Home > Cultura > Il Sudafrica si fa avanti per combattere la violenza contro le donne e i bambini

Il Sudafrica si fa avanti per combattere la violenza contro le donne e i bambini

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Il Sudafrica si fa avanti per combattere la violenza contro le donne e i bambini


La Marcia dei 100 Uomini si è snodata nelle strade di Pretoria, Sudafrica, ponendo in rilievo l’impatto della violenza contro le donne e i bambini e sollecitandone la fine. Uomini e donne provenienti da tutto il Sudafrica e da ogni ceto sociale si sono uniti alla marcia: da giudici e avvocati a clero di ogni fede, polizia, infermieri, funzionari civili e, naturalmente, volontari di Mondo Libero dalla Droga.

Come spiega il Direttore Esecutivo di Mondo Libero dalla Droga Sudafrica, Carmen Margro: “La gente ha la tendenza a credere di poter risolvere i propri problemi con la droga e non si rende conto che in realtà li rende molto, molto, molto più gravi. Ho scoperto che circa il 98% degli abusi deriva da droga, alcol, qualche forma di tossicodipendenza”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma in un rapporto: “In molti paesi si sono trovati forti legami tra l’uso di alcol e casi di violenza nei confronti del partner. Le prove suggeriscono che l’uso di alcol aumenti i casi di violenza domestica e la loro gravità”. Era perciò più che appropriato che Mondo Libero dalla Droga si unisse al movimento.

La marcia, guidata da una banda di ottoni della polizia, è andata da Church Square al parco sud degli Union Buildings, sede ufficiale del governo del Sudafrica. Il corteo avrebbe potuto facilmente essere rinominato Marcia dei 1.000 Uomini, dato che erano più di 1.000 a marciare sottobraccio per le strade.

Si sono uniti a loro i ministri sudafricani dell’amministrazione, della comunicazione, delle donne, della polizia e altri vice ministri. Il commissario per l’uguaglianza dei sessi Mbuyiselo Botha ha reso onore, come parte del messaggio della marcia, all’ex presidente Nelson Mandela e all’attivista anti-apartheid Albertina Sisulu affermando: “Volevamo anche coinvolgere uomini per assicurarci che gli uomini facessero sentire la loro voce per dire che la violenza contro le donne non deve succedere e che loro non sono disposti a chiudere un occhio”.

Durante la marcia, i volontari di Mondo Libero dalla Droga hanno distribuito più di 5.000 opuscoli La Verità sulla Droga.

A Firenze e dintorni una rete molta attiva di volontari della campagna La Verità sulla Droga, distribuisce ogni giorno centinaia di opuscoli informativi sui pericoli delle droghe.

Il gruppo opera anche nelle scuole dove porta la campagna La Verità sulla Droga. Attraverso lezioni interattive vengono proiettati video con testimonianze di gente e fatti reali relativi alle droghe specialmente quelle da strada e ricreative.

Il video, forse un po' crudo, è la testimonianza di persone, per lo più ragazzi ex tossicodipendenti, che in qualche modo sono usciti dal raccapricciante tunnel della droga vissuto, e che hanno deciso di testimoniare come la loro vita, quella dei loro familiari e amici ne sia stata distrutta. Lo scopo dei volontari è quello di arrivare, con le giuste informazioni, prima che lo facciano gli spacciatori

Lo scrittore ed umanista L. Ron Hubbard affrontando il tema droga afferma che “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Droga | Un Mondo Libero dalla Droga | L Ron Hubbard | Sud Africa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

"Il Made in Italy delle donne" di Ketty Karraffa


Sudafrica in pillole


In nome dell'Uomo, l'arte contro la violenza


UN SUCCESSO IL CONVEGNO “LA VOCE DEL SILENZIO”


I Settanta Anni Dell' UDI nel messaggio del Presidente Sergio Mattarella


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un rapper che non si droga!

Un rapper che non si droga!
Il Tre è il nome di un giovane rapper controcorrente: nelle sue canzoni non parla di droga, violenza o sesso e conduce lui stesso una vita sobria. Sembra incredibile, una contraddizione in termini, ma si sta facendo strada nel panorama della musica Rap un ragazzo, Guido Senia detto “Il Tre”, che si propone “pulito”. Non fa uso di droghe, non fuma, non canta solo di sesso e armi da fuoco. Gli artisti famosi vengono presi ad esempio dai loro ammiratori, e la responsabilità del mondo rap nei confronti della nostra società non è trascura (continua)

Non tutti sono d’accordo con la legalizzazione di tutte le droghe in Oregon

Non tutti sono d’accordo con la legalizzazione di tutte le droghe in Oregon
L’Oregon ha depenalizzato tutte le droghe, anche per i minorenni. Alcune voci responsabili delle società americana non sono d’accordo. In Oregon, in seguito a un referendum popolare, un adulto o un minorenne trovato in possesso di 38 dosi di LSD, oppure 4 pasticche di Ecstasy, o di poco meno di 1 grammo di eroina, non commette più alcun reato. Verrà semplicemente informato di un possibile percorso, facoltativo, di disintossicazione. La nuova legge è denominata “Misura 110”. Se non fosse sufficientemente chiaro, la Misura 1 (continua)

La grande bugia degli psicofarmaci

La grande bugia degli psicofarmaci
Gli psicofarmaci sono droghe a tutti gli effetti, chi li assume deve essere consapevole di stare iniziando un percorso di tossicodipendenza. Psicofarmaci: droghe o medicine? Lungi dal dare una risposta esaustiva, ecco alcuni spunti di riflessione. Gli psicofarmaci sono sostanze TOSSICHE, dato che alterano l’equilibrio chimico del corpo. Gli psicofarmaci causano ASSUEFAZIONE, dato che di norma è necessario aumentare la dose per mantenere gli effetti). Gli psicofarmaci danno DIPENDENZA, se si smette di assumerli causano v (continua)

La droga disgrega le famiglie

La droga disgrega le famiglie
L’effetto delle crisi di astinenza è così devastante che un tossicodipendente può arrivare ad avere atteggiamenti assai violenti anche nei confronti dei propri cari. Le droghe vengono assunte per “stare bene” ma quello che è certo è che, terminato l’effetto della sostanza tossica, il corpo e la mente possono cominciare a stare molto, molto male. Si tratta delle famose crisi di astinenza: condizioni psicofisiche insopportabili per sfuggire alle quali alcuni tossicodipendenti diventano letteralmente disposti a tutto. La cronaca di questi giorni riporta il (continua)

La marijuana in gravidanza procura gravi danni al feto

La marijuana in gravidanza procura gravi danni al feto
Sempre più donne fumano spinelli in gravidanza: la propaganda le sta convincendo che la marijuana è innocua. L’uso di marijuana si sta diffondendo in tutto il mondo, spinto dalla martellante propaganda mediatica che la classifica ormai come “droga leggera” o addirittura “non droga”. Per non parlare del cattivo esempio fornito da molte nazioni, inclusi vari stati del USA, che hanno depenalizzato la marijuana: se è legale non può essere dannosa. Non c’è da stupirsi quindi se molte donne in gravidanz (continua)