Home > Musica > “MA CI SEI TU” “-Il Pop-Falò di Sesto, il cantautore felice, che combatte la precarietà con la musica ed ama le canzoni italiane degli anni ’70“

“MA CI SEI TU” “-Il Pop-Falò di Sesto, il cantautore felice, che combatte la precarietà con la musica ed ama le canzoni italiane degli anni ’70“

scritto da: Luciana Moscariello | segnala un abuso

“MA CI SEI TU” “-Il Pop-Falò di Sesto, il cantautore felice, che combatte la precarietà con la musica ed ama le canzoni italiane degli anni ’70“


 

 

Ecco “Ma ci sei tu”, il primo singolo di Sesto 28 anni, cantautore napoletano ma residente a Casoria.

Il brano,  in uscita, su etichetta ed edizioni Suono Libero Music, farà parte di un mini-ep di quattro tracce che lo presenterà al grande pubblico.

E’ una canzone energetica e   generazionale, che vuole dar voce e descrivere la realtà che vivono i giovani di oggi. Perennemente di corsa, ognuno con i propri affanni, alla ricerca della sua isola felice.

 L’artista partenopeo definisce così la musica : “Il mio sound è gioia ed empatia con chi ho davanti, l’esatto contrario della maggior parte della musica che passa oggi tende alla tristezza. L’ho definito Pop-Falò -continua Sesto- perché la mia dimensione ideale è voce e chitarra al servizio del pubblico che può cantare ed interagire, esattamente come i falò degli anni ’70, periodo da cui derivano le canzoni che amo di più”.

La positività è la sua cifra stilistica, unita ad una vocalità interessante e personale decisamente più matura della sua carta d’identità: “Viviamo una vita troppo dura ed il mio repertorio deve portare benessere, essere un momento di svago e di relax per la gente “.

L’amicizia è alla base di tutto per Sesto ed anche la storia di “Ma ci sei tu” ne è intrisa: “L'idea della lavorazione al brano nasce dalla grande amicizia con Vincenzo Falco, musicista dei Capone & BungtBangt che ha arrangiato il mio singolo. Ricordo ancora tutti i pomeriggi passati nel suo studio per abbozzare quella che poi sarebbe stata la canzone finale".

 

E poi continua così: “Lui è stato il primo a credere in me e, con l'aiuto di Alessandro Paradiso (anche lui in forza a Capone & BungtBangt n.d.r.) che è l'ideatore e regista del videoclip, abbiamo completato quello che reputo un magnifico lavoro, impreziosito dalle chitarre di Diego Leanza”.

Ed è proprio grazie a Falco che avviene l’incontro con Nando Misuraca, produttore della Suono Libero Music, etichetta indipendente dal tiro nazionale, che gli ha offerto il suo primo vero e proprio contratto da professionista.

Il cantautore napoletano è amante del pop italiano ma, nella sua ricerca non si ferma agli evergreen, ma scova piccole gemme nascoste da rilanciare, attraverso la sua personale chiave di lettura.

Un’ esempio è il brano “Tornerò” dei Santo California, canzone classe ’75 , eseguita dal cantautore napoletano in un’intensa versione minimal-acustica che la attualizza ai giorni nostri.

Sesto, che prende il suo cognome dalla nonna paterna, si avvicina alla musica in adolescenza da autodidatta cominciando, da subito, a suonare da autodidatta.

Dal genio di Lucio Battisti a far da sommo ispiratore, ai Pooh, gli Alunni del Sole, Camaleonti ed, addirittura, i Cugini di Campagna di cui apprezza particolarmente l’ex frontman Nick Luciani.


IL SINGOLO

 

Il singolo “Ma Ci sei tu”  è un concentrato di tutte le influenze e l’energia dell’artista. Come racconta lo stesso Sesto: “45 minuti per scriverla, seduto sul letto. Nasce nella mia cameretta da un'idea con rudimenti di chitarra bossanova poi sviluppata in chiave melodica. “

Il concept è semplice e diretto: “Descrive il mio stato d'animo dell'epoca. Quindi precarietà del lavoro, la voglia di indipendenza e di evadere dalle routine familiare. La salvezza era la relazione che vivevo e la forza che deriva dai sentimenti. Ma anche e, soprattutto, l’amore per la musica che salva".

L'EP che contiene il singolo è composto, oltre che dalla canzone di lancio, anche da alcune cover rivisitate dall'artista in chiave acustica. La particolarità della scelta dei brani è che i titoli sono stati suggeriti dagli amici di Sesto attraverso un vero e proprio sondaggio sui social che ha portato alla rosa delle canzoni incise :"Amo assecondare chi mi ascolta ed intrepretare a modo mio le loro richieste musicali. Questo mi dà grande stimolo e la possibilità di ascoltare cose nuove e potenzialmente ispiranti"

 

(a cura dell’Ufficio Stampa Suono Libero Music)


Fonte notizia: https://www.suonoliberomusic.com/


arte | cultura musica | musica pop |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Christian Music ...e i suoi cantautori!


GSS Laguna Seca: Eccellente sesto posto per Torres


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


SANREMO PER IL SOCIALE


IPPOLITO: “PIANO POP” è il disco di cover piano e voce che omaggia i grandi classici della musica leggera italiana


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“GUAGLIONA” Un ponte tra Napoli e Sudamerica contro la violenza sulle donne nel nuovo singolo di Mark J Evo

“GUAGLIONA” Un ponte tra Napoli e Sudamerica contro la violenza sulle donne nel nuovo singolo di Mark J Evo
Un’ideale ponte tra Napoli e Sudamerica, “Guagliona” è il nuovo singolo del giovanissimo Mark J Evo su etichetta Suono Libero Music. Il brano  è un riadattamento italiano di “Ella Quiere Beber” (in lingua napoletana con testo di Nando Misuraca) , grande successo del trapper Anuel AA feat. Romeo Santos, una canzone di genere dancehall da oltre 529 m (continua)

“Dov’è la musica” - “La favola di Rocco Speranza, tenore napoletano emigrante in Australia che ha firmato con la Sidney Opera House”

“Dov’è la musica” - “La favola di Rocco Speranza, tenore napoletano emigrante in Australia che ha firmato con la Sidney Opera House”
  Ci sono favole che per diventare tali passano attraverso percorsi lunghi, pieni di fatica, alimentati dalla fiamma ardente dei sogni. Poco importa se per realizzarli bisogna attraversare il mondo intero percorrendo oltre 14000 km. E questa è la storia di Rocco Speranza, tenore, partenopeo doc emigrato in Australia dal 2013, che è il primo napoletano a firmare con il prest (continua)

“STORIE” DI MASSIMO RICCIUTI ARRIVA ALLA MOOKS MONDADORI DI NAPOLI

“STORIE” DI MASSIMO RICCIUTI ARRIVA ALLA MOOKS MONDADORI DI NAPOLI
  Si terrà sabato 1 dicembre 2018 alle ore 18 presso la Mooks Mondadori (Piazza Vanvitelli) la presentazione ufficiale dell'album "Storie" di Massimo Ricciuti prodotto da Suono Libero Music e distribuito in digitale e sul nazionale da Halidon. Nel salotto letterario vomerese Il poliedrico scrittore, giornalista e cantautore napoletano incontrerà il pubblico con uno (continua)

Ecco Mark J Evo, il cantautore napoletano che ama la musica latina. "Otra como tù" è il nuovo singolo

Ecco Mark J Evo, il cantautore napoletano che ama la musica latina.
  Si intitola "Otra como tù" ed è il nuovo singolo di Mark J Evo, il cantautore napoletano innamorato della musica latina. Un brano reggaeton ritmato e pieno di energia giovane, come i sogni freschi del suo giovane autore. 20 anni, All'attivo 3 singoli di grande impatto social, l'artista napoletano va controcorrente e conferma la sua volontà di continuare (continua)

Le mille anime del poliedrico Massimo Ricciuti: giornalista, scrittore e cantautore. Ecco "Storie" il suo album lanciato dal singolo generazionale "Ci sei"

Le mille anime del poliedrico Massimo Ricciuti: giornalista, scrittore e cantautore.  Ecco
“STORIE” è un progetto musicale ideato e scritto da Massimo Ricciuti, che va ben oltre il senso discografico perché, per la stratificazione semantica e semiotica (senso del discorso e segni usati), è capace di allargare il proprio orizzonte verso diverse tipologie di consumatori. Attraverso un sound che mescola echi mediterranei a sonorità balcaniche e (continua)