Home > Primo Piano > Riforma della giustizia italiana: Dal caso CSM al caso Consip

Riforma della giustizia italiana: Dal caso CSM al caso Consip

scritto da: Diginame | segnala un abuso

Riforma della giustizia italiana: Dal caso CSM al caso Consip


 E’ diventato prioritario arginare lo smottamento della giustizia Italiana dal caso Consip al CSM dove, falsi, abusi di potere, favoritismi, sentenze pilotate e mercimoni vari, stanno sconquassando le procure e i tribunali di mezza Italia provocando delle ferite difficilmente sanabili alla nostra magistratura.

Prescrizione, separazione delle carriere, riforma dei codici di procedura civile e penale sono così rilevanti da diventare i punti di scontro tra i due partiti di governo al punto che questo processo di riforma sembra destinato al fallimento. Ma non c’è più tempo da perdere se non vogliamo che si venga travolti da ingiustizie e accanimenti penali e amministrativi ai danni di persone e aziende che per troppi anni vengono triturati nelle infernali maglie della giustizia per poi giungere stremati ad un verdetto di assoluzione.
Nel frattempo ci si dimentica che verso gli aspetti giuridici penali, il garantismo è d’obbligo per cultura giuridica e morale (come si legge in un articolo de Il foglio del 2 agosto 2019) ma purtroppo non è così e ci si dimentica facilmente dei tanti casi di malagiustizia come il caso di Calogero Mannino incatenato per 25 anni alla gogna e al sospetto da una storia processuale che va molto oltre l’assurdo Kafkiano. 
Ma cosa sta accadendo in Italia? Le Istituzioni sono in preda ad uno stato confusionale che genera sconfinamenti di competenze, ingiustizie, confusione e instabilità. L’inchiesta Consip e il caso CSM e di Luca Palamara sono soltanto la punta dell’iceberg che sta per squarciare la nave Italia.
Le storie della giustizia italiana degli ultimi anni, hanno dell’assurdo e si sviluppano all’interno di un paradosso come lo è ad esempio, tutta la vicenda del caso Consip che oltre a coinvolgere esponenti del governo dell’epoca fa sprofondare una Istituzione come la Consip che dovrebbe essere il baluardo della correttezza e della trasparenza, in un dirupo di discrezionalità e confusione. Cosa è accaduto in breve:
Nel 2016 la Romeo Gestioni fa un esposto per turbativa d’asta mettendo in luce dei fatti di cui né l’Antitrust, né la Procura, né l’Anac erano a conoscenza ed ecco che arriva il paradosso, chi ha fatto l’esposto viene indagato e perseguito dalla Procura. 
La Romeo Gestioni vive anni di inferno giudiziario, si vede esclusa in modo del tutto arbitrario dalle più importanti gare di appalto della Consip, le famose gare FM4, subisce delle intercettazioni non autorizzate che vengono poi dichiarate illegittime, subisce una gogna mediatica devastante e persino il vergognoso arresto dell'avv. Alfredo Romeo al pari dei criminali. Ma ricordiamo che La Romeo Gestioni è quella che ha denunciato e chi lo farebbe se avesse delle illegalità da nascondere?
Non si sta costruendo alcun argine alla Crisi delle Istituzioni e della giustizia Italiana dove dal caso Consip al Csm si evidenzia il processo di sgretolamento e delegittimazione di quelle Istituzioni che dovrebbero garantire giustizia e legalità.

Fonte notizia: https://alfredoromeo.eu


riforma della giustizia | romeo gestioni | alfredo romeo | caso consip | csm |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Alfredo Romeo: Assolto dalla Cassazione - Caso Consip prove basate sul nulla -


Uso avanzato di convenzioni CONSIP e Mercato Elettronico


Consip FM4 - La gara della discordia diventa nazionale | Romeo Gestioni


Il RINA acquisisce la maggioranza del Centro Sviluppo Materiali


Richiesta danni per 1.5 miliardi di euro - Romeo Gestioni cita la Consip


L’Avvocatura Nolana si mobilita in difesa dei diritti dei cittadini!!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Etnacaffè per soddisfare i tuoi gusti, Arabica e Robusta.

Etnacaffè per soddisfare i tuoi gusti, Arabica e Robusta.
  Etnacaffè è un'azienda tutta italiana, ha sede nella provincia di Catania e produce caffè in cialde e capsule compatibili selezionando le migliori qualità di Robusta ed Arabica. Un'azienda giovane e dinamica, che produce una vasta gamma di caffè in cialde, capsule, in grani e macinato per far sì che anche da casa o dall'uffico si possa ottener (continua)

Hotel di lusso con tante stelle, ma non tutte brillano.

Hotel di lusso con tante stelle, ma non tutte brillano.
Per l’Italia, il settore turistico ricettivo è un comparto strategico, è il paese che vanta il maggior numero di siti Unesco, un patrimonio artistico e culturale unico al mondo e l’offerta ricettiva alberghiera dell’ultimo decennio è stata caratterizzata da un costante processo di ristrutturazione che da un lato ha portato ad un progressivo rallentamento dell (continua)

Posillipo, quel giardino non è di Romeo - La Repubblica.it

Posillipo, quel giardino non è di Romeo - La Repubblica.it
 Nell’articolo di Alessio Gemma del 29 agosto su La Repubblica, dal titolo “Bagnanti in calo del 20% nei lidi in città – prezzi troppo alti” si parla prevalentemente del tratto di spiaggia che va da Posillipo a Marechiaro e viene anche citato l’ex giardino di Alfredo Romeo, è comprensibile che per l’imprenditore napoletano è come rigira (continua)

Come immaginare le città del futuro e la loro evoluzione

Come immaginare le città del futuro e la loro evoluzione
 Non lasciamoci influenzare dalle immagini futuristiche che ci rimandano i film di fantasiosi sceneggiatori, e allora come immaginare le città del futuro e la loro evoluzione? Le nostre città, quelle che ci suscitano ricordi e che assecondano le nostre tradizioni non saranno tanto diverse da quelle di oggi, ma si svilupperanno sulla conoscenza e l’applicazione delle tecnol (continua)

La manutenzione stradale dei centri urbani - Romeo Gestioni

La manutenzione stradale dei centri urbani - Romeo Gestioni
 A Napoli, a Roma e in altre grandi città Italiane vi è una situazione incresciosa che riguarda la manutenzione stradale dei centri urbani, i disagi e pericoli per i cittadini hanno scatenato l’ira sui social; se ne parla da anni ma quasi nulla in realtà viene fatto concretamente per migliorare la condizione delle strade. Ma non tutti sanno e non viene detto, che d (continua)