Home > Economia e Finanza > Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino

Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino

scritto da: Elleny | segnala un abuso


La guerra commerciale tra USA e Cina è ufficialmente sfociata in guerra valutaria. Come risposta alla nuova ondata di dazi voluta da Trump, la Cina ha consentito che la propria valuta subisse un svalutazione pesante contro il dollaro, tanto da giungere al valore minimo in 11 anni.

La svalutazione competitiva dello Yuan

svalutazione yuanChe le cose stessero volgendo al peggio si era capito da qualche giorno. Settimana scorsa Trump aveva annunciato via Twitter che da settembre scatteranno nuovi dazi del 10% su 300 miliardi di beni cinesi. La rezione di Pechino non si era fatta attendere, con la minaccia di contromosse. Che puntualmente sono arrivate. La Cina non solo ha deciso di bloccare le importazioni di prodotti agricoli statunitensi, ma la sua banca centrale (People’s Bank of China) ha consentito che il renminbi avesse una forte svalutazione contro il dollaro, imputato in maniera esplicita la perdita di valore all’aspettativa dei nuovi dazi.

Come detto, le autorità cinesi hanno consentito che lo yuan perdesse il livello psicologicamente importante di 7 per dollaro (calo giornaliero dell’1,4%), cosa che non si vedeva sulle migliori piattaforme di trading Forex online dalla crisi finanziaria globale del 2008. Anzi, proprio l'istituto centrale ha dato l’impulso iniziale questa svalutazione, fissando un tasso giornaliero per la valuta al suo livello più debole in otto mesi (midpoint giornaliero a 6,9225 per dollaro prima dell’apertura del mercato, il suo livello più debole dal 3 dicembre 2018).

L'effetto contagio su altre valute

C'è bastato poco perché la paura cominciasse a propagarsi su tutti i mercati, e che i migliori segnali operativi Forex gratuiti cominciassero ad accendersi furiosamente. Del resto una mossa così forte da parte delle autorità cinesi, potrebbe essere il segnale chiaro che i negoziatori hanno quasi abbandonato le speranze di un accordo commerciale con gli Stati Uniti. Intanto Trump - con l'ennesimo Tweet - ha accusa la Cina di manipolazione valutaria, e di aver operato una svalutazione competitiva.

Le valute più legate all'economia cinese sono cadute a lovo volta, come il Won coreano (che si avvia verso la più grande perdita giornaliera dall'agosto 2016) e il dollaro australiano (che scende a un minimo di sette mesi contro il dollaro). Le valute rifugio invece hanno avuto una forte spinta, tanto che lo yen giapponese è giunto ai massimi da inizio anno sul dollaro ed euro.

Ma non finisce qui. Poichè la mossa di Pechino sta rafforzando il dollaro, finisce per mettere più pressione alla Federal Reserve perché allenti la politica monetaria. Non a caso adesso il mercato prezza tagli dei tassi da parte della Fed per 60 punti base entro fine anno.

yuan | segnali operativi forex | piattaforme di trading forex |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Yuan ancora sotto pressione a causa della guerra dei dazi


Miguel Benancio Sanchez e la Corsa di Miguel, 38 anni dal suo sequestro


Jaway Stainless steel prices help boost company performance


Omar Galliani in Cina, L’opera “Lontano da Xian” nelle collezioni del Museo Nazionale d’Arte della Cina (NAMOC)


BIOGRAFIA DEL VENERABILE BAGDRO - MONACO BUDDISTA TIBETANO


Dollaro, l'index vola contro un paniere di 6 valute


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Rublo russo in forte ripresa. Ha aggiornato i massimi di due mesi sul dollaro USD

La valuta moscovita si è apprezzata fino a toccare il massimo dal 17 settembre rispetto al dollaro americano Grazie alla ripresa del petrolio e alle notizie sul vaccino, il rublo russo sta andando forte. L'annuncio di Pfizer e Moderna ha dato in generale un impulso a tutte le valute emergenti, assai dinamiche al rialzo. Tuttavia, sul futuro dell'economia russa continua a pesare l'incognita Covid. Mercoledì sono stati annunciati 21.000 nuovi casi, ma soprattutto il record di 456 decessi correlati. I nume (continua)

Oro e Bitcoin, il movimento dei due asset riporta a galla l'idea della correlazione

L'oro è tornato a splendere da qualche giorno a questa parte. Finita l'incertezza legata all'esito delle elezioni USA (a Biden manca solo la certezza aritmetica, ma è avviato alla presidenza), il dollaro USD ha cominciato a viaggiare in discesa. Questo ha spinto l'oro, che è inversamente correlato al biglietto verde.Guardare al Bitcoin per prevedere l'oroTuttavia, molti analisti ritengono che se s (continua)

Prezzo del mais sui record di un anno e mezzo. Tutta colpa della domanda cinese

Le importazioni cinesi sono giunte a livello record per rispettare gli impegni presi con gli Stati Uniti nell'accordo Fase1 La grossa domanda di mais da parte della Cina - principale acquirente di prodotto statunitense - spinge il prezzo sui massimi da luglio 2019.Boom delle importazioni spinge il prezzoI prezzi del mais sono saliti a $ 4,2 lo staio nell'ultima settimana di ottobre, dopo che dati recenti hanno mostrato che le importazioni cinesi di grano sono aumentate del 73% a 6,67 milioni di tonnellate nei primi nov (continua)

Commodity, la gomma naturale schizza quasi ai record storici

Quando si parla delle varie commodity, si fa riferimento soprattutto a quelle più note come oro e petrolio. Ma ce ne sono molte altre, meno note e poco negoziate, che hanno subito un forte contraccolpo (positivo o negativo) dalla diffusione del Covid. Una di queste è la gomma naturale.Eppure si tratta di una materia prima estremamente utilizzata, con la quale abbiamo a che fare tutti i giorni. vie (continua)

Borse, la correzione post-estiva ha messo fine al rally?

Assieme all'estate, se ne va anche il vento che ha spinto le Borse per diversi mesi. Da quando toccarono i minimi a fine marzo, i listini hanno corso senza sosta. Alla fine l'indice MSI World ha guadagnato il 42% fino ai primi di settembre. Poi c'è stata una brusca frenata, che ha messo sull'allerta molti investitori.I driver delle BorseLa recente correzione che sta interessando le Borse è frutto (continua)