Home > Cultura > I volontari di Scientology diffondono informazioni sugli effetti degli stupefacenti

I volontari di Scientology diffondono informazioni sugli effetti degli stupefacenti

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

I volontari di Scientology diffondono informazioni sugli effetti degli stupefacenti


Questa settimana i volontari della Chiesa hanno distribuito in Toscana centinaia di opuscoli informativi sui pericoli delle droghe. Negli opuscoli, destinati ai giovani e non solo, sono contenute informazioni molto dettagliate sugli effetti delle sostanze stupefacenti. Lo scopo è di far sì che i giovani evitino di cadere nella trappola della droga, e magari di convincere a smettere chi ha già cominciato a farne uso.

Gli opuscoli mettono anche in guardia sui metodi che usano gli spacciatori per diffondere le sostanze stupefacenti, proponendole come "innocue", "di moda", "curative", ecc.

Inoltre, a partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

Il Celebrity Centre della Città di Firenze, Chiesa di Scientology, sta da anni portando avanti la campagna informativa “Dico no alla droga”. Si tratta di una campagna internazionale a cui aderiscono le Chiese di Scientology di tutto il mondo, organizzando eventi pubblici e lezioni nelle scuole.

Tutti gli opuscoli sono consultabili anche sul sito it.drugfreeworld.org

La Chiesa di Scientology, fin dalla sua fondazione negli anni ’50 del secolo scorso, ha subito riconosciuto che la droga e l’alcol fossero una delle principali cause della spirale discendente che sta portando il pianeta alla degradazione. Il suo fondatore, L. Ron Hubbard, ha spesso condannato l’uso di droga nei suoi scritti, spiegando in dettaglio quali siano gli effetti invariabilmente negativi sul corpo e sulla mente degli individui.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | Toscana | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CHIESA DI SCIENTOLOGY - CELEBRAZIONI DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE


CHIESA DI SCIENTOLOGY - CELEBRAZIONI DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE


I Ministri Volontari di Scientology ad Haiti: aiuto a più di 284.000 persone


SCIENTOLOGY - COSA DICONO GLI ESPERTI?


La Chiesa di Scientology di Melbourne : prima Chiesa ideale di Scientology sotto la Croce del Sud


Portare pace e costruire civiltà: la Chiesa di Scientology saluta un 2016 di incontenibile crescita e innumerevoli risultati


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana
Nel 2014 in Colorado è stata legalizzata la marijuana per uso ricreativo, da quel momento sono in forte aumento i ricoveri al pronto soccorso per una sindrome denominata CHS, dovuta all’abuso di cannabis. In Colorado la marijuana è stata legalizzata per ragioni mediche nel 2009 e per uso ricreativo nel 2014. In uno studio pubblicato su “Annals of Internal Medicine”, si descrivono più di 2.500 visite connesse al consumo di cannabis al pronto soccorso di un grande ospedale pubblico in Colorado tra il 2012 e il 2016. La causa più comune del ricovero è la cosiddetta “iperemesi”, ovvero conati d (continua)

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani
Il coma etilico è uno stato di avvelenamento acuto da etanolo (alcool) che procura incoscienza e, a volte, la morte. L’idea che l’alcool non sia una droga è ancora molto diffusa. Certo, si tratta di una sostanza usata dall’uomo da tempo immemorabile, e che assunta in piccole quantità non causa danni rilevanti. Ma bisogna tener conto che il suo abuso causa effetti devastanti, e che si tratta della sostanza che causa ogni anno più morti di tutte le altre droghe messe insieme. È di pochi giorni fa la notizi (continua)

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga
Un criminale che spaccia, una volta arrestato, secondo il dettame costituzionale dovrebbe uscire “rieducato” e cambiare vita. Prendendo spunto da una notizia di cronaca, viene spontanea una riflessione sull’efficacia rieducativa delle pene detentive correnti. Ad Agrigento un 28enne ai domiciliari per una precedente condanna per droga, è stato arrestato in flagranza di reato in quanto deteneva in casa cocaina, marijuana e tutto l’armamentario classico per la preparazione e lo spaccio delle dosi. A San Giovanni in Fio (continua)

Il lockdown e gli spalloni della droga

Il lockdown e gli spalloni della droga
Durante il lockdown i rifornimenti di droga nella Venezia Giulia non potevano mancare, così gli spacciatori si sono trasformati in “spalloni” contrabbandieri attraverso le montagne del Carso tra Italia e Slovenia. Un triestino e un goriziano sono stati arrestati per spaccio di droga, entrambi avevano precedenti per lo stesso motivo ed erano tenuti sotto controllo dalla polizia per attività sospette. In effetti detenevano cocaina, eroina, hashish e marijuana. Tralasciando i dettagli della vicenda, è interessante notare come l’attività criminosa dei due spacciatori non si fosse fermata durante il lock (continua)

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)