Home > Altro > Allattamento: l'effetto protettivo per il tumore al seno

Allattamento: l'effetto protettivo per il tumore al seno

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Allattamento: l'effetto protettivo per il tumore al seno


 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

 

Il cancro al seno è una delle neoplasie maggiormente diagnosticate nella popolazione femminile [1]. Si tratta di una malattia che in Italia colpisce più di cinquantamila donne ogni anno. Nonostante questa percentuale così alta si tratta della neoplasia con i tassi di sopravvivenza più alti, e le probabilità di guarigione aumentano con la diagnosi precoce [1].

 

Esistono diversi fattori di rischio che aumentano le probabilità di sviluppo del tumore al seno. Tra questi l'esposizione protratta agli stimoli degli estrogeni ovarici, non aver avuto figli, un'alimentazione sbilanciata e la predisposizione genetica. Il 5-7% dei casi di cancro al seno, infatti, è legato a fattori ereditari. È ormai riconosciuto il ruolo importante delle mutazioni a carico dei geni BRCA1 e BRCA2 nello sviluppo del tumore al seno. Per le donne portatrici di una mutazione BRCA1 il rischio aumenta del 65%, mentre per le donne portatrici di una mutazione BRCA2 il rischio aumenta del 40% [2].

 

Per quanto riguarda la prevenzione del tumore al seno un ruolo importantissimo è quello dell'allattamento. Allattare al seno riduce il rischio di sviluppo della neoplasia, in particolar modo se l'allattamento avviene per lunghi periodi di tempo: per ogni anno di allattamento si ha una diminuzione del rischio del 4% [1].

 

Le donne, durante l'allattamento al seno, conducono una vita più sana: non fumano, non bevono alcolici e seguono un'alimentazione corretta. Hanno, inoltre, meno cicli mestruali e di conseguenza una minore esposizione a fluttuazioni degli ormoni sessuali. L'allattamento riduce o blocca la produzione degli ormoni ovarici e le ovaie rimangono a riposo, mentre si abbassano i livelli di estrogeni. Durante l'allattamento il seno è occupato a produrre latte e questo limita le capacità delle sue cellule di comportarsi in modo anomalo [1,3].


L'effetto protettivo dell'allattameno al seno si osserva soprattutto nelle donne che hanno una predisposizione genetica alla malattia. Esistono vari studi che hanno confermato che l'allattamento al seno ha una funzione protettiva molto importante contro il tumore al seno, soprattutto per le donne portatrici di una mutazione del gene BRCA1 [4]. Il rischio di sviluppo di tumore al seno si riduce del 45% per le donne con mutazione BRCA1 e del 59% per le donne che hanno familiarità con questa malattia
 [3]. Tra le donne portatrici di mutazione BRCA2 non è stata rilevata alcuna associazione significativa tra allattamento e rischio di sviluppo di cancro mammario [4].

 

Le donne che vogliono scoprire l'eventuale presenza di mutazioni a carico dei geni BRCA, associate allo sviluppo di cancro al seno e alle ovaie, possono sottoporsi a test specifici come il test Sorgente BRCA. È un esame di screening genetico capace di rilevare le mutazioni BRCA con un elevato tasso di affidabilità. Il test è consigliato alle donne che vogliono avere informazioni sulla loro eventuale predisposizione genetica a queste forme di tumore e alle donne che hanno familiarità con la malattia. Si tratta di un semplice prelievo del sangue per rilevare l'eventuale presenza di mutazioni.

 

È importante consultare uno specialista per valutare i sintomi e definire il percorso di screening corretto da seguire.

 

Per ulteriori informazioni: www.brcasorgente.it

 

Se hai trovato questo articolo interessante condividilo nel tuo network!

 

 Fonti:

1.       Fondazione Veronesi - www.fondazioneveronesi.it

2.       https://www.aiom.it/wp-content/uploads/2018/11/2018_LG_AIOM_Mammella.pdf

3.       Airc

Breastfeeding and the risk of breast cancer in BRCA1 and BRCA2 mutation carriers

tumore al seno | cancro al seno | mutazione BRCA | prevenzione tumore al seno |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)