Home > Altro > Tumore al seno: si può allattare dopo?

Tumore al seno: si può allattare dopo?

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Tumore al seno: si può allattare dopo?


A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

Il tumore al seno è una delle forme tumorali con il tasso di incidenza maggiore tra le donne [1]. Molte che si sono ammalate di cancro al seno, dopo il trattamento, desiderano avere un figlio, ma allo stesso tempo si chiedono se sia possibile poi allattarlo normalmente. È importante sapere che l'allattamento naturale, anche dopo il trattamento di un tumore mammario, dovrebbe essere incentivato da tutti gli esperti del settore.

Il cancro al seno è dovuto a una produzione incontrollata di alcune cellule ghiandolari mammarie, ed è una patologia molto grave se la diagnosi avviene tardivamente. I fattori di rischio associati allo sviluppo del tumore al seno possono essere i seguenti:

·         familiarità

·         aver avuto la prima mestruazione prima dei 12 anni

·         essere andate in menopausa dopo i 50 anni

·         essere nullipare

·         aver avuto il primo figlio dopo i 30 anni [1].

 Avere una predisposizione genetica alla patologia, può aumentare il rischio di sviluppo del tumore alla mammella. Le alterazioni ai geni BRCA1 e BRCA2, in particolare, sono responsabili del 50% dei casi di forme ereditarie di cancro mammario [1].

 In Italia il cancro al seno colpisce le donne fino a 49 anni di età nel 41% dei casi, quelle tra 50 e 60 anni nel 35% dei casi, nel 22% dei casi le donne ultra settantenni. Sebbene i casi di tumore al seno aumentino, i casi di decesso sono in diminuzione, e ciò grazie all'aumento dei programmi di screening per la diagnosi precoce e ai progressi che avvengono ogni giorno in campo terapeutico. Le stime indicano che in Italia la sopravvivenza del paziente dopo cinque anni dalla diagnosi di un tumore mammario è dell'87% [2].

 Aver avuto un tumore al seno non pregiudica la possibilità di allattare. Basta anche una sola mammella per nutrire il proprio bimbo e non è stato dimostrato che possa verificarsi un passaggio di cellule tumorali dalla madre al lattante tramite la suzione [3]. Dopo un'operazione chirurgica, il seno operato produce meno latte, tuttavia, solitamente, consente l'allattamento del bimbo. Ѐ importante che la donna prenda delle precauzioni, come il drenaggio della mammella, prima di sottoporsi alle ecografie di routine durante l'allattamento [3].

Una donna che deve allattare dopo aver avuto un cancro al seno dovrebbe essere monitorata per ottenere un'adeguata stimolazione e lo svuotamento di uno o di entrambi i seni. Una soluzione molto utile potrebbe essere quella di far cambiare posizione al bimbo per aiutarlo a trovare l'attacco migliore per agevolare l'allattamento [3].

 La familiarità al tumore al seno può essere analizzata grazie ai test genetici. Il test Sorgente BRCA è un test di screening che permette di studiare le alterazioni ai geni BRCA1 e BRCA2 legate all'insorgenza di neoplasie mammarie e ovariche nel 5-10% dei casi. Il test prevede un prelievo ematico, ed è raccomandato soprattutto alle donne che hanno o hanno avuto in famiglia dei casi di tumore al seno. Il test Sorgente genetica offre esiti utili per iniziare un percorso di screening personalizzato.

 

Per maggiori informazioni: www.brcasorgente.it

 

 Fonti:

1. Fondazione Veronesi - www.fondazioneveronesi.it

2. AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) - https://www.aiom.it/wp-content/uploads/2018/11/2018_LG_AIOM_Mammella.pdf

3. Allattamento al seno dopo neoplasia mammaria: una scelta possibile – F. A. Peccatori, G. Bellettini - http://win.mnlpublimed.com/public/0818A03.pdf

 

tumore al seno | cancro al seno | mutazione BRCA | prevenzione tumore al seno |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Fattori di rischio e diagnosi precoce del tumore al seno: cosa serve sapere


Pexidartinib riduce le dimensioni del Tumore tenosinoviale a cellule giganti (TGCT)


Allattamento: l'effetto protettivo per il tumore al seno


Daiichi Sankyo Italia si tinge di “rosa”: da PinkPositive a PartecipareXPrevenire


I falsi miti più comuni sui tumori


Prevenzione del tumore al seno: il male si può sconfiggere


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)