Home > Cultura > I volontari di Scientology promuovono il primo libro di L. Ron Hubbard: Dianetics

I volontari di Scientology promuovono il primo libro di L. Ron Hubbard: Dianetics

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

I volontari di Scientology promuovono il primo libro di L. Ron Hubbard: Dianetics


Lo scorso giovedì 11 luglio 2019 i volontari della Chiesa di Scientology sono stati presenti nel centro di Scandicci con un banchino promozionale, allo scopo di diffondere e far usare i contenuti del libro Dianetics.

Pubblicato il 9 maggio del 1950 per la prima volta, il libro “Dianetics: La Forza del Pensiero sul Corpo”, è più volte apparso nelle classifiche dei best-seller, ed è il lavoro che costituisce la base della religione di Scientology. Si tratta infatti del resoconto di 12 anni di studio indipendente sulla mente umana effettuato da L. Ron Hubbard, il fondatore di Scientology.

Dianetics è disponibile in 51 lingue ed è distribuito da New Era Publications. Esiste anche come audiolibro e vi sono anche film descrittivi in formato DVD.

"E' una scienza del pensiero organizzata, fondata su ben precisi assiomi: affermazioni di leggi naturali dello stesso ordine di quelle delle scienze fisiche." L. Ron Hubbard

 

Che cos'è Dianetics?

La parola Dianetics deriva dalla parola greca dia, che significa "attraverso" e nous, che significa "anima", ed è definita come "ciò che l'anima fa al corpo."

 

Dianetics è una metodologia che può aiutare ad alleviare sensazioni ed emozioni indesiderate, paure irrazionali e malattie psicosomatiche (malattie causate o aggravate da stress mentale). È più accuratamente descritta come ciò che l'anima fa al corpo attraverso la mente.

 

Che cos'è la Mente?

La mente è essenzialmente un sistema di comunicazione e di controllo tra la persona e il suo ambiente. La mente è composta di immagini mentali che sono registrazioni di esperienze del passato. L'individuo usa la mente per porre e risolvere problemi relativi alla sopravvivenza e per dirigere i propri sforzi a seconda di queste soluzioni.

 

Che cos'è la Mente Reattiva?

La mente reattiva è quella parte della mente di una persona che funziona completamente in base ad un meccanismo di stimolo-risposta, che non è sotto il controllo cosciente della persona e che esercita forza e potere di comando sulla sua consapevolezza, i suoi scopi, i suoi pensieri, il suo corpo e le sue azioni.


Fonte notizia: https://www.dianetics.it


Dianetics | Scientology | L Ron Hubbard | salute mentale | Scandicci |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L. RON HUBBARD FONDATORE - PREMI E RICONOSCIMENTI


L. Ron Hubbard Umanitario - premi e riconoscimenti


Dianetics: La Forza del Pensiero sul Corpo compie 65 anni


13 MARZO 2020 - ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI L. RON HUBBARD


 “Terra incognita: la mente”


La Chiesa di Scientology di Melbourne : prima Chiesa ideale di Scientology sotto la Croce del Sud


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana
Nel 2014 in Colorado è stata legalizzata la marijuana per uso ricreativo, da quel momento sono in forte aumento i ricoveri al pronto soccorso per una sindrome denominata CHS, dovuta all’abuso di cannabis. In Colorado la marijuana è stata legalizzata per ragioni mediche nel 2009 e per uso ricreativo nel 2014. In uno studio pubblicato su “Annals of Internal Medicine”, si descrivono più di 2.500 visite connesse al consumo di cannabis al pronto soccorso di un grande ospedale pubblico in Colorado tra il 2012 e il 2016. La causa più comune del ricovero è la cosiddetta “iperemesi”, ovvero conati d (continua)

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani
Il coma etilico è uno stato di avvelenamento acuto da etanolo (alcool) che procura incoscienza e, a volte, la morte. L’idea che l’alcool non sia una droga è ancora molto diffusa. Certo, si tratta di una sostanza usata dall’uomo da tempo immemorabile, e che assunta in piccole quantità non causa danni rilevanti. Ma bisogna tener conto che il suo abuso causa effetti devastanti, e che si tratta della sostanza che causa ogni anno più morti di tutte le altre droghe messe insieme. È di pochi giorni fa la notizi (continua)

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga
Un criminale che spaccia, una volta arrestato, secondo il dettame costituzionale dovrebbe uscire “rieducato” e cambiare vita. Prendendo spunto da una notizia di cronaca, viene spontanea una riflessione sull’efficacia rieducativa delle pene detentive correnti. Ad Agrigento un 28enne ai domiciliari per una precedente condanna per droga, è stato arrestato in flagranza di reato in quanto deteneva in casa cocaina, marijuana e tutto l’armamentario classico per la preparazione e lo spaccio delle dosi. A San Giovanni in Fio (continua)

Il lockdown e gli spalloni della droga

Il lockdown e gli spalloni della droga
Durante il lockdown i rifornimenti di droga nella Venezia Giulia non potevano mancare, così gli spacciatori si sono trasformati in “spalloni” contrabbandieri attraverso le montagne del Carso tra Italia e Slovenia. Un triestino e un goriziano sono stati arrestati per spaccio di droga, entrambi avevano precedenti per lo stesso motivo ed erano tenuti sotto controllo dalla polizia per attività sospette. In effetti detenevano cocaina, eroina, hashish e marijuana. Tralasciando i dettagli della vicenda, è interessante notare come l’attività criminosa dei due spacciatori non si fosse fermata durante il lock (continua)

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)