Home > Altro > Cordone ombelicale: perché è importante la conservazione del tessuto?

Cordone ombelicale: perché è importante la conservazione del tessuto?

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Cordone ombelicale: perché è importante la conservazione del tessuto?


 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

 

La conservazione cordone ombelicale è un argomento molto discusso, e tutte le famiglie dovrebbero essere informate sulla possibilità di prelevare e conservare o donare le cellule staminali cordonali del proprio bimbo. Il cordone ombelicale è un organo attraverso cui avviene il passaggio di sostanze nutritive e ossigeno tra gestante e nascituro. Si sviluppa nella quinta settimana di gravidanza e può raggiungere il mezzo metro di lunghezza. Al suo interno si trovano le cellule staminali mesenchimali, che sono capaci di modificarsi in progenitori promotori della riparazione di tessuti e della regolazione delle risposte immunitarie e rigenerative (con possibile uso nel settore oncologico) [1].

 Le staminali mesenchimali sono dotate di proprietà immunomodulatorie, proliferative, possono dividersi e differenziarsi velocemente dando vita a cellule ossee, epiteliali, muscolari, adipose [2].

 Le mesenchimali sono presenti non solo nel midollo osseo, ma anche in alcune parti del cordone ombelicale. Si trovano nel rivestimento del cordone ombelicale, nella gelatina di Wharton, e nella zona perivascolare [1].

 La procedura adottata per la loro raccolta è completamente indolore [1].

 Il campo in cui le cellule mesenchimali del tessuto cordonale trovano maggior impiego è quello della medicina rigenerativa, vale a dire in terapie adottate per trattare varie patologie, come quelle nervose, cardiache, e altre [2]. Alcune ricerche impiegano queste cellule nel trattamento di patologie autoimmuni, gastrointestinali, per i danni midollari e scheletrici, e nel trattamento delle complicazioni post trapianto [2].

 La scelta di conservare il tessuto del cordone ombelicale del proprio bimbo è fondamentale per una famiglia poiché consente di avere più alternative di trattamento, oltre che un potenziale strumento terapeutico da utilizzare al momento del bisogno [2].

 Per scegliere consapevolmente, le famiglie devono conoscere bene come avviene il processo di raccolta e conservazione, dove è previsto anche un prelievo ematico dalla madre [2].

 Il processo di raccolta e conservazione delle staminali del tessuto del cordone ombelicale

 Per prima cosa occorre fare un prelievo ematico dalla neomamma e prelevare anche il sangue del cordone ombelicale del neonato. Dopodiché gli operatori sanitari provvederanno a raccogliere anche il tessuto del cordone. Come da procedura il contenitore destinato alla raccolta del campione tessutale deve essere riempito di soluzione salina. Successivamente occorre individuare una parte del cordone, di circa 10-15 cm, che sia intatta (non quella dove è presente il foro della siringa usata per il prelievo del sangue cordonale) e sterilizzarla mediante applicazione di garze sterili che serviranno a tamponare il sangue presente. Dopo aver asportato il tessuto, gli operatori sanitari provvederanno a sterilizzarlo e inserirlo nel contenitore dedicato [3].

 orgente offre alle famiglie un servizio per la conservazione del tessuto cordonale ombelicale del proprio bimbo, partecipando attivamente, attraverso le banche del cordone, alle procedure di espansione delle cellule staminali mesenchimali [2].

 

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

 

Fonti:

 1 – Human Umbilical Cord Mesenchymal Stem Cells: A New Era for Stem Cell Therapy – D.C.Ding, Y.H.Chang, W.C.Shyu, S.Z.Lynn

2 – Conservazione del tessuto cordonale – www.sorgente.com

3 – Istruzioni Procedura Raccolta del Tessuto Cordonale – www.sorgente.com

cordone ombelicale | conservazione cordone ombelicale | staminali cordonali | staminali mesenchimali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Domande e risposte più frequenti sulla conservazione del cordone ombelicale


Terapie staminali sicure e all'avanguardia


Cordone ombelicale: clampaggio e conservazione


Conservazione delle cellule staminali del cordone: il perché di una scelta consapevole


Staminali del cordone ombelicale e paralisi cerebrale infantile: casi di successo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)