Home > Cultura > La Via della Felicità per riabilitare il rispetto di sé dei carcerati

La Via della Felicità per riabilitare il rispetto di sé dei carcerati

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

La Via della Felicità per riabilitare il rispetto di sé dei carcerati

L’American Jail Association (AJA) è un’organizzazione no-profit nazionale che sostiene i professionisti che operano in prigioni degli Stati Uniti. È l’unica organizzazione dedita ai problemi specifici che gli istituti di correzione della zona devono risolvere.

L. Ron Hubbard, autore del libro La Via della Felicità (TWTH), scoprì che “una carriera criminale comincia sempre nel momento in cui il futuro criminale perde il rispetto di sé”. Egli scrisse: “La riforma o il recupero dei criminali non dipende dalla punizione... ma dal ridare al criminale il rispetto di sé”.

Questo è il punto in cui La Via della Felicità e la AJA si intersecano. Questo opuscolo, con i suoi 21 precetti, costituisce la soluzione comprovata per riabilitare il criminale. I 21 precetti si sono dimostrati uno strumento efficace nel dare ai detenuti una guida per condurre una vita etica, quindi felice e soddisfacente. Il detenuto non solo esce di prigione, ma avendo ripristinato il rispetto di sé, torna nella società come cittadino produttivo. Perciò la Fondazione della Via della Felicità ha compilato il Kit per il Ripristino del Rispetto di Sé, affinché venga usato nelle prigioni di tutto il mondo nell’attuazione del programma.

Lo stand della Via della Felicità è stato allestito presso il convegno dell’American Jail Association tenuto a Sacramento, in California. Qui i materiali sono stati offerti gratuitamente ai funzionari dei penitenziari, al personale del dipartimento dello sceriffo e allo staff amministrativo del dipartimento della correzione. Ogni persona che ha visitato lo stand durante il convegno se n’è andata con il piano di attuare il programma sia con il personale che con i detenuti della loro struttura. Tra queste, uno sceriffo che intende lanciare il programma per tutti i detenuti nella prigione della contea e il direttore dell’addestramento per il dipartimento di correzione di un intero stato, che l’ha richiesto per tutte le prigioni e per due funzionari del centro di correzione di tribù di nativi americani. Riguardo a La Via della Felicità: un funzionario dei centri di correzione del Minnesota ha detto: “Porta i detenuti a pensare in modo nuovo, sfida il loro modo errato di pensare e innesca un cambiamento. Ora si sentono interessati e comprendono che siamo tutti in relazione l’uno con l’altro e che le loro azioni influiscono su tutti noi”.

Un supervisore di gruppo di un carcere minorile ha detto: “Uno dei risultati straordinari di questo programma è stato che parecchi minorenni mi hanno confidato di provare rimorso per quello che avevano fatto in passato. Questo tipo di affermazione è estremamente inconsueto tra i criminali. Non abbiamo problemi di natura disciplinare con loro”.

Sei un insegnante? Un imprenditore? Uno sportivo? Vuoi migliorare il tuo quartiere?

Visita il sito, puoi ordinare i materiali che ritieni ti siano più utili.

http://www.laviadellafelicita.org/

Scientology | La Via della Felicità | L Ron Hubbard | California |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

INIZIARE IL NUOVO ANNO SULLA STRADA DELLA FELICITA’


“Da’ il buon esempio” crea un effetto a catena.


20 marzo 2020 giornata internazionale della felicità.


LA VIA DELLA FELICITA DISTRIBUITA PER UN NEPAL SEMPRE PIU' PROSPERO


On Line il kit gratuito di La Via della Felicita


La via della felicità al Carnevale di Cento


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Con la scusa del cane usciva per spacciare in tempi di coronavirus

Con la scusa del cane usciva per spacciare in tempi di coronavirus
Come evitare di essere fermato dalle forze dell’ordine in tempi di divieto assoluto di circolazione per il contenimento dell’epidemia di coronavirus. Portare il cane al guinzaglio sembrava un trucco brillante, ma quando i finanzieri del comando provinciale di Livorno lo hanno fermato, è stato chiaro che non si trattava di una semplice passeggiata. Lo spacciatore tunisino di 28 a (continua)

La responsabilità dei genitori di adolescenti in materia di rispetto della legge

La responsabilità dei genitori di adolescenti in materia di rispetto della legge
A Milano, una delle province più colpite dal coronavirus, quattro ragazzi tra i 14 e i 15 anni sono stati sorpresi per strada, senza documenti e senza un valido motivo per essere fuori di casa, uno di loro era in possesso di hashish. A quanto pare, questo giovanissimo milanese sentiva il bisogno di assumere droga in compagnia, e questo desiderio era evidentemente più forte della vigi (continua)

Crystal Meth: overdose, suicidi e nazismo

Crystal Meth: overdose, suicidi e nazismo
Il Crystal Meth è una delle droghe più pericolose attualmente in circolazione, è persino difficile descrivere con realismo l’interminabile serie di conseguenze micidiali che causa. Si tratta di una “meta-amfetamina”, protto di sintesi in laboratori chimici clandestini, tagliata con schifezze come acido per batterie e liquido antigelo. Viene smerciata sotto fo (continua)

La marijuana non genera crisi di astinenza? Niente di più falso!

La marijuana non genera crisi di astinenza? Niente di più falso!
Due dei falsi miti che riguardano la marijuana, definita irresponsabilmente “droga leggera” sono che, a differenza delle altre droghe, non genererebbe dipendenza e non causerebbe crisi di astinenza. Ecco che le recenti tragiche vicende legate al coronavirus ci hanno dato modo, in via sperimentale, di determinare che la cannabis si comporta esattamente come tutte le altre droghe. Niente (continua)

Colpa del coronavirus, non si trova più la roba: la soluzione è l’antiproibizionismo?

Colpa del coronavirus, non si trova più la roba: la soluzione è l’antiproibizionismo?
Quando finisce l’effetto della sostanza stupefacente, il corpo si ribella e causa una “crisi di astinenza” con sintomi spesso molto pesanti (dipende dalla sostanza e dallo stadio di dipendenza a cui si è giunti). In questo periodo di drastiche limitazioni agli spostamenti senza giustificato motivo, per gli spacciatori non è facile né rifornirsi dai trafficant (continua)