Home > Altro > ANGELO BERNARDINELLI È IL MIGLIOR SOMMELIER SCIABOLATORE DEL VENETO

ANGELO BERNARDINELLI È IL MIGLIOR SOMMELIER SCIABOLATORE DEL VENETO

articolo pubblicato da: studiocru | segnala un abuso

 Il rodigino ha vinto il primo Trofeo dedicato alla tecnica del Sabrage. Numeroso il pubblico accorso per la sfida alla manifestazione Bollicine Wine Experience

AIS Veneto festeggia il successo del primo Trofeo Miglior Sommelier del Servizio alla Sabrage incoronando Angelo Bernardinelli, della delegazione di Rovigo. Il sommelier rodigino ha sbaragliato la concorrenza durante il concorso che si è tenuto domenica 2 giugno a Villa Palazzon di Colzè di Montegalda (Vicenza), durante Bollicine Wine Experience, evento di AIS Veneto dedicato al mondo dei vini spumanti.
Angelo Bernardinelli, 41 anni, è direttore dei corsi AIS nella sua città ed è stato il primo a introdurre a Rovigo la tecnica della sciabolata, proponendo delle serate a tema e dei piccoli seminari dedicati al Sabrage all’interno de I disinvolti, locale da lui aperto qualche anno fa. Oggi lavora come cameriere al Crimi Bar e collabora con l’enoteca L’Angolo del Vino, entrambe a Rovigo.
Al secondo posto si è piazzato il suo concittadino Michele Manca, già secondo classificato al concorso Miglior Sommelier del Veneto 2019, mentre la medaglia di bronzo è andata a Johnny Pivotto della delegazione di Vicenza.
“Il Trofeo – ha commentato Marco Aldegheri, Presidente di AIS Veneto – nasce come un gioco per stimolare i nostri ragazzi a mettersi in mostra e a cimentarsi in pubblico. È il primo concorso dedicato al Sabrage, ma è già riuscito ad affascinare e coinvolgere sia i sommelier che il pubblico, arrivato numeroso per Bollicine Wine Experience. Un gesto antico che diventa occasione per trasmettere ancora una volta la cultura del vino, per questo AIS Veneto non poteva mancare”.
A valutare i sommelier è stata la giuria composta dallo stesso Marco Aldegheri, Presidente di AIS Veneto, Wladimiro Gobbo, delegato di AIS Treviso esperto della tecnica della sciabola, Ezio Pasqualetto, Grand Sabreur della Royale Confrérie Prestige des Sacres, Marco Visentin, Coordinatore Didattico Regionale, e Giancarlo Cestaro, Responsabile Regionale Servizi.
I partecipanti sono stati giudicati secondo dieci criteri di valutazione formulati dalla giuria, che comprendevano gli aspetti dedicati al portamento e all’eleganza del sommelier, l’esposizione verbale legata alla tradizione della sciabolata, il numero dei tentativi utilizzati e il rispetto delle tempistiche previste. Ogni concorrente aveva infatti a disposizione due minuti per la preparazione e la presentazione della bottiglia ai commensali e altri due per eseguire l’apertura alla Sabrage e il servizio. Grande attenzione è stata posta anche alla postura del sommelier durante la prova, la direzione del tappo e la cura degli aspetti di sicurezza.
Per la gara i concorrenti hanno utilizzato una sciabola di particolare valore storico: si tratta infatti di una lama del XVII secolo appartenente alla Royale Confrerie Prestige des Sacres e utilizzata nelle più importanti competizioni a livello mondiale.

Ufficio stampa:

Carlotta Flores Faccio

Davide Cocco

ais veneto | bollicine wine experience | miglior sommelier sciabolatore |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MIGLIOR SOMMELIER DEL VENETO: EDIZIONE 2018 A FONDACO DEI TEDESCHI


La Callaltella : Vino IGT Veneto e Vino DOC Treviso


TRICOPIGMENTAZIONE DONNA: L’INFOLTIMENTO CAPELLI NON CHIRURGICO CON UN RIMEDIO SEMPLICE ED EFFICACE.


V EDIZIONE DELLA BORSA DI STUDIO "I BALZINI"


AIS VENETO: ALLA FIERA DEL RISO PREMIATO IL MIGLIOR ABBINAMENTO RISO E VINO


AIS VENETO OSPITERÀ A VERONA IL CONGRESSO NAZIONALE 2019


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ALBA VITÆ: NEL MALANOTTE 2010 LA SOLIDARIETÀ DI AIS VENETO

 AIS Veneto mette in vendita 700 magnum di Malanotte 2010 di Bonotto delle Tezze. Il ricavato sarà destinato a Oltre il Labirinto, fondazione che si occupa di persone affette da autismo   AIS Veneto rinnova il suo impegno nel sociale con la bottiglia di Alba Vitæ 2019, l'iniziativa benefica che ogni anno nel periodo natalizio si occupa di mettere in vendita una tiratura li (continua)

#BARDOLINOCRU E IL CHIARETTO CHE VERRÀ: LE DUE GIORNATE DEL VINO SULLA SPONDA VERONESE DEL GARDA

Due eventi per scoprire i vini simbolo del territorio bardolinese a poche settimane dalla fine della vendemmia. Appuntamento a sabato 7 e domenica 8 dicembre alla Loggia e alla Barchessa Rambaldi, sul lungolago di Bardolino   Due giorni dedicati alla scoperta del Bardolino e del Chiaretto, i vini della sponda orientale del lago di Garda, veri e propri simboli del territorio, ottenuti preval (continua)

CLAYVER A VITEFF: ARRIVANO LE BOTTI DI GRANDE DIMENSIONE

CLAYVER A VITEFF: ARRIVANO LE BOTTI DI GRANDE DIMENSIONE
 L’azienda di Vado Ligure presenta al Salone Internazionale delle Tecnologie Spumanti i nuovi contenitori in ceramica di grande capacità. Igiene, sicurezza e praticità anche nel grande formato   Clayver sempre più grandi. È la novità che l'azienda di Vado Ligure porterà al Viteff, il Salone Internazionale delle Tecnologie Spumanti in prog (continua)

LA VOCE CREATIVA DEL VINO NATURALE: TORNA IMMAGINA IL TUO VINNATUR TASTING 2020

LA VOCE CREATIVA DEL VINO NATURALE: TORNA IMMAGINA IL TUO VINNATUR TASTING 2020
 Fino al 30 novembre aperte le iscrizioni al concorso per illustrare la locandina del Salone del vino naturale, in programma dal 18 al 20 aprile 2020 a Gambellara (VI)   L'Associazione viticoltori naturali VinNatur ha dato ufficialmente il via a Immagina il tuo VinNatur Tasting 2020, il concorso creativo promosso per scegliere l'illustrazione della locandina ufficiale dell'ev (continua)

SINGAPORE WINE AWARDS: AL PINOT GRIGIO GRAVNER IL BLACK SWAN OF THE YEAR

Il vino di Josko premiato come il Most Thought Provoking Wine da una giuria internazionale di esperti alla prima edizione dei Wine Pinnacle Awards   Il Pinot Grigio Venezia Giulia IGT di Gravner si aggiudica il premio internazionale Black Swan Of The Year (Most Thought Provoking Wine). Un riconoscimento importante per il produttore di Oslavia assegnato nell’ambito della prima edizione (continua)