Home > Informatica > Il reale impatto della pianificazione e programmazione della produzione sull'efficienza produttiva e sui risultati economici del sistema azienda

Il reale impatto della pianificazione e programmazione della produzione sull'efficienza produttiva e sui risultati economici del sistema azienda

articolo pubblicato da: TesarSpA | segnala un abuso

In un precedente articolo, “I falsi miti sulla programmazione della produzione”, abbiamo citato e sfatato alcune errate credenze che inseguono la programmazione della produzione. Qual è dunque la verità, quella che quotidianamente raccogliamo sul campo, quella che ci ha permesso di scrivere software e produrre hardware direttamente dalle esigenze dei nostri clienti?

La realtà dimostra che una corretta pianificazione della produzione permette di:

  • Verificare lo stato delle risorse di produzione ed intervenire in maniera tempestiva ad ogni necessità;
  • Lanciare gli ordini per l'approvvigionamento dei materiali (MRP, gestione dei fabbisogni in funzione dell'analisi di produzione e della raccolta dati in tempo reale);
  • Mantenere le scorte di materia prima e le giacenze di prodotto finite al livello richiesto e necessario alle singole realtà industriali;
  • Stabilire con largo anticipo date di consegna attendibili e modificarle in funzione dei reali accadimenti o delle innumerevoli variabili che un buon sistema di pianificazione è in grado di tenere in considerazione.

A sua volta, un’ efficiente schedulazione consente di:

  • Governare la produzione, realizzando ciò che serve quando serve;
  • Evitare blocchi del flusso produttivo;
  • Rispettare le date di consegna prefissate;
  • Inserire nuovi ordini non pianificati, ma urgenti.

Pianificazione e schedulazione generano un palese vantaggio economico nell' intero ciclo produttivo, riducendo i tempi di reazione del sistema alle variabili che entrano in gioco nei processi. Inoltre, una produzione programmata permette di aumentare lo standard qualitativo dei prodotti, grazie all’attuazione di controlli concreti.

In linea generale appare intuitivo che pianificare e programmare la produzione non solo consente di minimizzare gli sprechi di tempo e materiali, ma permette di avere una visione globale del processo produttivo, che si estende oltre il tempo di un turno o un giorno di lavoro e abbraccia un intervallo più ampio tale da permettere sia l’attuazione che l’assorbimento delle modifiche apportate alla programmazione stessa.

programmazione produzione | schedulazione |



Commenta l'articolo

 
 

Stesso autore

Sistemi MES: connettere la testa gestionale al braccio operativo

In questi anni di difficile congiuntura economica, la riduzione dei costi dei processi di produzione ed il consolidamento dei risultati raggiunti dall'azienda manifatturiera sono argomenti che assumono particolare rilevanza. Spesso l'attuazione di politiche di contrazione dei costi, come più volte segnalato, avviene tramite la sospensione di nuovi investimenti e la razionalizzazione dell' (continua)

La manutenzione programmata per la contrazione dei costi

Di seguito riportiamo quanto scritto dal mensile Macchine Utensili nella propria newsletter, riguardo alla manutenzione di macchine e impianti. Il concetto espresso dalla rivista è molto semplice: la gestione efficace della manutenzione delle risorse produttive costituisce una delle leve per la riduzione costi, elemento determinante per accrescere la competitività delle aziende di (continua)

Cos’è la Supply Chain e perché è così importante la sua gestione

La Supply Chain o “catena di fornitura” può essere rappresentata come un sistema che, su differenti scale di grandezza, riguarda tutte le aziende di produzione. In linea generale la Supply Chain è una filiera composta da fornitori di materia prima, produttori, fornitori di servizi, vettori trasportatori dei prodotti creati e consumatori finali. Tutti questi soggetti son (continua)

Gestire le scorte per ridurre i costi del processo produttivo

Le moderne tecniche organizzative, dal Just in Time alla Lean Manufacturing o produzione snella, prevedono la riduzione al minimo delle scorte,  in quanto la produzione viene tarata sulle effettive necessità e non su ipotesi non supportate da dati oggettivi o concreti, o da un sovradimensionamento "di sicurezza". Un magazzino ridotto all’essenziale e gestito con logi (continua)

500 milioni per le aziende lombarde che investono in tecnologia

Made in Lombardy è il nome del progetto, che mette a disposizione tanti soldi, ovvero 500 milioni di euro, i cui destinatari sono le aziende manifatturiere lombarde. Un’ occasione davvero ghiotta per mettere mano ai reparti ed investire nella tecnologia e nell’ottimizzazione della produzione, attraverso un sistema informatico specifico per la raccolta dati, la pianificazi (continua)