Home > Arte e restauro > La visionarietà tra arte e spirito di Mauro Maisel

La visionarietà tra arte e spirito di Mauro Maisel

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

La visionarietà tra arte e spirito di Mauro Maisel


Nell'individuare le peculiarità distintive del suo fare arte la dottoressa Elena Gollini ha spiegato: "Per Mauro Maisel ogni opera è simbolo di vera e autentica elevazione e ogni gesto creativo costituisce il raggiungimento di un'intima ascensione emozionale e arricchimento interiore. Nella sua arte emerge qualcosa di intangibile volutamente celato e non del tutto svelato e rivelato, per lasciare all'osservatore la possibilità di guardare oltre e vedere più lontano rispetto all'immediatezza dell'immagine riprodotta e l'opportunità di calarsi e immergersi dentro la coreografia compositiva e di manifestare le proprie riflessioni interpretative in completa e assoluta libertà. È un'arte che sviluppa la commistione armoniosa ed equilibrata di tecniche artistiche differenti, in un vortice dinamico e animato di sensazioni e percezioni da cui trapela il suo stato d'animo durante l'atto creativo. Il ritmo del mondo e del nostro vivere quotidiano accelera di continuo e fa perdere frammenti importanti della nostra essenza spirituale. Con la sua arte Mauro vuole riportare in primo piano l'attenzione su tale essenza primaria e ricondurre lo spettatore al senso puro e incontaminato dell'immateriale e della dimensione spirituale di cui siamo fatti".

Il sogno, la fantasia, l'irrazionalità inconscia, l'immaginario onirico affiorano come tematiche predominanti nella ricercata poetica di Mauro, che pone l'accento su una visione fantastica delle immagini percepite e traslate mediante una formula di astrattismo materico e cromatico di intenso impatto suggestivo. La vivace e appassionata vena creativa si rivolge a quel senso profondo che avvolge tutta l'arte informale non figurativa e la personalizza con connotazioni distintive sostanziali di qualificante levatura, che ne rendono lo stile espressivo ben identificabile e subito riconoscibile. Nella sequenza narrativa dimostra l'abile capacità di saper creare e individuare delle precise e definite sezioni coloristiche che accentuate fanno risaltare e danno vitalità all'intera composizione, nel tripudio dinamico delle declinazioni e combinazioni tonali dense e corpose che imprimono ritmo e plasticità. Con la sua arte Mauro sembra quasi voler esprimere il desiderio di sognare la "realizzazione dell'impossibile" invitando lo spettatore a soffermarsi con attenzione e a riflettere e pensare sui significati sottesi intrinsechi inseriti dentro la costruzione scenica, traducendo e interpretando a livello visivo ed emozionale le percezioni sprigionate dalla sfera sensoriale. Ogni opera realizzata gli permette di essere più consapevole della sua essenza mentale e spirituale, procedendo verso un viaggio magico da intraprendere insieme all'osservatore. La sua diventa una rievocazione fantastica del bello, di qualcosa di elevato che simboleggia lo spirituale, l'etereo, il senza tempo, l'eterno, l'infinito.


Fonte notizia: http://www.elenagolliniartblogger.com/2019/07/17/la-visionarieta-arte-spirito-mauro-maisel/


Mauro maisel | maisel | artista | italiano | arte | artisti | italiani | italia | colore | cromatismo | opere | opera | pittore | pittura | scultore | sculture | scultore | dipinto | art | mostra | mostre | esposizione | collettiva | personale |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mauro Maisel eclettico sperimentatore creativo


Mauro Maisel artista di moderna ispirazione sperimentale


Mauro Maisel: arte per stupire e per stupirsi


Mauro Maisel: arte in continuo divenire


La carriera del manager Mauro Ticca, manager del settore logistica e trasporti


Leonardo, consegnati i Premi Innovazione 2016: le parole dell’AD Mauro Moretti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Federico Colli: voli pindarici tra sogno e realtà

Federico Colli: voli pindarici tra sogno e realtà
Federico lavorando con meritato successo anche in ambito sportivo, è abituato a darsi dei traguardi e delle mete di arrivo e anche nell'arte immette questa virtuosa intraprendenza e determinazione, che si riflette e si rispecchia nelle scelte di percorso stilistico. L'intraprendenza creativa appassionata di Federico Colli lo spinge verso funambolici voli pindarici, dove mente e cuore viaggiano insieme in perfetta sintonia e dove si sostanzia e si profila una sospensione, che resta in bilico tra sogno e realtà, tra reale e immaginario. Nell'approfondire i tratti e gli aspetti salienti del suo fare artistico la Dott.ssa Elena Gollini ha dichiarato: “Feder (continua)

“Il marmo dai 1000 volti” di Massimo Caramia: arte per l'arte

“Il marmo dai 1000 volti” di Massimo Caramia: arte per l'arte
“Il marmo dai 1000 volti” è un pregevole e ambizioso progetto che prende vita dalla grande sensibilità intuitiva del maestro del marmo Massimo Caramia, in collaborazione con la dottoressa Elena Gollini. Il patrocinio istituzionale conferito dal Comune di Pietrasanta ha ulteriormente amplificato la portata e la rilevanza sociale e collettiva di questo articolato progetto di ricerca, che ha co (continua)

L'intenso paradigma semantico nella pittura di Alessandro Giordani

L'intenso paradigma semantico nella pittura di Alessandro Giordani
"Alessandro Giordani è in primis un artista del cuore, un pittore del sentimento, un creativo nel trasporto dell'anima, che non cerca una propria auto celebrazione sterile e un esibizionismo estremo, ma compie una sua selezione semantica ben precisa e ponderata, per trasferire dentro la sua arte pittorica un intenso paradigma di significati pregnanti a cui dare voce e pensiero riflessivo, d (continua)

L'arte di Davide Romanò sulla scia del simbolismo pittorico

L'arte di Davide Romanò sulla scia del simbolismo pittorico
I pittori simbolisti cercarono di fissare sulla tela le emozioni e come scrisse il poeta Jean Moréas di "vestire l'idea in forma sensibile". Così come i poeti simbolisti erano convinti che ci fosse una corrispondenza tra il suono, il ritmo e il significato delle parole, così i pittori simbolisti pensavano che il colore e la linea potessero esprimere i sentimenti. Nella scia dei simbolisti so (continua)

L'antica tradizione del colore blu nella pittura di Roberto Re

L'antica tradizione del colore blu nella pittura di Roberto Re
Online la mostra "Rhapsody in blue" dedicata all'artista Risale alla notte dei tempi l'origine del colore blu. In particolare, si tramanda che furono gli antichi Egizi nel 2200 a.C. a scoprire il suo valore intrinseco connaturato, nel tentativo di creare un pigmento permanente, che potesse essere applicato ad una varietà eterogenea di superfici, con un utilizzo duttile e versatile. Da allora, il blu ha continuato ad evolversi e svilupparsi con sva (continua)