Home > News > Senigallia: educare al rispetto tramite i diritti umani

Senigallia: educare al rispetto tramite i diritti umani

scritto da: Affaripubblicipadova | segnala un abuso

Senigallia: educare al rispetto tramite i diritti umani


 I volontari di Scientology di Senigallia sabato pomeriggio si riverseranno sul lungo mare di Senigallia per diffondere la conoscenza dei 30 articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

La Chiesa di Scientology e gli scientologist supportano “Uniti per i Diritti Umani”, un movimento internazionale con oltre 150 sezioni e il suo materiale educativo, tradotto in 27 lingue, porta il messaggio dei diritti umani in 195 nazioni. Gli annunci di pubblica utilità di Gioventù per i Diritti Umani e il film didattico “La Storia dei Diritti Umani” vengono trasmessi ogni anno in decine di paesi da centinaia di stazioni televisive. Inoltre mettono a disposizione gratuitamente il materiale informativo. Lo fanno in molti modi e in ogni dove con molte iniziative, come quella che si svolgerà a Senigallia questo fine settimana.

Di educare al rispetto tramite i diritti umani se ne è parlato alle Nazioni Unite nel 16° Summit Internazionale di “Gioventù per i Diritti Umani”, che si è tenuto dal 27 al 29 giugno, presso la sede delle Nazioni Unite, a New York. Presenti delegati di 45 nazioni, 7 dall’Italia.

Il summit ha riunito giovani delegati in rappresentanza di 45 nazioni con ambasciatori dell'ONU e leader della società civile per sostenere la loro missione e consentire di realizzare obiettivi per un futuro in cui rispetto, dignità e pace siano valori fondanti della società.

Presenti 7 italiani in rappresentanza di 3 associazioni di promozione e tutela dei diritti umani e dei giovani attivi nel farli conoscere.

Beth Akiyama, direttrice dell'ufficio per le questioni di competenza nazionale della Chiesa di Scientology di Washington DC, nel suo intervento finale ha detto: “Ecco che cosa può fare l'educazione con i materiali informativi di Gioventù per i Diritti Umani incentrati sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Nell'ultimo anno il curriculum completo sui diritti umani è stato fornito a 4.566 insegnanti. Otre 5.800 scuole hanno ottenuto e consegnato il materiale per l'educazione sui diritti umani di Gioventù per i Diritti Umani. Oltre 774.000 giovani hanno ricevuto opuscoli che descrivono gli articoli della Dichiarazione Universale.”

Speranza e realizzazione erano i temi comuni di cui si è parlato durante la sessione di apertura del sedicesimo summit, trasmesso in diretta dal 27 giugno nella sala delle conferenze della sede delle Nazioni Unite, a New York. Il programma, organizzato da Gioventù per i Diritti Umani International, è stato patrocinato dalla Missione permanente di El Salvador delle Nazioni Unite, con l’aiuto delle missioni permanenti delle Nazioni Unite del Ghana, Moldova, Gambia e Sierra Leone.

Nel suo messaggio video ai giovani delegati, il premio Nobel per la pace José Manuel Ramos-Horta, ex presidente di Timor Est, li ha esortati a continuare la loro missione per rendere i diritti umani una realtà.

Durante il Summit è stato consegnato il premio “Eroe per i Diritti Umani” a coloro che, grazie alla loro iniziativa e coraggio, hanno divulgato in modo significativo e fatto applicare i diritti umani nelle rispettive nazioni e comunità.

Elena Martini, presidente dell’associazione “Arte e Cultura per i Diritti Umani” ha ricevuto l’ambito premio per l’importante contributo dato alla divulgazione dei principi della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani in centro Italia. Grazie al suo lavoro più di 20.000 studenti hanno assistito a conferenze educative sul tema dei diritti umani con risultati davvero incoraggianti.

I giovani delegati e gli ambasciatori che partecipano al summit annuale vengono selezionati in base ai risultati concreti nel risolvere i conflitti, promuovere la parità dei sessi, affrontare il traffico di esseri umani e altre violazioni nei loro paesi.

Il summit ha offerto ai giovani l'opportunità di entrare in contatto con coetanei di altre nazioni e di trarre beneficio dall'esperienza di funzionari e ONG di tutto il mondo che condividono il loro impegno nel promuovere i diritti umani.

Toccante è stata la manifestazione tenuta nella stazione centrale di NY dove i giovani delegati hanno distribuito opuscoli e letto i 30 articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Negli ultimi 16 anni il summit si è trasformato in una piattaforma per stabilire partnership e amicizie internazionali con i delegati di oltre 70 paesi.

Gioventù per I Diritti Umani International (YHRI) è la componente giovanile di Uniti per i Diritti Umani (UHR). È un'organizzazione mondiale no-profit fondata nel 2001 con lo scopo di insegnare ai giovani la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani per ispirarli a diventare sostenitori del rispetto tra le persone di ogni etnia, razza, sesso, fede religiosa ed età.

Per informazioni visita il sito: www.youthforhumanright.org



 

Potrebbe anche interessarti

UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


Cesena: Far conoscere i Diritti Umani – in formato cartaceo o attraverso i servizi On-Line


Apprendere i Diritti Umani - SERVIZI ON-LINE PER L’ISTRUZIONE


Uniti per i diritti umani: la conoscenza ci rende liberi


La Chiesa di Scientology per l’educazione sui Diritti Umani


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

CESENATICO: Informare in merito agli effetti devastanti delle droghe.

Ritornano a Cesenatico i volontari per un mondo libero dalla droga. La verità viene sempre prima delle bugie. Campagna informativa tesa a fornire la VERITA’ sulla droga. Lo scopo è di raggiungere i ragazzi prima delle menzogne degli spacciatori. Per contrastare il devastante uso di droghe ed allargare l’informazione i volontari di Mondo Libero dalla droga della Romagna, in questi g (continua)

Ravenna: Iniziativa di beneficenza per il Natale 2021per regalare un sorriso ai nonni della città!

I volontari “La via della felicità-Amici di L. Ron Hubbard” fanno la raccolta doni tra i negozi e il mercato di Ravenna. I regali verranno poi consegnati agli operatori delle case di riposo che penseranno alla consegna portando ai Nonni gli auguri da parte di tutti i cittadini Romagnoli che hanno generosamente offerto doni e tanti dolcetti per i nonni ospiti delle strutture. Questa inizi (continua)

Volontari presenti in zona Rocca a Senigallia per ripulire l'area dal degrado promuovendo il precetto "Proteggi e migliora il tuo ambiente" de La via della felicità 

Volontari presenti in zona Rocca a Senigallia per ripulire l'area dal degrado promuovendo il precetto
Raccolte decine di bottiglie abbandonate, plastica e sporcizia. Continuano gli interventi dei volontari del gruppo La via della felicità a Senigallia che l’altra sera si son dati appuntamento per ripulire dai rifiuti abbandonati alcuni angoli della storica Rocca di Senigallia.  Visto l’esito della pulizia, è evidente che serve molta più educazione e buonsenso per cambiare il pun (continua)

Continua la campagna d’ informazione preventiva sulle droghe a Cesena

Continua la campagna d’ informazione preventiva sulle droghe  a Cesena
I volontari Mondo libero dalla droga, continuano la campagna di prevenzione alle droghe; sabato 13 novembre sono a Cesena per distribuire l’opuscolo informativo gratuito “La verità sulla droga”. Il business multimilionario della droga sta intrappolando la vita dei nostri ragazzi, che si tratti di droga legale o illegale non c’è differenza, la vita è vita come la morte è morte! La dr (continua)

Lo spaccio e il traffico di stupefacenti si digitalizzano

Lo spaccio e il traffico di stupefacenti si digitalizzano
Continuano le attività di prevenzione dei volontari Mondo Libero dalla Droga di Vicenza. In base alla più recente Relazione Europea sulla Droga dell’Osservatorio Europeo delle Droghe e delle Tossicodipendenze: “La produzione e il traffico di stupefacenti sembrano essersi rapidamente adattati alle restrizioni connesse alla pandemia e abbiamo riscontrato pochi elementi che indichino importanti interruzioni nell’approvvigionamento. Le misure di distanziamento sociale posso (continua)