Home > Cultura > Successo per il mega raduno europeo dedicato a Terence Hill e Bud Spencer

Successo per il mega raduno europeo dedicato a Terence Hill e Bud Spencer

scritto da: PressWeb | segnala un abuso

Successo per il mega raduno europeo dedicato a Terence Hill e Bud Spencer


Il mega raduno europeo in Sassonia dei fan di Terence Hill e Bud Spencer è stato il successo annunciato fin dalla vigilia.

Il Festival, che ha invaso i social con l'hustag #spencerhillfestival, si tiene ogni anno da innumerevoli edizioni per celebrare, ricordandola per più giorni ed in modalità full immersion, l'amata coppia cinematografica.
Sono stati davvero intensi i momenti emozionanti della 3 giorni dedicata al celebre duo, con concerti dal vivo, film, live show, ospiti e molto divertimento in scaletta; i festeggiamenti hanno riguardato migliaia di persone ogni giorno, fino a notte fonda.
Tra le guest stars presenti quest'anno, attentamente seguite nel soggiorno dall'efficentissimo Executive Manager del Festival, Matteo Luschi (italianissimo ma residente in Germania da tantissimi anni):  la figlia di Bud Spencer Cristiana Pedersoli e il figlio di Terence, Jess Hill; inoltre, alcuni rappresentanti dei mitici anni 70 ed 80 e collegati al contesto festeggiato, come Sal Borgese, Riccardo Pizzuti, Oliver Onions, il Maestro Franco Micalizzi, Jorgo Papasoglou, La Bionda e tanti altri. Non ci sono state delusioni: tutto come da programma. Gli ospiti si sono avvicendati sul palco, accolti con grande ammirazione, applausi a catena ed una adorazione che in Italia è difficile comprendere: è soprattutto all'estero, infatti, che   Bud e Terence sono considerati alla stregua di eroi nazionali ed intramontabili del divertimento, anche se pure nel nostro Paese vengono loro riconosciuti grande successo e notorietà. L'adorazione quasi fanatica Spencer/Hill, pero', appartiene più ad alcune nazioni estere come la Germania.
Ad ospitare l'edizione 2019 del festival è stata ancora una volta la Sassonia: come nello scorso anno,  la cittadina di Lommatzsch è rimasta sotto i riflettori dal 29 fino al 31 Agosto; proprio qui, Terence Hill ha passato alcuni anni indimenticabili della sua infanzia (non è un  caso che sia stato dedicato nei pressi un museo al celebre attore dagli occhi celesti).
A questo "folle" circo del ricordo si danno appuntamento ammiratori da tutta Europa,  in nome di una coppia da set che ha avuto pochi eguali nella storia del Cinema.
Si sono messi in viaggio, hanno pagato un biglietto neanche modesto, hanno resistito al clima torrido di fine agosto che ha avvolto Lommatzsch e non si sono risparmiati in energie tutto i giorni e per tutto il giorno: venuti da ognidove della Germania, ma anche da Austria, Svizzera, Ungheria, Belgio, Olanda, Italia e da nazioni ancora più lontane, gli spettatori di questo festival hanno portato con sè forte entusiasmo e la magia di una passione in comune.
"E' la mia prima volta" - aveva dichiarato entusiasta il Maestro Franco Micalizzi alla vigilia della partenza . Al ritorno, ha affermato: "Meglio delle aspettative: è stata una esperienza straordinaria, davvero commovente; l'affetto del pubblico ha riempito il mio cuore grazie ad un abbraccio energetico di migliaia di persone, riunitesi sotto ad un palco spettacolare allestito per l'occasione".
Tutti gli ospiti, più o meno, hanno dichiarato lo stesso, e sono propensi a ritornare nel 2020.
Durante le serate del Festival alcuni musicisti, tra cui i mitici Dune Buggy Band, hanno suonato live le colonne sonore dei film beniamini della celebre coppia, e sono state proiettate pellicole tematiche, con svolgimento di giochi, spettacoli, attrazioni e concorsi con ricchi premi,  che rendono di fatto questa kermesse unica nel suo genere.
L'edizione 2019 è stata ispirata al film "Pari e dispari" del 1978 diretto da Sergio Corbucci, che vide ovviamente sempre Bud e Terence come attori protagonisti. Quella del prossimo anno non è difficile intuire che sarà sicuramente dedicata ai 50 anni di "Lo chiamavano Trinità".
 
Lo SpencerHill, appuntamento davvero speciale, ha un sito dal quale possono essere apprese tutte le informazioni utili:  www.spencerhill-festival.de/Home
 

post evento |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

...E LO CHIAMERAI DESTINO: un anno di successi e recensioni


Due anni senza Bud Spencer, ci pensano i Quartieri Spagnoli e la Pasticceria Seccia a ricordarlo a Napoli


Il compositore Franco Micalizzi super ospite atteso in Sassonia


III Edizione “FERRARI AWARDS” GRANDE SUCCESSO all’insegna di Passione Rossa!


La formazione alla sicurezza di Mega Italia Media ad Ambiente Lavoro di Bologna


Bud Spencer omaggiato dal M° Franco Micalizzi all’Auditorium Parco della Musica di Roma


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

"Il Cinema non si ferma", con la colonna sonora di ACMF (Associazione Compositori Musica per Film)


Sarà “Il Cinema non si Ferma”, primo film in assoluto girato rispettando scrupolosamente le norme sul distanziamento sociale imposte dal Coronavirus, a inaugurare domenica 12 luglio “l’Ischia Global Film & Music Festival“ di Pascal Vicedomini, apprezzato appuntamento di promozione artistica nell’Isola Verde. Singolare la colonna sonora curata da più di venti musicisti membri dell´Associazione Compositori Musica per Film (ACMF), coordinati dal supervisore Alessandro Molinari: autori che spaziano dal giovane esordiente al vincitore del David di Donatello. Il tutto è nato da un’idea del produttore Ruggero De Virgiliis, e “Il Cinema non si Ferma” è stato prodotto da Daniele Fioretti e Daniele Muscolo (continua)

Giovedì 9 luglio, finalmente il lancio del nuovo videoclip “Sale e Assale” di Samantha Innocenti (Naira)!

Giovedì 9 luglio, finalmente il lancio del nuovo videoclip “Sale e Assale” di Samantha Innocenti (Naira)!
L’uscita del reggaeton italiano era prevista già da qualche mese, rinviata più volte a causa del blocco totale dovuto al Coronavirus. Il brano è nato in una mattina di inverno dello scorso anno. La dottoressa Innocenti mentre si recava a lavoro in clinica, per anestetizzare il freddo le venne da fischiettare un motivo, le sembrò subito qualcosa di vincente. Nel pomeriggio si recò a casa della cantautrice Gio’ Di Sarno (accompagnata dal suo instancabile ufficio stampa ed editore di Inciucio.it Gio’ Di Giorgio) e tra uno (continua)

Serata Amarcord a Lugo sui 50 anni de "Lo chiamavano Trinità

Serata Amarcord a Lugo sui 50 anni de
Festeggiata con successo la celebre pellicola al chiostro del Carmine di Lugo (piazza Trisi). Iniziata da qualche giorno la rassegna estiva lughese che  metterà in campo numerose proposte; si potranno trovare i film protagonisti dell’ultima stagione, grandi classici, pellicole pluripremiate ed anteprime.Tra gli appuntamenti più attesi della stagione, sabato 4 luglio è toccato a "Lo chiamavano Trinità", cult movie prodotto da Italo Zingarelli (eccelle (continua)

A Lugo di Romagna in arrivo i festeggiamenti per i 50 anni de "Lo chiamavano Trinità"

A Lugo di Romagna in arrivo i festeggiamenti per i 50 anni de
Il cinema all’aperto animerà anche questa estate lughese a partire da sabato 27 giugno. A fare da cornice alla rassegna cinematografica sarà ancora una volta il chiostro del Carmine di Lugo (piazza Trisi), che ospiterà per l’estate nuovi film per tutti i gusti. Nel chiostro del Carmine riflettori puntati sull’arena cinematograficaLa rassegna metterà in campo numerose proposte, e si potranno trovare i film protagonisti dell’ultima stagione, grandi classici, pellicole pluripremiate ed anteprime.Tra gli appuntamenti più attesi della stagione, sabato 4 luglio, con inizio alle ore 21.30, toccherà a "Lo chiamavano Trinità", cult movie  (continua)

Burning Red in finale alla XIII edizione del Festival Internazionale del Film Corto Tulipani di Seta Nera

Burning Red in finale alla XIII edizione del Festival Internazionale del Film Corto Tulipani di Seta Nera
Fabrizio Ancillai, sceneggiatore e regista, ha studiato e si è diplomato in Fotografia e Ripresa Cinematografica all’Istituto di Stato di Cine e Tv Roberto Rossellini di Roma. Dopo aver completato gli studi, ha iniziato a lavorare prima come assistente operatore  e poi come operatore di macchina. Ha lavorato con importanti Direttori della Fotografia  come Gerry Fisher, Dante Spinotti, Armando Nannuzzi, Tonino delli Colli, Franco Di Giacomo e con registi di grosso calibro tra cui Franco Zeffirelli, Carlo Lizzani, Julie Taymor, Fedor Bondarchuk, Tinto Brass e al (continua)