Home > Altro > Pile e batterie apparecchi acustici: ecco come fare una manutenzione corretta secondo gli esperti di Starkey

Pile e batterie apparecchi acustici: ecco come fare una manutenzione corretta secondo gli esperti di Starkey

articolo pubblicato da: PressMilano | segnala un abuso

Pile e batterie apparecchi acustici: ecco come fare una manutenzione corretta secondo gli esperti di Starkey

 

Starkey Hearing Technologies, azienda leader nel campo delle protesi acustiche, spiega quali sono le best practices da adottare per il buon funzionamento degli apparecchi.

Milano, Maggio 2019 – Starkey Hearing Technologies, azienda punto di riferimento nel settore delle protesi acustiche, spiega come prendersi cura del proprio apparecchio prestando attenzione, in particolare, alle batterie.

Per garantire un ottimo funzionamento degli apparecchi acustici, è necessario che vengano alimentati da batterie di alta qualità, capaci di erogare energia in modo costante e stabile. È sufficiente appena una piccola variazione energetica, infatti, perché l’apparecchio non funzioni in modo corretto, pregiudicandone così i benefici sull’udito del paziente.

È dunque utile sapere che, in media, una batteria standard più durare dai 3 ai 22 giorni, variabilità dovuta a una serie di fattori, dal modello di apparecchio alle condizioni di utilizzo. Ci sono comunque dei segnali che permettono al paziente di capire quando è necessario cambiare le batterie, come per esempio se si avverte un suono distorto o se si sente la necessità di alzare il volume. In alcuni modelli di apparecchi le batterie, prossime a esaurirsi, emettono un breve suono di avviso.

In generale, il consiglio degli esperti di Starkey è di tenere sempre con sé delle batterie di ricambio, prestando attenzione a tenerle lontane da oggetti metallici, come per esempio le chiavi di casa, poiché questo materiale tende ad accorciarne ulteriormente la durata.

Oltre a questa precauzione, ci sono anche altri utili accorgimenti da adottare in merito alla cura delle batterie, come evitare di metterle in frigorifero, preferendo invece conservarle a temperatura ambiente, oppure lavarsi le mani accuratamente prima di procedere alla sostituzione, poiché grasso o sporcizia potrebbero arrecare danno all’apparecchio acustico. Per non far sì che le batterie si scarichino prima del tempo, inoltre, è consigliabile lasciare aperto lo sportello del vano batteria, permettendo un ricambio d’aria per evitare il ristagno di umidità, che potrebbe corrodere la batteria e danneggiare l’apparecchio. Quando le batterie sono esauste, infine, è necessario rimuoverle nel più breve tempo possibile: al termine del suo ciclo di vita, infatti, la batteria potrebbe gonfiarsi, rendendone difficile la sostituzione.

È bene ricordare che lo smaltimento di ogni tipo di batteria deve avvenire in conformità delle norme vigenti.

https://www.starkey.it/

 

starkey |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Pile e batterie: stop alla dispersione nell`ambiente


Il 23 marzo arriva in Italia Livio AI di Starkey, l’apparecchio acustico Hi-Tech che rivoluziona il settore


Batterie pc portable Asus C22-UX31


Starkey Hearing Technologies promuove l'innovazione


Le intelligenze artificiali al servizio delle hearing technologies


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Ecotec in Giappone: ecco com'è andato l'incontro nell'headquarter di Ricoh

Ecotec in Giappone: ecco com'è andato l'incontro nell'headquarter di Ricoh
  Walter Paccagnella, uno dei fondatori di Ecotec – rivenditrice ufficiale dei prodotti Ricoh – si è recato in visita nella sede nipponica dell’azienda, incontrando anche il vicepresidente Akira Oyama Milano, Luglio 2019 – Per la prima volta in assoluto un partner italiano di Ricoh, leader a livello globale nel settore della stampa e della gestione documentale (continua)

Il fenomeno dell'abbandono dei cani sembra inarrestabile! Ecco gli ultimi numeri segnalati da Delle Codeallegre

Il fenomeno dell'abbandono dei cani sembra inarrestabile! Ecco gli ultimi numeri segnalati da Delle Codeallegre
  L’allevamento di Campobasso, specializzato nella razza del Lagotto Romagnolo, ospita anche alcuni trovatelli. Fossalto (CB), Luglio 2019 – Paola e Nando Tessitore, titolari dell’allevamento Delle Codeallegre, specializzato nella selezione della razza del Lagotto Romagnolo, hanno a cuore la salute e il benessere dei loro cani e degli animali in generale, inclusi quelli m (continua)

Fatti una Birra, Birrificio Italiano e Klanbarrique: un accordo commerciale di successo!

Fatti una Birra, Birrificio Italiano e Klanbarrique: un accordo commerciale di successo!
  Milano, luglio 2019 – Sono trascorsi circa sei mesi da quando è stata sottoscritta la partnership tra Fatti una Birra – e-commerce per la vendita online di birra artigianale – Birrificio Italiano e Klanbarrique. L’accordo, che consente la vendita online dei prodotti del pluripremiato birrificio lombardo direttamente sul sito www.fattiunabirra.it, viene commen (continua)

Pulire i denti con le chewing gum o con lo spazzolino elettrico? La riposta degli esperti di Politerapico

Pulire i denti con le chewing gum o con lo spazzolino elettrico? La riposta degli esperti di Politerapico
  La cura dell’igiene orale è fondamentale per prevenire i disturbi a denti e gengive. Gli esperti di Politerapico, centro polispecialistico di Monza, spiegano qual è lo spazzolino da denti più adatto allo scopo. Milano, luglio 2019 – Spazzolino elettrico o spazzolino manuale? Una questione su cui spesso ci si interroga, con l’intenzione di scegliere (continua)

Audiologo, audiometrista, audioprotesista, otorinolaringoiatra: di cosa si occupano? Ce lo spiega Starkey

Audiologo, audiometrista, audioprotesista, otorinolaringoiatra: di cosa si occupano? Ce lo spiega Starkey
  Quali sono le differenze tra i diversi specialisti dell’udito? Gli esperti di Starkey Hearing Technologies, azienda leader nel campo degli apparecchi acustici, spiegano qual è il ruolo di ciascun professionista Milano, Aprile 2019 – A chi soffre di disturbi all’udito spesso viene consigliato di recarsi da uno specialista, con l’obiettivo di individuare la cu (continua)