Home > Lavoro e Formazione > MALTA IL MODELLO POSSIBILE DELLA CULTURA MEDITERRANEA DA SCOPRIRE

MALTA IL MODELLO POSSIBILE DELLA CULTURA MEDITERRANEA DA SCOPRIRE

scritto da: COMUNICAZIONELIVE | segnala un abuso

MALTA IL MODELLO POSSIBILE DELLA CULTURA MEDITERRANEA DA SCOPRIRE


 

“MALTA IL MODELLO POSSIBILE DELLA CULTURA MEDITERRANEA DA SCOPRIRE” è il workshop che si terrà a Matera il 13 Giugno 2019 presso la storica sede della Camera di Commercio di Matera a partire dalle ore 9.30.

L'evento è organizzato dalla Camera di Commercio Italo Maltese su richiesta di Malta Enterprise, Agenzia governativa per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, in collaborazione con la Camera di Commercio della Basilicata e con l'Associazione per il Commercio Malta Italia.

L'evento ha come obiettivo quello di creare delle sinergie operative nel settore della cultura e verificare spazi di investimenti ulteriori tra Matera e la Basilicata con Malta.

Perché parliamo di Malta a Matera? Perché la prima è stata la Capitale europea della Cultura 2018 e la seconda lo è oggi. Perché entrambe vivono un momento di crescita di presenze turistiche uniche nel panorama Italiano e mediterraneo. Basti pensare che Malta ha raggiunto il record di oltre 2.6 milioni di turisti nel 2018. Frutto di un lavoro di marketing territoriale in giro per il mondo e valorizzazione estrema dei beni archeologici.

 L'occasione sarà anche l'inizio di una più ampia collaborazione di mobilità d'area.

“Malta e l’Italia non sono vicine solo geograficamente – ha dichiarato Mario Galea, CEO Malta Enterprise - Il legame tra i due paesi ha radici profonde e numerose diramazioni che abbracciano la società, l’economia e i cittadini. Dopo Valletta capitale europea della cultura, lo scorso anno, vogliamo cogliere l’occasione del passaggio del testimone a Matera per discutere le opportunità che l’industria culturale offre ai nostri due paesi”

Malta e Matera e la Basilicata nel suo complesso hanno tanto in comune. Un patrimonio artistico culturale inestimabile basti pensare ai Sassi alla città d'Orazio e alla storia dei Cavalieri di Malta. Un mix di culture romana, greca, fenicia che vede oggi una nuova vita attraverso politiche governative orientate ad una visione di business della Cultura.

Il Governo maltese è riuscito a rilanciare le sue bellezze riuscendo in una politica di promozione, riqualificazione ed accessibilità del territorio che hanno generato una fiorente economia, modello che rappresenta una buona prassi replicabile e allo stesso tempo ancora ricettiva di contributi per il miglioramento sempre possibile nell'unione di competenze e strategie tra pubblico e privato. La concretizzazione di un modello che ha reso la cultura non più un velleitario patrimonio ma un concreto e tangibile asset di sviluppo.

Durante la giornata saranno esposte le politiche di incentivi, che hanno permesso a Malta una crescita così esponenziale, e del perché il sistema "industria della cultura" nel suo complesso rappresenta una sfida possibile e sostenibile per i territori: come per le major company cinematografiche americane che scelgono l'isola dei Cavalieri come meta per i loro capolavori.

Ci saranno due panel in cui si entrerà nel dettaglio delle tematiche prima citate: “Performing arts, arti visive e Industrie culturali” e “Patrimonio storico-artistico, Industrie creative" in cui professionisti ed istituzioni italiane e maltesi si confronteranno cercando di capire quali sono i canali vincenti e non per una Cultura come visione di crescita del territorio.

"Le Camere di Commercio Italiane - Stanislao Filice, Vice Presidente della Camera di Commercio Italo Maltese - rappresentano il player ideale per creare la collaborazione tra privati e pubblico nelle azioni di integrazione e sviluppo grazie ad un network operativo mondiale che riesce a modularsi anche sui contesti regionali apportando un beneficio al sistema Italia e dei paesi dove si è presenti: l'industria della cultura è sicuramente arrivata ad avere una configurazione di "sistema" trasversale come pochi altri settori per uno sviluppo reciproco".

La platea prevede gli interventi di numerose autorità governative ed aziende operanti nel settore Cultura tra cui:

• H.E Vanessa Frazier Ambasciatrice Repubblica di Malta in Italia

• Gen. Vito Bardi Presidente Regione Basilicata

• Mario Galea CEO Malta Enterprise

• Gian Domenico Auricchio Presidente ASSOCAMERESTERO

• Michele Somma Presidente Camera di Commercio della Basilicata

• Raffaello Giulio De Ruggieri Sindaco Comune di Matera

• Massimo Sarti direttore dell'Istituto di Cultura Italiano a Malta

• Albert Marshall CEO del Malta Arts Council

• Noel Zammit CEO di Heritage Malta

• Roberto Celli CEO della Beni Culturali

• Francesco Franco Presidente FondItalia

• Gianpaolo Basile Presidente Associazione per il Commercio Malta Italia

• Germano Arnò CEO di EM@NEY PLC

• Rosanna Mani Codirettrice di "Tv Sorrisi e Canzoni"

• Alberto Tarallo Ref. Italia Industria della cultura Camera di Commercio Italiana a Malta

• Cristian Contini Galleria d'Arte Contini

• Edoardo Caliano CODIS

• Enghelbert Grech Ref. Malta industria della cultura Camera di Commercio Italiana a Malta

• Antonino Reina FederTerziario  Italia Malta

• Dante Antilli Moderna Industrie Grafiche

• Bassel Bakdounes  Velvet Media

Interverrà a chiusura dell’evento Manuela Arcuri in rappresentanza del mondo dello  spettacolo italiano.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Online il nuovissimo portale dedicato all’isola di Malta!


NUOVA SEDE PER VELVET MEDIA A MALTA, L’ANNUNCIO A MATERA


Ixè dieta mediterranea: abitudini dei consumatori nella ristorazione collettiva


L’isola di Malta: uno dei Paesi con meno alberi al mondo


Soggiorni linguistici in tutto il mondo: a Malta la nuova scuola Eurocentres!


Il World Of Fashion infiamma la Capitale con le meravigliosi creazioni di Maged Bou Tanios, Eva Scala e James Dimech


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ECOMM FASHION 2020: A RISCHIO CHIUSURA 17.000 NEGOZI

ECOMM FASHION 2020:  A RISCHIO CHIUSURA 17.000 NEGOZI
È in corso su e-comm.events la prima digital convention nazionale interamente dedicata al mondo della moda italiana dove si è da poco conclusa l’Assemblea Plenaria con la partecipazione dei Presidenti di Assocalzaturifici e Federpreziosi oltre al Segretario Generale di Federazione Moda Italiana. Tre negozi su quattro stanno registrando fatturati in calo. Si è aperta stamattina la digital convention ECOMM FASHION, gli “Stati Generali” della moda italiana, che radunerà nel corso dell’intera giornata molti top player del settore per fare il punto della situazione in un momento di grandi cambiamenti. “È cambiato tutto dopo il COVID, e oggi assistiamo ad uno smarrimento senza precedenti per il nostro settore. Riteniamo quindi che proprio in questo (continua)

ECOMM FASHION 2020 7 LUGLIO 2020 - GLI “STATI GENERALI” DELLA MODA ITALIANA

ECOMM FASHION 2020  7 LUGLIO 2020 - GLI “STATI GENERALI” DELLA MODA ITALIANA
Il futuro del retail, la rivoluzione digitale e l’evoluzione della sostenibilità sono i principali temi affrontati da Ecomm Fashion 2020, prima digital convention organizzata da Velvet Media che riunirà, in un luogo d’incontro virtuale, molti dei principali player del settore per segnare un punto di svolta nella ricostruzione del sistema moda Italia partendo dal dibattito e dal confronto sugli epocali cambiamenti in atto. L’industria della moda italiana è stata tra le più colpite dalla pandemia ed il lungo lockdown dovuto a Covid 19 ha generato fortissimi disagi a tutta la filiera. Dallo stop alle fabbriche, al crollo delle vendite dei canali retail fisici passando per il blocco alle esportazioni oltre i confini. Il risultato di questa crisi globale ha fatto registrare nel mercato moda Italia rilevanti segni negati (continua)

LA SVOLTA GREEN DI BASPED, CONSEGNE IN BICI E COL TRENINO ELETTRICO

LA SVOLTA GREEN DI BASPED, CONSEGNE IN BICI E COL TRENINO ELETTRICO
La divisione di Bracchi Group dedicata all’express delivery lancia la propria rivoluzione ambientalista. Ottocentomila spedizioni all’anno, le sfide delle consegne con le bici in Nord Europa e col treno elettrico sulle Alpi, ma anche attività di waste recovery in Germania e Francia. Lamberto Facchinelli, sales manager: “La fase di lockdown ha spinto Bracchi Group a fare nuovi passi avanti su digitalizzazione e innovazione tecnologica” La crisi del Covid ha accelerato le innovazioni nel settore della logistica e dei trasporti. I trend sono chiari: trasporti sempre più green e veloci grazie alla digitalizzazione dei processi. Ma anche una nuova sensibilità per raggiungere con mezzi alternativi le città o i luoghi più isolati. Basped, la divisione di Bracchi Group dedicata all’express delivery, durante il lockdown ha sviluppato de (continua)

INFLUENCERMANIA, IL LIBRO CHE RACCONTA IL FENOMENO DEI DIGITAL CREATORS

INFLUENCERMANIA, IL LIBRO CHE RACCONTA IL FENOMENO DEI DIGITAL CREATORS
Il 19 giugno in tutte le librerie e gli store online esce Influencermania, un libro di Omar Rossetto e Mariaisabella Musulin che guarda con occhi nuovi il mondo dell’influencer marketing, un manuale che spiega i trucchi del mestiere e analizza la storia, le novità e le strategie della più proficua attività media degli ultimi anni “Se da un lato mi attrae la democraticità attraverso la q (continua)

MASCHERINE TRASPARENTI PER I SORDOMUTI ED ECOLOGICHE. L’INVENZIONE “ECO-SOCIAL” DELL’IMPRENDITORE VERONESE MARANGONI

MASCHERINE TRASPARENTI PER I SORDOMUTI ED ECOLOGICHE. L’INVENZIONE “ECO-SOCIAL” DELL’IMPRENDITORE VERONESE MARANGONI
Si chiama “Amarinos1950” ed è una mascherina anti-covid unica nel suo genere: ecologica, trasparente e autopulente. L’inventore Angiolino Marangoni: “E’ la risposta al grave problema dell’inquinamento causato dalle mascherine usa e getta. La mia invenzione rispetta l’ambiente e le norme igienico-sanitarie. Non solo, è d’impiego universale, essendo trasparente permette il riconoscimento facciale e soprattutto è utilizzabile anche dai sordomuti”. Appena realizzata anche la mascherina dell’anniversario dello scudetto Hellas Verona del 1985 Il genio creativo di Angiolino Marangoni, imprenditore veronese già noto per le sue famose invenzioni in campo sportivo e nella sicurezza stradale, non si è fermato a causa del Covid-19, anzi ha trovato una soluzione universale al problema dello smaltimento delle mascherine usa e getta. Si chiama “Amarinos1950” ed è una mascherina ecologica, costruita con materiale per alimenti, è trasparente (continua)