Home > Cibo e Alimentazione > Il latte di mandorla, una bevanda dissetante ed assolutamente naturale.

Il latte di mandorla, una bevanda dissetante ed assolutamente naturale.

articolo pubblicato da: gioegio | segnala un abuso

Il latte di mandorla, una bevanda dissetante ed assolutamente naturale.
E dopo i primi incerti di un maggio alquanto bizzarro le giornate tendono timidamente verso la stabilità, con temperature in decisa risalita…….insomma andiamo gradualmente verso la “bella stagione”. E con essa torna come sempre la voglia di tonificarsi e rinfrescarsi con qualcosa di veramente dissetante: inizia la stagione dei gelati, delle bevande ghiacciate…..ed anche l’esigenza di trovare qualcosa di diverso, di originale, dal sapore comunque deciso e gradevole.

 
Nelle nostre regioni meridionali, ad esempio, è molto comune il consumo di latte di mandorla, antichissima bevanda inizialmente sperimentata in alcuni monasteri, ampiamente diffusa nei bar e/o locali così come a casa; una bibita che potrebbe richiamare l’orzata, la cui essenza principale viene estratta dal benzoino deacidificato alla quale viene aggiunta essenza di vaniglia e fiori di arancio, dal sapore dunque totalmente differente rispetto al vero latte di mandorla: qui la base di riferimento è rappresentata dalle mandorle, con un processo di preparazione molto particolare, come tradizione impone. La ricetta originale infatti, prevede la realizzazione di un infuso a freddo con 2/3 di mandorle fresche pelate ed 1/3 di zucchero. Le mandorle vengono tritate quanto più sottilmente possibile, miscelandole con lo zucchero e ponendo il tutto in un canovaccio a maglie larghe: questo viene messo in infusione in acqua per qualche ora, dopodiché viene strizzato sì da estrarne un gustoso liquido, posto al fresco in frigo; è chiaro che l’uso di un canovaccio a maglie larghe consente che anche minuscoli pezzetti di mandorla tritata andrà a far compagnia all’essenza….ed è proprio questo che caratterizza la bontà del vero latte di mandorla del nostro sud: il fatto di assaporare, bevendo, anche parte della materia prima in pezzetti piccolissimi.

 
Questo è tradizionalmente il procedimento che utilizza il barista del nostro meridione (non è improbabile notare in questi locali ed in bella evidenza, un cartello che recita “QUI LATTE DI MANDORLA ARTIGIANALE”), per deliziare e dissetare avventori e clienti somministrandolo a bicchieri; ma è il medesimo procedimento utilizzato per produrre anche una versione “disidratata”, posta in vendita anche sul web da portali di prodotti tipici, in particolare in

primavera/estate: infatti il diffuso consumo “domestico” ha suggerito di sperimentare anche un packaging differente….in panetti, che riacquista tutto il suo indiscusso gusto e sapore miscelandolo semplicemente e facilmente in acqua: in pratica un concentrato di pasta di mandorla ideale per la preparazione in casa del latte di mandorla proprio come quello del bar. Prodotto artigianalmente con ingredienti assolutamente naturali, non ha nulla a che vedere con gli analoghi preparati industriali, dove la percentuale di mandorla è bassissima ed il gusto viene esaltato artificiosamente con insaporitori, eccipienti e conservanti vari.


Uno di quei prodottini da tenere sempre e comunque a portata di mano, in casa, visto che regala la sua esclusività anche per altri usi: la granita alla mandorla o i budini di mandorla, oltre ad una infinità di altri utilizzi dolciari.

Ed anche stavolta i prodotti del nostro sud stupiscono….a meraviglia!!

prodotti tipici calabresi | panetto per latte di mandorla |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dolcetti di mandorla: comprati in pasticceria?? No no…..preparati facilmente a casa!


Latteria Sociale Valtellina lancia sul mercato il latte UHT a lunga conservazione


1 giugno: è il World Milk Day


OMIA, una crema corpo per ogni pelle


Il Mate: la bevanda di Papa Francesco


LATTE DI CAPRA VENETO: LA SCELTA DEL CASEIFICIO TOMASONI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Innovazione di gusto...nel segno della tradizione: qualche goccia di Miele di fichi per un gelato "diverso dal solito"!!

Innovazione di gusto...nel segno della tradizione: qualche goccia di Miele di fichi per un gelato
Certo che questa bizzarra primavera ci sta davvero sorprendendo rispetto agli anni scorsi: di questi tempi, infatti, già progettavamo per l’imminente  estate della quale già avvertivamo qualche sentore; i nostri week-end erano dedicati alle gite fuori porta ed all'aria aperta, tersa e tiepida della primavera ormai inoltrata; e non neghiamolo, (continua)

I sughi pronti della Calabria: ovvero quando l’innovazione rispetta la tipicità di un territorio

I sughi pronti della Calabria: ovvero quando l’innovazione rispetta la tipicità di un territorio
In un mondo che ci vede correre sempre più “di fretta” il nostro quotidiano vivere, fortunatamente sono intervenute evoluzioni di ogni tipo che hanno reso la vita decisamente più comoda e semplice; ed anche nel campo della gastronomia le novità non sono state, per fortuna, poche. Tra queste in particolare i condimenti pronti, che consentono di poter disporre di d (continua)

Le confetture calabresi al cioccolato: perché di tanto in tanto un "peccatuccio di gola" è concesso!!

Le confetture calabresi al cioccolato: perché di tanto in tanto un
Ormai gli acquisti su internet sono diffusissimi: chi vi ricorre per libri,  per viaggi, chi ancora per capi d’abbigliamento,….sperando di “riuscire a spuntare” prezzi ottimali, cogliendo buone occasioni e proposte sulle vetrine virtuali della rete. Ma ancora, c’è chi vi ricorre in genere cercando qualcosa che non si riesce facilmente a reperire nella dif (continua)

Fichi secchi calabresi: quando l'innovazione si sposa con la più assoluta tradizione artigianale!!

Fichi secchi calabresi: quando l'innovazione si sposa con la più assoluta tradizione artigianale!!
Quando si parla di enogastronomia calabrese subito la mente richiama sapori decisi, quali quelli regalati dal peperoncino, dalla ‘nduja, dai salumi in genere…e di quelli “naturalmente aromatici”, retrogusti intensi racchiusi negli splendidi agrumi dei quali la regione può dirsi fiera. Eppure girovagando tra delizie regionali si scoprono eccellenze anche nel campo d (continua)

Chicche di gusto : il formaggio "ubriaco"!!

 Chicche di gusto : il formaggio
Formaggio e vino, un accostamento rinomato e sicuramente gradito tra i sopraffini intenditori della buona tavola…ma tutto sommato diffuso anche tra l’infinito pubblico dei comuni consumatori. Se poi si tratta di ricercati formaggi dell’italica tradizione gastronomica, affinati ed aromatizzati per un certo periodo di tempo in vinacce di vitigni tipici delle nostre regioni beh, (continua)