Home > Ambiente e salute > Scopriamo assieme quando è utile rivolgersi allo Psicologo

Scopriamo assieme quando è utile rivolgersi allo Psicologo

scritto da: Lucamerlo | segnala un abuso

Scopriamo assieme quando è utile rivolgersi allo Psicologo


In seguito a situazioni ed eventi particolarmente dolorosi, difficili da gestire e stressanti, una persona può avvertire un forte disagio psicologico e/o di relazione, che con il passare del tempo può finire con il compromettere la qualità di vita della persona, minandone la serenità ed il benessere psicofisico oltre che le relazioni interpersonali della stessa con familiari, amici e colleghi di lavoro.

 

Alcune situazioni traumatiche tappe importanti della nostra vita come l’interruzione di una relazione affettiva, unirsi in matrimonio, o ancora avere figli, un cambiamento lavorativo, il dover affrontare una malattia o un lutto, sono eventi che spesso vengono vissuti con sentimenti negativi e di disagio come forte tristezza, stati di rabbia, stanchezza eccessiva, sensi di colpa o ancora sensi di vergogna e pensieri ricorrenti. Lo stato di disagio può presentarsi con stati di ansia, depressione o ancora disturbi alimentari e disturbi psicosomatici, la difficoltà nel comunicare e relazionarsi con le persone a noi vicine (nella coppia, nell’ambiente lavorativo, nelle relazioni amicali, in famiglia), ecc.  

Quando capitano momenti come questi spesso il paziente tende a non vedere vie d’uscita, si tende a  svalutare le proprie capacità e si sperimentano sentimenti di sofferenza, paura, forti stati di stress che possono alla lunga influenzare negativamente la capacità di operare scelte e la possibilità di vivere in modo corretto le relazioni interpersonali con gli altri.

In queste ed altre sistuazionni, poiché il malessere può diventare di difficile gestione, per risolvere efficacemente le situazioni problematiche ed interrogarsi sui motivi del proprio disagio è necessario l’aiuto di uno psicologo.

Lo psicologo ha lo scopo di accompagnare la persona in che versa in una situazione di difficoltà emotiva lungo un percorso che le consenta di arrivare ad avere un’articolata visione della realtà, con nuovi mezzi interpretativi necessari, facilitando l’evoluzione e il cambiamento di stato rispetto alla situazione in cui versa.

Per il paziente, riuscire a valutare il problema con occhi diversi vuol dire già iniziare quel processo di cambiamento e guarigione, poiché questo implica un diverso modo di rapportarsi alla situazione.

La relazione tra psicologo e paziente, da alleanza collaborativa in funzione degli obiettivi comuni posti, se vista nella sua dimensione emotivo-affettiva, diventa essa stessa un potente strumento di cambiamento.

Durante la terapia lo psicologo cerca di coinvolgere e stimolare la persona ad un livello sia emotivo sia cognitivo affinché possa ampliare la sua visione delle cose e della realtà, che tende invece ad essere fortemente limitata, forzata e rigida nel momento in cui si affrontano situazioni personali difficili e problematiche, dove la visione oggettiva della realtà e la flessibilità vengono spesso a mancare.

Lo strumento primo di cui si serve lo psicologo per raggiungere questo obiettivo sono, le domande.

Porre domande porta il paziente ad attivare il processo di pensiero, non sono importanti tanto le risposte date dal paziente, quanto il fatto che una persona pensi, rifletta e studi modi altri di vedere il problema,  cominci quindi a creare collegamenti tra i diversi eventi e persone e riconosca le discrepanze esistenti.

Chiedere aiuto non è quindi un segno di debolezza o di scarsa indipendenza, ma indica invece, la consapevolezza e la volontà di voler chiarire e raggiungere i propri obiettivi.

 

I percorsi psicologici non sono rivolti quindi solo a persone che vivono una situazione di malessere o di disagio, ma possono essere intrapresi anche da persone che posseggono un buon livello di benessere globale, ma che si trovano temporaneamente nella condizione voler beneficiare di un focus esterno ed obiettivo in relazione a scelte e momenti di vita complessi.

Dott.sa M.Gaudio

www.mariangelagaudio.it


Fonte notizia: https://www.mariangelagaudio.it


psicologo | psicoterapeuta |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

SPORT COACHING E METODO EMDR:  INSIEME PER LA VITTORIA!


La psicologia dello Sport e dell’esercizio fisico


Perchè affidarsi ad una psicologa o ad una psicoterapeuta


Tavolo Tecnico Nazionale per la Psicologia dello Sport


Peter Van Der Zon, ultratrail: Le gare che vado a podio mi danno davvero fiducia


Sovraindebitamento: A Chi Rivolgersi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

PSICOLOGIA DEL FIGLIO UNICO

PSICOLOGIA DEL FIGLIO UNICO
 PSICOLOGIA DEL FIGLIO UNICO In italia il modello del figlio unico è quello più diffuso. La famiglia monofiglio è il futuro? A giudicare dalle statistiche si direbbe di si, ma bisogna considerare che la rinuncia ad avere almeno due figli, più che una scelta culturale possa essere l’effetto della grande crisi economica di questi anni. L’età per (continua)

Quale è Il futuro della pubblicità sul web.

 La progressiva penetrazione di Internet e della banda larga, con un numero sempre crescente di utenti collegati e dotati di connessioni di qualità, e contestualmente il maggior tempo dedicato alla navigazione – sottratto alla lettura, ai quotidiani o alla televisione – fanno del web un canale sempre più efficace e dunque appetibile per pubblicitari ed investitori&nb (continua)

CANTARE FA BENE AL CORPO STUDIO LO DIMOSTRA

  Il risultato di una ricerca scientifica condotta dalla dottoressa Lauren Stewart (Università di Londra) “Canta che ti passa”, recita un noto motto popolare ed ora si è scoperto in modo inequivocabile e scientifico che quel motto corrisponde a verità. Cantare fa bene al corpo e alla mente, se poi si pensa che non ci vuole nulla, che non costa nulla, all (continua)

Le nuove tecniche di chirurgia estetica che segneranno il tramonto del lifting

Le nuove tecniche di chirurgia estetica che segneranno il tramonto del lifting
 Le nuove tecniche estetiche stanno segnando sempre più il tramonto del lifting. Si va dai trapianti di grasso autologo prelevato da cosce, natiche o addome e adeguatamente preparato prima del reinnesto sul viso. Ai filler, arricchiti di neurotossine, impiegati in una rivoluzionaria procedura non-chirurgica chiamata ‘subliminal difference’. Si tratta di nuove (continua)

Nuovo test per le allergie e le intolleranze

 Nuovo test per le allergie e le intolleranze. Un nuovo test unico al mondo è in grado di testare contemporaneamente 76 allergeni per verificare l'eventuale allergia a uno o più di essi attraverso una sola goccia di sangue.     02/01/2013 - Un nuovo test unico al mondo è in grado di testare contemporaneamente 76 allergeni per verificare l'eventuale allergia (continua)