Home > Economia e Finanza > Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino

Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino

scritto da: Elleny | segnala un abuso


La guerra commerciale tra USA e Cina è ufficialmente sfociata in guerra valutaria. Come risposta alla nuova ondata di dazi voluta da Trump, la Cina ha consentito che la propria valuta subisse un svalutazione pesante contro il dollaro, tanto da giungere al valore minimo in 11 anni.

La svalutazione competitiva dello Yuan

svalutazione yuanChe le cose stessero volgendo al peggio si era capito da qualche giorno. Settimana scorsa Trump aveva annunciato via Twitter che da settembre scatteranno nuovi dazi del 10% su 300 miliardi di beni cinesi. La rezione di Pechino non si era fatta attendere, con la minaccia di contromosse. Che puntualmente sono arrivate. La Cina non solo ha deciso di bloccare le importazioni di prodotti agricoli statunitensi, ma la sua banca centrale (People’s Bank of China) ha consentito che il renminbi avesse una forte svalutazione contro il dollaro, imputato in maniera esplicita la perdita di valore all’aspettativa dei nuovi dazi.

Come detto, le autorità cinesi hanno consentito che lo yuan perdesse il livello psicologicamente importante di 7 per dollaro (calo giornaliero dell’1,4%), cosa che non si vedeva sulle migliori piattaforme di trading Forex online dalla crisi finanziaria globale del 2008. Anzi, proprio l'istituto centrale ha dato l’impulso iniziale questa svalutazione, fissando un tasso giornaliero per la valuta al suo livello più debole in otto mesi (midpoint giornaliero a 6,9225 per dollaro prima dell’apertura del mercato, il suo livello più debole dal 3 dicembre 2018).

L'effetto contagio su altre valute

C'è bastato poco perché la paura cominciasse a propagarsi su tutti i mercati, e che i migliori segnali operativi Forex gratuiti cominciassero ad accendersi furiosamente. Del resto una mossa così forte da parte delle autorità cinesi, potrebbe essere il segnale chiaro che i negoziatori hanno quasi abbandonato le speranze di un accordo commerciale con gli Stati Uniti. Intanto Trump - con l'ennesimo Tweet - ha accusa la Cina di manipolazione valutaria, e di aver operato una svalutazione competitiva.

Le valute più legate all'economia cinese sono cadute a lovo volta, come il Won coreano (che si avvia verso la più grande perdita giornaliera dall'agosto 2016) e il dollaro australiano (che scende a un minimo di sette mesi contro il dollaro). Le valute rifugio invece hanno avuto una forte spinta, tanto che lo yen giapponese è giunto ai massimi da inizio anno sul dollaro ed euro.

Ma non finisce qui. Poichè la mossa di Pechino sta rafforzando il dollaro, finisce per mettere più pressione alla Federal Reserve perché allenti la politica monetaria. Non a caso adesso il mercato prezza tagli dei tassi da parte della Fed per 60 punti base entro fine anno.

yuan | segnali operativi forex | piattaforme di trading forex |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Denaro, flussi in uscita dalla Cina. Pechino pensa ai future sullo yuan sul mercato onshore


Yuan ancora sotto pressione a causa della guerra dei dazi


Miguel Benancio Sanchez e la Corsa di Miguel, 38 anni dal suo sequestro


Omar Galliani in Cina, L’opera “Lontano da Xian” nelle collezioni del Museo Nazionale d’Arte della Cina (NAMOC)


BIOGRAFIA DEL VENERABILE BAGDRO - MONACO BUDDISTA TIBETANO


Intervista di Alessia Mocci a Laure Gauthier: vi presentiamo kaspar di pietra


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Federal Reserve sotto pressione malgrado continui a dire che l'inflazione è solo temporanea

L'inflazione negli Stati Uniti è salita ancora, arrivando al 5% a maggio. Sopra le attese, e sui livelli massimi dal 2008. Eppure la Federal Reserve continua a ribadire che si tratta di una fiammata temporanea, e che per questo motivo non intende modificare la propria politica monetaria. Wall Street sembra dar credito a queste rassicurazioni, e corre ancora. Anche il rendimento del decennale Usa, (continua)

Prezzi delle materie prime, l'effetto domino dei rincari manda le imprese in difficoltà

L'aumento dei prezzi delle materie prime che si è verificato negli ultimi mesi, si è esteso con un effetto domino da un settore produttivo all'altro. E questo meccanismo sta creando problemi di gestione a molte aziende, alle prese con costi elevatissimi che finiscono per acuire il rischio di impresa.Problemi per l'aumento dei prezzi delle materie primeSoprattutto le aziende che si trovano più a mo (continua)

Investire sull'oro, dopo un periodo nero chi l'ha fatto adesso spera

Cosa ha pesato sul metallo giallo nel Q1? Questa prima parte del 2021 non ha regalato grandi soddisfazioni a chi ha deciso di investire sull'oro. Dopo aver perso già nel 2020 la soglia dei 2mila dollari, il prezzo è calato da 1944 a 1677 in soli due mesi. Eppure, delle schiarite forti sono giunte nell'ultimo periodo.Cosa sta vivendo chi ha deciso di investire sull'oroMa andiamo con ordine. La (continua)

Mercato dell'auto: Stellantis consegna 1,5 milioni di veicoli nel primo trimestre

E' un periodo molto delicato per il mercato dell'auto, che oltre alla crisi innescata dalla pandemia, deve anche fare fronte a una carenza strutturale di semiconduttori, che paralizza in parte l'attività. In questo scenario si colloca la trimestrale di Stellantis, il colosso nato dalla fusione di Fiat Chrysler Automobiles e Peugeot (gruppo Psa).Stellantis e il mercato dell'autoPer l'azienda il pr (continua)

Mercato dei cambi, il dollaro continua ad essere più debole come accaduto di recente

Il mercato dei cambi tiene gli occhi soprattutto sul dollaro, dopo una settimana molto debole. L'indice del dollaro ha esteso le perdite per scambiare al di sotto di 91,2 lunedì, il minimo in chiusura dal 3 marzo. Il biglietto verde ha perso circa un punto percentuale settimana scorsa, e si è trattato della seconda perdita settimanale consecutiva.Cosa succede sul mercato dei cambiChi invece cominc (continua)