Home > Musica > ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...

scritto da: Gianni | segnala un abuso

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...


Se dicessimo a qualcuno che oggi la musica è scomparsa gli daremmo buone ragioni di pensare che siamo impazziti. Ma si regga il peso del paradosso: la musica è scomparsa dopo essersi fatta totale. Tra coloro che se ne resero conto ci fu Thomas Bernhard. Nel 1985, nell’opera “Antichi Maestri”, l’autore austriaco scriveva che l’ascolto della musica non è più un fatto eccezionale giacché la si trova in qualunque posto. Si è costretti ad ascoltarla al supermercato, negli ambulatori medici o ad ogni angolo di strada. Sottrarsene, anche lo si volesse, è difficilissimo per chi non abbia intenzione di tapparsi i condotti uditivi. Il sottofondo musicale, la cosiddetta muzak, è la tomba della musica, la sua banalizzazione, la sua riduzione al quotidiano. Bisogna sfogliare almeno qualche pagina del libro di Bernhard per lasciarsi sedurre (e turbare) da affermazioni quali: «l’industria musicale ha ormai gli uomini sulla coscienza». Concluso l’antipasto bernhardiano, si prenda tra le mani “La scomparsa della musica. Musicologia col martello” (NovaEuropa Edizioni, 2019) di Antonello e Renzo Cresti (no, non c’è alcun legame di parentela tra i due!). Vi sono ribadite molte delle stroncature che rendono la lettura di “Antichi Maestri” un’esperienza epurativa, per salutisti della musica. I due musicologi sanno quanto sia difficile resistere alla messa in loop del reggaeton, del pop latino e dei tormentoni che non durano più di un mese, specialmente nel periodo estivo. A pagina 45 del libro vi si legge: «L’(in)civiltà dei consumi richiede una musica gastronomica, esalta la sola funzione ludica, una musica intesa come passatempo, come riempimento degli spazi vuoti della mente e del cuore». È la musica che scorre senza lasciare segni, “liquida”, come suggerisce l’espressione accademica e baumaniana usata dagli autori. E, poiché tutti i nodi vengono al pettine, la riflessione musicologica coglie quello che nel discorso di Bernhard restava implicito, ma che regge l’intera tesi dello scritto/intervista dei due Cresti: la musica a noi cara è quella dell’inciviltà dei consumi, accompagnata dal supporto immancabile dell’immagine. Negli anni Ottanta, ricordano gli autori, si cantava “Video killed the radio star”, il video ha ucciso le star radiofoniche. E oggi, sempre di più, accanto al cantante deve esserci il suo “personaggio”, affinché non sia solo la musica ad essere fruibile ma anche la persona facilmente spendibile nei contesti di diffusione mediatica. Va da sé che, per qualche arcano motivo, i soli artisti acclamati oggi dal grande pubblico siano tutti tatuati fino al collo, quando non anche in viso, quasi avessero scambiato il corpo come una continuazione della loro arte con altri mezzi. Quello di sperperare quantità assurde di quattrini per riempire il proprio corpo d’inchiostro è un costume diffuso, conviene però spendere di meno, incivilire i propri consumi (e così anche i propri costumi) acquistando il libro dei Cresti, i quali, facendo musicologia con il martello, propongono una via di fuga dal conformismo. Sarà sufficiente trovare il “punctum” – come lo chiamava Roland Barthes – nella musica: ossia quel piccolo dettaglio che apre ad un nucleo di senso che d’acchito sembrava sfuggirci. Quel senso che è fuga dal livellamento e lume contro la piaga della degenerazione musicale. (EN, L’Azione, 01/08/19)

Fonte notizia: https://enriconadaiblog.wordpress.com/


musica | arte | filosofia | cultura | concerto | canzone | festival | evento | venezia |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

CONCERTO CON IL CORO "SCONCERTATI" E IL DUO PIANISTICO DEI FRATELLI BOIDI A VILLA BRANDOLINI DI SOLIGHETTO (TV)

CONCERTO CON IL CORO
L’Associazione Musicale “Toti dal Monte”, con il contributo dell’Amministrazione Comunale di Pieve di Soligo, invita tutta la cittadinanza, venerdì 22 novembre 2019, ore 20:45, presso la Sala Conferenze di Villa Brandolini a Solighetto (Tv), ad un appuntamento musicale con il Duo Pianistico Luciano e Daniele Boidi e il Coro Sconcertati diretto da Andrea Mazzer. Presenta Elisa Nadai. Nati (continua)

ENRICO NADAI TRA I 65 CONCORRENTI DI SANREMO GIOVANI 2020

ENRICO NADAI TRA I 65 CONCORRENTI DI SANREMO GIOVANI 2020
Enrico Nadai, artista indipendente, alle selezioni per Sanremo Giovani 2020 È ancora fresco l’annuncio della partecipazione del cantante Enrico Nadai, 23enne di Soligo (Tv), alla nuova edizione di Sanremo Giovani: sarà, infatti, uno dei 65 artisti, fra 842 candidati iniziali, che si sfideranno per arrivare sul palco del teatro Ariston. Ma la vera notizia è di tutt’altro genere: nella (continua)

ENRICO NADAI - CONSIGLI PER VIVERE BENE

ENRICO NADAI - CONSIGLI PER VIVERE BENE
Si faccia un salto in libreria. Superati i sacri limini di religione, narrativa, scienza e filosofia si arriverà nel compartimento “Self-help” dove i libri, prima di essere comperati, sono costretti a promettere qualcosa di grande al loro futuro lettore. Alcuni risolveranno i problemi di memoria; altri i problemi di autostima; altri ancora dicono di assicurare il raggiungimento del successo. Ci si (continua)

VIDOR (TV) NON SOLO VIVALDI CON LA PICCOLA ORCHESTRA VENETA ALL'ABBAZIA DI SANTA BONA

VIDOR (TV) NON SOLO VIVALDI CON LA PICCOLA ORCHESTRA VENETA ALL'ABBAZIA DI SANTA BONA
Domenica 13 ottobre 2019, l’antica Abbazia di Santa Bona, a Vidor (Tv), sarà aperta al pubblico per ospitare il concerto di Solidarietà, “Non solo Vivaldi”, con la Piccola Orchestra Veneta, e i suoi solisti. Con le voci dei cantanti Enrico Nadai ed Elena Lucca e la partecipazione del soprano Angelica Casonato. IMG-20190707-WA0015 “Non solo Vivaldi” è un concerto esclusivo, ma aperto a tut (continua)

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE
Ho conosciuto Enrico Nadai alcuni anni fa quando, invitato a cantare al Centro Culturale Humanitas di Conegliano, venne premiato per la sua attività in mezzo ai giovani. Nato a Conegliano il 26 maggio 1996, in giovanissima età ha intrapreso alcune esperienze televisive, per le quali ha ricevuto il riconoscimento di Giulio Rapetti (Mogol). Nel 2011 ha partecipato al Concerto per la pace, tenutos (continua)