontari dell’Associazione Uniti per i Diritti Umani e gli studenti della Facoltà di Magistero a Cagliari. Una studentessa particolarmente sensibile al problema delle violazioni nel campo dei Diritti Umani, ha denunciato senza mezzi termini: “il TSO (Trattamento Sanitario Obblig (continua)

“A Sestu sono l’unico sopravvissuto all’eroina degli anni ‘80”

“A Sestu sono l’unico sopravvissuto all’eroina degli anni ‘80”
  Con il consueto impegno che li contraddistingue, nella serata di lunedì 17 giugno, i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology hanno inondato le strade di Sestu, di libretti informativi sulle conseguenze che le droghe causano a breve e lungo termine. Particolarmente interesdsante e inquietante la dichiarazione di un cittadino che mostrand (continua)

Riprendono a UTA le iniziative di prevenzione alla droga

Riprendono a UTA le iniziative di prevenzione alla droga
            Dopo qualche settimana di interruzione per dare spazio agli altri paesi limitrofi, riprendono a Uta nella giornata di martedì 18 giugno le iniziative dei volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa d Scientology. La pressione dei volontari sugli spacciatori è pari a quella che gli stessi criminali s (continua)