Home > Ambiente e salute > Evitare, sostituire, riciclare: la strategia di SPAR per ridurre l'inquinamento da imballaggi di plastica

Evitare, sostituire, riciclare: la strategia di SPAR per ridurre l'inquinamento da imballaggi di plastica

scritto da: NextCommunications | segnala un abuso

Evitare, sostituire, riciclare: la strategia di SPAR per ridurre l'inquinamento da imballaggi di plastica


VILLACH, 13 settembre 2019 - Gruppo SPAR all'avanguardia, anche nel supermercato Interspar di Atrio, il centro commerciale più grande della Carinzia situato a Villach, nelle iniziative per la riduzione dei rifiuti da imballaggio di plastica, che rappresentano una delle potenziali fonti di inquinamento ambientale più dannose del pianeta. Basti pensare nel solo 2017, in tutta l'Austria sono state smaltite 310.000 tonnellate di imballaggi in plastica. 

Una strategia, quella messa in atto da SPAR a livello aziendale, che è costituita da tre pilastri: evitare all'origine gli imballaggi di plastica, sostituirli con quelli fatti di altri materiali meno impattanti, soppiantare gli imballaggi monouso con quelli riutilizzabili. Va detto che, innanzitutto, per ogni singolo prodotto, i gestori controllano se l'imballaggio può essere completamente evitato o ridotto. In caso contrario, la riciclabilità sarà ottimizzata. Naturalmente si fa sempre molta attenzione a mantenere la freschezza, l'igiene e la conservabilità degli alimenti, anche con l'utilizzo di imballaggi alternativi.

Il riuso intelligente dei materiali di scarto è di casa da Atrio, dove tutti i negozi partner sono tenuti a rispettare il concetto di riciclo. "Atrio è un centro che, sulla base di una classifica stilata di recente negli Stati Uniti - annota il direttore generale di Atrio Richard Oswald - si fregia del titolo di shopping center più ecologico del mondo. Pertanto, l'attenzione di SPAR alla promessa di ridurre gli imballaggi evitandoli ove possibile è in perfetta sintonia con la nostra sensibilità ambientale". Già premiato con nove riconoscimenti internazionali tra cui l'Energy Globe Award' e il 'Trigos Award per l'ecologia', Atrio - interamente realizzato con materiali ecocompatibili - ha investito più di 100 milioni di euro per realizzare un complesso 'futuristico' che si avvale di un sistema di approvvigionamento energetico geotermico basato sullo sfruttamento dei 652 pali trivellati che sostengono le fondamenta della struttura, attraverso i quali il calore viene raccolto dal terreno e accumulato. La forza naturale del calore terrestre viene sfruttata lungo l'arco di tutto l'anno: nei mesi freddi viene usato per il riscaldamento tramite pompe di calore, mentre nei periodi più caldi viene utilizzato per il raffreddamento dell'edificio attraverso appositi impianti. "In questo modo - annota il direttore Oswald - copriamo quasi la metà del nostro fabbisogno energetico oltre, naturalmente, a contribuire attivamente e giornalmente alla protezione del clima, con il risparmio, ogni anno di 500 tonnellate di anidride carbonica, pari a tre milioni di chilometri percorsi da autovetture nell'arco di un anno".

Atrio | Villacco | Shopping center | Riciclo | Plastica |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Atrio Villach: estate di grandi occasioni nello shopping center austriaco. Giornate degli sconti stile Black Friday, mercatino delle pulci dei bambini e una mostra fotografica mozzafiato

Atrio Villach: estate di grandi occasioni nello shopping center austriaco. Giornate degli sconti stile Black Friday, mercatino delle pulci dei bambini e una mostra fotografica mozzafiato
Eventi e saldi da non perdere per le famiglie, e Planet Lollipop al 40% in meno VILLACH, 15 luglio – L'estate prende slancio da Atrio, il centro commerciale di Villach e il più grande della Carinzia, che dopo la riapertura dei confini è pronto a offrire alla clientela italiana numerose occasioni di svago e intrattenimento, oltre alla vastissima scelta merceologica garantita da quasi cento negozi e alla variegata proposta gastronomica di 14 locali tra ristoranti, caffè, bar e (continua)

Atrio Villach felice di accogliere i clienti dal Friuli-Venezia Giulia e dall'Italia. La bella stagione porta buone notizie, ora la ripresa

Atrio Villach felice di accogliere i clienti dal Friuli-Venezia Giulia e dall'Italia. La bella stagione porta buone notizie, ora la ripresa
Il direttore del centro commerciale, Richard Oswald, sulla riapertura del confine con l'Italia. "Siamo lieti di riavere i nostri amici dalla regione vicina a cui siamo da sempre legati, daremo loro il meglio in termini di qualità e anche di sicurezza sanitaria" Riaprono il 16 giugno i confini con l'Italia e il centro commerciale Atrio di Villach, il più grande della Carinzia, è pronto a riaccogliere i clienti italiani (circa 250.000 l'anno), in larga maggioranza provenienti dal Friuli Venezia Giulia, che scelgono lo shopping center per i loro acquisti. "Siamo veramente lieti di poter riavere i nostri amici e clienti affezionati - commenta il general mana (continua)

COLLEZIONE PRIMAVERA - ESTATE 2020 DI C.ALLA LUXURY LINGERIE: UNA FAVOLA IN CUI OGNI DONNA PUO' RITROVARE SE STESSA IN TEMPI DIFFICILI

COLLEZIONE PRIMAVERA - ESTATE 2020 DI C.ALLA LUXURY LINGERIE: UNA FAVOLA IN CUI OGNI DONNA PUO' RITROVARE SE STESSA IN TEMPI DIFFICILI
 Il brand di Carlotta Checchi (Bologna) sfida l'emergenza Coronavirus con la forza di un sogno di bellezza unica e inimitabile. Tutti i prodotti a disposizione nello shop online, www.calla.it. "Comprare le nostre creazioni vuol dire aiutare il Made in Italy e la grande e inimitabile tradizione sartoriale di questo Paese"     Casalecchio di Reno (Bologna), 27 aprile 2 (continua)

Next Relations: l'evoluzione del cambiamento. L'agenzia di comunicazione integrata con sede a Udine muta e si proietta verso futuri orizzonti

Next Relations: l'evoluzione del cambiamento. L'agenzia di comunicazione integrata con sede a Udine muta e si proietta verso futuri orizzonti
 CEO Lucchese: "Ci siamo dati una nuova struttura e metodi inediti per rispondere alle sfide di un mondo completamente diverso dopo l'impatto di Covid-19". In campo ambientale, lancio del progetto 'Arboreus', per riqualificare spazi verdi pubblici   UDINE, 23 APRILE 2020 - "Da oltre 30 anni la nostra professione è stata la comunicazione, ma ora questa es (continua)

Ristorante Ca'Matta (Noale) non si ferma: il blasonato chef Di Rocco pronto a preparare piatti da degustare a casa

Ristorante Ca'Matta (Noale) non si ferma: il blasonato chef Di Rocco pronto a preparare piatti da degustare a casa
 NOALE (Venezia) – Nel rispetto degli stringenti provvedimenti adottati per il contenimento della diffusione del Coronavirus, il ristorante Ca' Matta, con sede a Noale (Venezia), assiduamente frequentato da clienti molto esigenti, ha trovato il modo per non fermarsi e per “tenere viva quella voglia di buon cibo che ci accomuna e che vogliano condividere”. Ad annunciarlo, con (continua)