Home > Economia e Finanza > Luigi Ferraris: i risultati di Terna sono un’ottima base di partenza per gli investimenti futuri

Luigi Ferraris: i risultati di Terna sono un’ottima base di partenza per gli investimenti futuri

scritto da: Pressreleaself | segnala un abuso


La transizione energetica è appena iniziata ma il funzionamento della rete è già completamente cambiato. Per rinnovarla, Terna ha stanziato 6,2 miliardi di investimenti, un piano sostenuto dagli ottimi risultati consolidati del 2018. Il commento dell'Amministratore Delegato e Direttore Generale Luigi Ferraris.

Luigi Ferraris, AD Terna

Luigi Ferraris (Terna) commenta i risultati consolidati del 2018

Accelerare la transizione energetica del Paese grazie all'investimento più alto di sempre: è l'obiettivo di Terna e dell'attuale piano strategico approvato dal CdA insieme ai risultati consolidati del 2018. La società punta a investire 6,2 miliardi di euro sul rinnovamento della rete elettrica italiana per favorire così la piena integrazione dell'energia prodotta da fonti rinnovabili non programmabili. L'operazione è sostenuta dagli ottimi risultati consolidati del 2018, che registrano un utile netto di oltre 706 milioni di euro, in crescita del 2,7% sul 2017, e un Ebitda di 1 miliardo e 650 milioni di euro, in incremento del 2,9%. L'Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna, Luigi Ferraris, ha presentato i dati e ha commentato: "Ci affacciamo all'inizio di questo piano, che è il 2019, in ottima salute. Abbiamo chiuso il consuntivo con risultati in crescita rispetto al 2017, che è un'ottima base di partenza per verificare e testare la nostra capacità di realizzare il piano 2019-2023". La società guidata da Luigi Ferraris punta a favorire un sistema con più auto elettriche, più pompe di calore, minore capacità produttiva da fonti fossili e maggiore da fonti rinnovabili come il vento e il sole.

Luigi Ferraris: il piano strategico di Terna

"Il piano", ha aggiunto Luigi Ferraris, "comporta investimenti di interconnessione con l'estero, lo sbottigliamento di alcune aree geografiche per favorire un'ottimizzazione del collegamento tra rinnovabili e luoghi di consumo, comporta investimenti nel miglioramento della rete esistente e investimenti in resilienza per affrontare anche condizioni climatiche sempre più estreme e sempre più avverse, e comporta soprattutto investimenti in innovazione e digitalizzazione della rete". Fino a 10 o 15 anni fa, infatti, gli impianti di generazione erano pochi e grandi. Oggi invece i punti di produzione di energia in Italia sono più di 800.000. La transizione è appena cominciata ma la rete già funziona in modo nettamente diverso rispetto a pochi anni fa. Luigi Ferraris è alla guida di Terna da maggio 2017. Ha iniziato la sua carriera nel settore auditing di PriceWaterhouse per poi passare alla società energetica ERG S.p.A. in qualità di Consigliere. Ha svolto il medesimo ruolo per PSC S.p.A., per poi ricoprire varie posizioni manageriali di primo piano nel Gruppo Enel. Prima di passare alla guida di Terna, è stato Chief Financial Officer di Poste Italiane.


Fonte notizia: https://www.askanews.it/video/2019/03/21/lad-di-terna-luigi-ferraris-piano-da-62-mld-su-rete-entro-2023-20190321_video_16025958/


Luigi Ferraris | Terna |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Terna: Luigi Ferraris, transizione energetica e sviluppo sostenibile


Coronavirus, l’impegno di Terna per il Paese: Luigi Ferraris a “La Stampa”


Luigi Ferraris premiato per il suo impegno in Terna come Manager delle Utilities nel settore Energia


Luigi Ferraris: il Terna Innovation Hub di Torino, dettagli e attività


Sostenibilità: Luigi Ferraris, AD E DG di Terna, riceve il premio Manager Utility


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Stefano Donnarumma (Terna): “Infrastrutture di rete centrali nel processo di transizione”

L'AD e DG di Terna Stefano Donnarumma è stato intervistato dal "Corriere della Sera" in merito alla recente nomina come Presidente di GO15: "Eventi climatici, decarbonizzazione e transizione green rendono indispensabile investire su stabilità e sicurezza delle reti".Stefano Donnarumma: necessario che le reti siano pronte a gestire eventi non più "eccezionali"Non molti sono a conoscenza del fatto c (continua)

Stefano Donnarumma: Terna confermata nel Dow Jones Sustainability World Index

Terna tra le "sole 7 utility elettriche quotate al mondo presenti nel prestigioso indice finanziario che seleziona l'eccellenza nel campo della sostenibilità": così il Gruppo guidato dall'AD e DG Stefano Donnarumma sul recente riconoscimento conseguito.Stefano Donnarumma: Terna nel Dow Jones Sustainability World IndexTerna si riafferma tra i leader globali in materia di sostenibilità. Per il 13° a (continua)

Terna4Green: l’azienda guidata da Stefano Donnarumma lancia la piattaforma che misura il risparmio di CO2

Prosegue l'impegno di Terna verso gli obiettivi di decarbonizzazione: la società guidata da Stefano Donnarumma ha inaugurato Terna4Green, piattaforma in grado di calcolare le emissioni e il risparmio di anidride carbonica legate alla produzione di energia elettrica.Stefano Donnarumma: trasparenza e sostenibilità, i dettagli della nuova piattaforma di TernaRealizzata con l'obiettivo di monitorare l (continua)

Stefano Donnarumma: investire nelle reti e aumentare la produzione di energia rinnovabile

"Oggi il rinnovabile copre circa il 35-36% del fabbisogno" e "Terna porta sulle proprie spalle un grosso carico che riguarda la transizione energetica". Lo ha dichiarato l'Amministratore Delegato e Direttore Generale Stefano Donnarumma durante il Talk "Transizione Green e Investimenti" di Rcs Academy.Stefano Donnarumma: Italia, hub energetico al centro del MediterraneoL'obiettivo di Terna nei pros (continua)

Stefano Donnarumma: per la transizione ecologica affidiamoci alle competenze delle grandi imprese

Il dibattito organizzato da Terna per riflettere sulla transizione ecologica è stato animato da diverse voci autorevoli: all'evento ha partecipato anche l'AD e DG Stefano Donnarumma, intervenuto per parlare delle grandi imprese e del loro prezioso contributo sostenibile.Stefano Donnarumma al dibattito "La sfida della transizione ecologica""La sfida della transizione ecologica": questo il titolo de (continua)