Home > Primo Piano > Marcia Muzzi, corsa: Il mio sogno è fare la maratona di Roma 2020!

Marcia Muzzi, corsa: Il mio sogno è fare la maratona di Roma 2020!

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Marcia Muzzi, corsa: Il mio sogno è fare la maratona di Roma 2020!


Il ciclo di allenamento è tanto psicologico quando fisico Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Lo sport non è solo allenamento fisico per eccellere nello sport o per ottenere risultati prestigiosi ma anche allenamento alla vita quotidiana, un esercizio quotidiano per apprendere strumenti di gestione dei problemi non solo sportivi ma anche quotidiani personali, familiari, lavorati. Non si tratta solo di allenare il muscolo ma anche la testa ad aver chiaro innanzitutto i propri progetti, le proprie capacità e caratteristiche; saper gestire tensioni ed eventuali ansie e pressioni; saper aspettare quando ci sono infortuni e cali di forma ma non solo aspettare anche riorganizzarsi e comprendere cosa si vuol fare e come. Di seguito Marcia Muzzi dell’HF treinamento esportivo, racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande: Ti sei sentita campionessa nello sport almeno un giorno della tua vita? “Sì! Mi sono sentita una vera campionessa tutte le volte che ho fatto il mio personal best o la mia maggior distanza, sono sempre motivi per festeggiare.” L’atleta cerca sempre di impegnarsi un po’ di più per ottenere una miglior prestazione o per osare in gare un po’ più difficili per lunghezza, durata, difficoltà della gara: Qual è stato il tuo percorso nella pratica dell'attività fisica? “Ho cominciato a correre per fare una importante gara della mia città: ‘Volta Internacional da Pampulha’, era una gara di 18 chilometri, è stata la mia prima vittoria nella corsa. Dopo questa gara ho deciso di sfidare me stessa con la distanza, ho fatto dopo sei mesi la mezza maratona di Belo Horizonte, l’anno successivo ho fatto la mezza maratona del Rio de Janeiro, dopo di questa ho deciso da fare la maratona. La mia prima maratona è stata la maratona di Porto Alegre (2017) e la seconda è stata la maratona di Buenos Aires. Adesso mi sto allenando per due mezze maratone e l’anno prossimo farò la mia terza maratona.” Quando si sperimentano buone sensazione, allora si vuol fare sempre meglio e riconfermare il proprio stato di forma per partecipare a eventi e gare da protagonisti: Quali fattori e persone hanno contribuito al benessere e performance nello sport? “Sono molti i fattori, però il più importante è la mia famiglia che sempre è stata con me, tifano me e le mie piccole vittorie di ogni giorno. Loro sono i miei più grande sostenitore!” E’ importante avere il sostegno di qualcuno che segue le gesta e le imprese dell’atleta, soprattutto se si tratta di persone care come famigliari o amici intimi: Qual è una esperienza che ti dà la convinzione che ce la puoi fare nello sport e nella vita? “Secondo me la maratona, non solo la gara stessa ma l’allenamento della maratona. Il ciclo di allenamento è tanto psicologico quando fisico, perché dobbiamo imparare a far fronte con le nostre paure. Dobbiamo stare con noi stessi e vincere la testa, tutto il tempo. Dobbiamo imparare a avere pazienza, disciplina e resilienza.” La maratona può essere considerata la metafora della vita, bisogna arrivarci dopo varie fasi e step credendoci un po’ per volta e impegnandosi così come nella vita bisogna impegnarsi a scuola tanti anni per approdare al mondo del lavoro. Durante il percorso della maratona bisogna fare allenamenti duri e impegnativi e superare tanti test di allenamento per capire se si è pronti per affrontare la maratona, così come durante la carriera scolastica bisogna studiare e fare interrogazioni ed esami prima di prendere un titolo di studio. Può capitare di incontrare blocchi come il muro dopo i 30km, così come nello studio ci sono alcuni esami che possano bloccare il corso di studi. Quando si porta a termine una maratona, così come si porta a termine un corso di studi la soddisfazione è tanta, i sacrifici sono ben ripagati e si apprezza se stessi e chi ha sostenuto questo lungo percorso: Cosa pensano familiari e amici della tua attività sportiva? “Alla mia famiglia piace molto il mio sport perché loro sanno che mi rende molto felice. Ai miei amici piace anche, però alcuni pensano che mi dà molto da fare!” Lo sport rende felici, fa star bene e spensierati, fa incontrare gente, fa scaricare e tutto questo lo sanno i familiari che comprendono questa forte passione che comporta investimento di tempo e gli amici da una parte si meravigliano per quello che riesce a fare l’atleta e dall’altra non comprendono questo forte attaccamento allo sport: Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Ogni volta che faccio una gara importante, piango al traguardo.” Durante un percorso di allenamento per una gara importante, l’atleta è focalizzato e centrato per il grande obiettivo, mette da parte altre cose per un dato periodo per arrivare pronto alla gara a cui tiene e può capitare anche di accumulare un po’ di tensione, quando tutto finisce e si arriva al traguardo, le emozioni sono intense, l’atleta è come se sciogliesse tutti i dubbi e tensioni e si può rilassare e godere del momento presente a volte con difficoltà a crederci di essere riuscito: Quali risorse, caratteristiche, qualità possiedi nella pratica del tuo sport? “La resilienza, la disciplina, la pazienza.” Che significa per te praticare attività fisica? “Secondo me significa prendere il tempo per fare qualcosa che è solo mio e che dipende solo da me per avere successo.” Nello sport c’è bisogno di tanti aspetti da curare per durare nel tempo, per non infortunarsi, per avere sempre un’alta motivazione. E’ importante essere pazienti e fiduciosi, non aver fretta e sapersi organizzare quando ci sono impedimenti o difficoltà che ostacolano la pratica dello sport: Quali sensazioni sperimenti facendo sport? “Sensazione de libertà!” Quali sono le difficoltà e i rischi? A cosa devi prestare attenzione nella pratica del tuo sport? “Devo avere sempre il tempo per fare l’allenamento. A volte sono stanca con il lavoro però lo so che ho bisogno di allenamento per migliorare e per fare le gare. A volte ho bisogno di allenarmi più tardi oppure più presto, però lo farò perché questo è importantissimo. Devo andare in palestra per fortificare la muscolatura. Devo sempre andare dal dottore per fare il check up, devo magiare bene per avere forza.” Gli allenamenti nella prevedono la cura di tanti aspetti come la nutrizione che deve essere sana ed equilibrata per integrare le energie spese e per riempire i serbatoi energetici prima di una gara lunga e faticosa, così come è importante la cura della muscolatura in palestra per avere un fisico armonico: Quali condizioni fisiche o ambientali ti ostacolano nella pratica dell'attività fisica? “Fino a oggi, ho smesso di allenarmi solo a causa di infortuni. Mi sono infortunata due volte in sette anni.” Cosa ti fa continuare a fare attività fisica, hai rischiato di mollare? “L’attività fisica mi fa sentire viva. Non la vorrei lasciare mai! Penso che solo una malattia me la potrebbe fare lasciare. Gli infortuni si mettono in conto ma l’atleta non molla se riesce a mantenere un’alta motivazione, positività e fiducia in una risoluzione a breve termine non perdendo la calma e focalizzandosi in altro: Ritieni utile lo psicologo nel tuo sport? Per quali aspetti e in quali fasi? “Tutto il tempo. Penso che è fondamentale la salute psicologica per vincere la routine di allenamento. Lo sport fa conoscere se stesso e attraverso lo sport possiamo migliorare le emozioni e l’aspetto psicologico di ognuno.” La preparazione a gare importanti come la maratona prevedono carichi di allenamenti gravosi con tante ripetute brevi e lunghe che a volte possono essere noiose e faticose, bisogna avere sempre la mente orientata un po’ all’obiettivo da raggiungere per poter considerare quel dato allenamento importante e fondamentale, e un po’ focalizzarsi momento per momento, considerando l’insieme di ripetute da fare una alla volta fino all’ultima, senza pressioni e senza giudizi: Qual è stata la gara dove hai dato il meglio o hai sperimentato le emozioni più belle? “La prima maratona. L’emozione di riuscire in un sogno che ci tenevo di più! È stato meraviglioso!” La tua gara più difficile? “La prima maratona anche.” La maratona si ama e si odia, si ama perché quando è finita sono grandi le soddisfazioni, si piange, sii è increduli, si pensa a tutti gli allenamenti duri fatti da soli o in compagnia; si odia mentre si sta facendo perché prima o poi la fatica si fa sentire ed è lì che l’atleta deve essere resiliente e mettere in atto anche strategie mentali per andare avanti e portare a termine il proprio progetto: Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “Ho superato focalizzandomi giorno per giorno. Quando sono più stanca oppure ho qualche problema questo mi aiuta molto. Meglio pensare quello che dobbiamo fare ogni giorno, se penso a più giorni sembra ci sia molto da fare. Se penso a un giorno per volta è più facile, quando sono stanca!” La gradualità e la progressione sono sempre preferibili e aiutano a comprendere che così come si può costruire un risultato o un obiettivo, così si può anche sconfiggere un infortunio o una crisi, un passo alla volta credendoci con pazienza e fiducia: Quale può essere un messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi al tuo sport? “Se fai una maratona puoi fare qualcosa nel mondo!” C'è stato il rischio di incorrere nel doping? Un messaggio per sconsigliarne l'uso? “Per me non ha nessun senso fare uso perché questi risultati non sono reali. Non sentirei che è qualcosa che ho raggiunto!” Prepararsi per una maratona significa prepararsi alla vita; per i ragazzi soprattutto, anche se non devono fare una maratona, comunque lo sport diventa una palestra di vita: insegna a cavarsela giorno per giorno da situazioni, a competere con altri divertendosi senza aggressività, a far squadra per arrivare insieme al traguardo: Cosa hai scoperto di te stessa nel praticare attività fisica? “Ho scoperto la mia forza, pazienza, resilienza. Ho scoperto che quando voglio qualcosa posso conquistare.” Hai un modello di riferimento, ti ispiri a qualcuno? “Mi ispiro al mio passato. In tutto quello che ho fatto e vinto. Questo pensiero mi fa forte!” Attraverso lo sport Marcia sembra aver sviluppato tanta consapevolezza delle sue risorse, capacità e caratteristiche; sa che aver fiducia è un’arma vincente, aiuta a essere positivi e fiduciosi e a presentarsi alla gara credendo di poterci riuscire perché il passato è dalla nostra parte, possiamo ricordare le nostre precedenti situazioni ed esperienze di successo e di benessere che ognuno di noi sicuramente ha sperimentato: C'è una parola o una frase che ti aiuta a crederci e impegnarti? “Quando mi sento male o non credo in me penso a tutto quello che ho fatto e penso che la forza viene dalla voglia di vincere se stesso (frase di Dalai Lama).” Ci vuole una grande forza non solo fisica ma anche mentale per rimanere sempre sintonizzati sulle proprie sensazioni di benessere e attivarsi per poterle ricercare sempre accettando anche i periodi di calo di forma ma essendo fiduciosi e positivi per il proprio futuro che dipende soprattutto da noi se ci ascoltiamo e ci rispettiamo facendo quello che vogliamo senza rimandare a un domani: Prossimi obiettivi? Sogni realizzati e da realizzare? “Il mio sogno è fare la maratona di Roma 2020!” Un messaggio per le donne del mondo? “Messaggio per le donne: tutto è possibile se si ha voglia, dedizione e ci si allena!” Un grande grazie a Marcia per la sua disponibilità a raccontare la sua esperienza e spero di vederla l’anno prossima a Roma per correre la sua 3^ maratona. Ho scritto alcuni libri riguardanti la psicologia dello sport e dell’endurance grazie anche ad interviste a tanti atleti: “O.R.A. Obiettivi, risorse, autoefficacia. Modello di intervento per raggiungere obiettivi nella vita e nello sport”, Aras Edizioni; “Sviluppare la resilienza. Per affrontare crisi, traumi, sconfitte nella vita e nello sport”, MJM Editore; “Sport, Benessere e Performance. Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta”, Prospettiva Editrice; “Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida”, edito da Edizioni Psiconline. Matteo SIMONE 380.4337230 https://www.libreriauniversitaria.it/libri-autore_simone+matteo-matteo_simone.htm

Fonte notizia: https://www.libreriauniversitaria.it/libri-autore_simone+matteo-matteo_simone.htm




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La maratona è il coronamento di un sogno


Maratona: sviluppare autoconsapevolezza e fiducia in se stessi


Mauro Tomasi: “Sono solo un maratoneta in carrozzina”


Presentazione del libro “Lo sport delle donne" edito da Prospettiva Editrice


Luca Parisi, maratoneta: Bisogna non arrendersi e inseguire i propri sogni


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie
Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie, 200 Maratone, ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc. ecc.” In effetti l’8 Aprile 1985 i 3 fratelli Gennari vinsero la maratona di Rio Saliceto arrivando insieme, mano nella mano, con il crono di 2h35’24”: Elvino e Loris nati il 16 gennaio 1946 avevano 39 anni, e il più giovane Pietro nato il 24 settembre 1955 aveva 30 anni. Mentre Gloria Gessi vinse la prova femminile in 3h19’17”. Ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc.Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 (continua)

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito le impressioni di Gabriele Turroni (A.S. 100 km del Passatore) attraverso risposte ad alcune mie domande. Desideravo avvicinarmi il più possibile al tempo delle 7h15Matteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovani (continua)

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Fabio (ASD Atletica La sbarra), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Siamo partiti quasi certi di voler toccare il podioMatteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di (continua)

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Peppa (Purosangue Athletics Club), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Per fortuna questa volta avevamo degli angeli ad accompagnarci in bici!Matteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, punt (continua)