Home > Spettacoli e TV > Il Clan dei Ricciai, la Sardegna più estrema nella biofiction di Pietro Mereu con le musiche di Perrino

Il Clan dei Ricciai, la Sardegna più estrema nella biofiction di Pietro Mereu con le musiche di Perrino

articolo pubblicato da: Renail87 | segnala un abuso

Il Clan dei Ricciai, la Sardegna più estrema nella biofiction di Pietro Mereu con le musiche di Perrino

Giunge nell'ambito di Doppio Sogno, rassegna cinematografica d'autore organizzata da Galleria Toledo e ospitata a Villa Pignatelli, “Il Clan dei Ricciai”, ultimo lavoro del regista Pietro Mereu che sarà proiettato in anteprima a Napoli venerdì 19 luglio 2019, alle ore 20,30.

 

In concorso al premio David di Donatello nel 2018, il documentario narra la storia di Gesuino, Massimo, Simone, Bruno, Andrea e Joe, ex detenuti che, scontata la propria pena,  trovano nell'attività della pesca dei ricci una possibilità di reinserimento sociale. Sullo sfondo di una Sardegna a tinte forti, lontana dai circuiti turistici, in cui si rivelano scorci di degradazione suburbana dove la violenza è ovunque e la sopraffazione l'unica possibilità per sopravvivere, si snodano le vite di questi uomini sempre al limite fra lecito e illecito, fra la legge precostituita dal “continente” e la giustizia personale. Con il capo del clan, Gesuino, che parla solo lo slang della mala cagliaritana e grazie alla sua capacità organizzativa ha messo su un piccolo impero di ricciai e buttafuori, con suo fratello Massimo, dal passato ingombrante popolato di auto rubate e una figlia di cui non vuole parlare, con Andrea, ipertatuato e autolesionista, e con Simone che sogna una barca tutta sua, Pietro Mereu mette insieme e dirige un coro di voci, a volte armoniche e a volte discordanti, riuscendo a sfuggire alla retorica e al facile pietismo, restituendo il suono duro e poetico del popolo sardo.

Quando ho conosciuto i ricciai avevo in mente una storia sulla malavita, una malavita che scompare, poi cominciando a girare e trovandomi a montare, ho scoperto che avevo davanti una storia di riscatto – racconta il regista  – Persone che non sono perfette o senza sbavature, ma che ogni giorno cercano di togliersi la galera di dosso. I ricci, l'oggetto del loro lavoro, li rappresentano perfettamente: spinosi fuori ma dolci dentro. Per arrivare al cuore dolce bisogna attraversare le spine”.

L'artista cagliaritano Joe Perrino, autore della colonna sonora del film, trasforma in musica le suggestioni di queste vite al limite, divenendo il legittimo cantastorie di un Clan sui generis, tenuto insieme non da intenti illeciti ma dalla più autentica e disperata voglia di rivalsa.

Ad introdurre il film, insieme al regista, ci sarà l'attore Aniello Arena, ex detenuto per reati di camorra divenuto attore professionista. Fra gli ultimi lavori cinematografici che lo hanno visto comparire sul grande schermo compaiono film pluripremiati, come “Reality” e “Dogman” di Matteo Garrone.

 

La proiezione sarà anticipata da un aperitivo di benvenuto gentilmente offerto da Consorzio di Tutela del Vermentino di Gallura DOCG.

 

 

Pietro Mereu è nato a Lanusei nel 1972, si è diplomato in sceneggiatura presso la Scuola Civica di Cinema Tv e Nuovi Media di Milano. Inizia a collaborare con Piero Chiambretti che reputa un suo grande Maestro.

Nel 2010 ha ideato e scritto il film documentario ‘Disoccupato in affitto’ di cui è protagonista, vincendo vari premi nazionali, che nel 2012 fu distribuito nelle sale da “Distribuzione Indipendente”.

 Nel 2015 una serie di documentari da lui ideata ‘Senza regole’ , sul calcio storico fiorentino, va in onda sulla Rai. Sempre nel 2015 gira “il Club dei Centenari”, sulla longevità degli abitanti dell’Ogliastra vince vari premi nazionali sul film documentario.

Nel 2017 una sua miniserie di documentari sulla regola benedettina, “I manager di Dio” va in onda su Tv2000.

Un altro suo docu film dal titolo ‘Il Clan dei Ricciai’, prodotto da Nicolas Vaporidis, ha vinto il premio Ucca al Biografilm 2018, e andrà su sky arte in autunno.

In questo momento sta girando un film documentario in Colombia da titolo El milagro de Barranquilla e sviluppando una docu serie con Colorado Film.

 

Scheda tecnica:

 

Il clan dei Ricciai – nell'ambito della rassegna Doppio Sogno

venerdì 19 luglio ore 20.30

Villa Pignatelli, Napoli

Intorude il regista Pietro Mereu

 

Genere: Documentario

Durata: 70 Minuti

Anno: 2016

Nazionalità: Italia

Formato: HD

Regia: Pietro Mereu

Produzione: Drive Production Company S.r.l.

Fotografia: Matteo De Martini

Soggetto: Pietro Mereu

Montaggio: Andrea Lotta e Giacomo De Biase

Aiuto regia: Roberta Aloisio

Musiche: Joe Perrino

Distribuzione: Marcello Mereu/Pietro Mereu

I Ricciai: Gesuino Banchero, Andrea Venturi, Massimo Senis, Simone Mattana, Bruno

Banchero; Joe Perrino



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La Sardegna fa bene!


Quer pasticciaccio brutto de via Peio che Marino ha ignorato


Lucia Salvati, io candidata con Lorenzin contro gli amici degli Spada


I sassaresi NASODOBLE tornano col nuovo singolo “Cazz boh”


Sarà Nino Marazzita a difendere poliziotto multato e denunciato da Polizia a Ostia dopo essere intervenuto per servizio


Powercolor, il sigillante cementizio ad azione prolungata contro funghi e batteri


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Ferragosto al Rada di Positano con spettacolo pirotecnico e cibi portafortuna

Ferragosto al Rada di Positano con spettacolo pirotecnico e cibi portafortuna
In vista del tradizionale spettacolo pirotecnico di Ferragosto, connesso ai festeggiamenti dedicati alla Madonna Assunta – la protettrice del borgo -, presso il ristorante "Rada" di Positano si terrà una cena di gala per la quale lo chef resident della struttura, Nunzio Spagnuolo, ha creato appositamente un menù à la Grande Carte c (continua)

E' uscito il libro "Piume di diamante", frammenti di forza e resilienza di fronte a malattie rare e disabilità

E' uscito il libro
 Piume di Diamante è il titolo del libro, edito attraverso la piattaforma di self-publishing Youcanprint, che, come recita la sinossi, racconta “Sette frammenti di vita e di legittima ricerca della felicità nonostante gli sgambetti dell'esistenza. Sette modi di essere nel mondo con tenacia, trasformando le smorfie di dolore in sorrisi e il veleno in medicina”. Ele (continua)

Ferragosto a Le Agavi di Positano, 3 giorni di festa tra musica, cibo e fuochi d’artificio dal 13 agosto

Ferragosto a Le Agavi di Positano, 3 giorni di festa tra musica, cibo e fuochi d’artificio dal 13 agosto
Come tutti gli anni l’hotel Le Agavi  festeggia il Ferragosto positanese coinvolgendo i suoi ospiti con musica, cucina tradizionale e fuochi d’artificio, iniziative che coinvolgeranno tutta la struttura a partire dal ristorante “La Serra”, alla terrazza Alma, fino ad arrivare al ristorante “Remmese” sulla spiaggia.   Tre (continua)

Apre ‘Opoké, a Napoli il primo ristorante virtuale di Poké Bowls

Apre ‘Opoké, a Napoli il primo ristorante virtuale di Poké Bowls
 Il progetto nasce dall’acquisizione della startup I am Poké da parte del gruppo ‘Osushi: è il trend assoluto dell’estate 2019, leggera, fresca e a basso contenuto calorico Leggera, fresca e a basso contenuto calorico. Sono questi i motivi per il quale le poké possono considerarsi il trend assoluto dell’estate 2019. È il classi (continua)

"Aspettando...il Mio San Marzano" si terrà il 29 Luglio alle 18 presso l’“Azienda Farao” a Sarno


Lunedì 29 Luglio alle ore 18.00, presso l’“Azienda Farao” di Renato Faraone Mennella in via Sarno-Striano, 109 a Sarno (SA), si terrà l’evento: “Aspettando... il Mio San Marzano”, organizzato da LaBuonaTavolaMagazine e promosso da Solania srl, azienda leader del settore della trasformazione del pomodoro San Marzano con la collaborazione di Perrella (continua)