Home > News > L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita


L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzione senza darsi per sconfitti ma accettando e cambiando il corso degli eventi con fiducia e resilienza uscendone fuori sempre più rafforzati. Cosa c’è dietro alla salita? Lo sport rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per partire e ripartire. Un mondo dietro la bici: salite, fatica e impegno con passione e determinazione; pensieri e dubbi; sfide e sogni da realizzare; prove in allenamento e in gara; gioie e soddisfazione. Nella vita prima o poi la trovi una bici che ti fa mettere in gioco; fa sperimentare benessere e/o performance; permette di far parte di una squadra che segue obiettivi condivisi; fa condividere allenamenti e gare, trasferte e viaggi. In bici, a volte, le sensazioni e le emozioni sono ricche e intense. La bici è uno strumento della palestra dello sport; una modalità per sperimentarsi e mettersi alla prova; un’opportunità per portare a casa tanti insegnamenti, esperienze che fanno crescere e maturare. L’atleta, attraverso l’esperienza con la bici, affronta la salita, gestisce e supera crisi e difficoltà, incrementa la fiducia in sé nello specifico sport praticato, un’autoefficacia che poi si estende in altri contesti di vita e incrementa anche l’autostima generale sperimentando benessere fisico, mentale e relazionale. La vita è fatta di ciclicità: sconfitte e vittorie, infortuni e riprese, offese e complimenti, tristezza e felicità. E’ importante saper stare con quello che c'è con la consapevolezza che non è per sempre e tutto passa, tutto cambia, importante è trovare dentro di noi motivazioni, passioni, interessi, risorse. La bici regala emozioni uniche che ripagano la fatica condivisa partecipando a manifestazioni ed eventi. La bici avvicina persone, culture e mondi; attraverso la bici si conoscono nuove persone, avvengono incontri e confronti. La bici abbatte muri e barriere anche generazionali, la bici rimette al mondo facendo faticare con i più giovani. La salita, i tunnel, le crisi diventano amici dell'atleta; più è lunga e/ ripida la salita, più è lungo e buio il tunnel, più è grande la crisi e più si è riconoscenti quando tutto è finito per aver superato tutto. Tutto passa, tutto cambia; passa la salita, passa la crisi; rimane la consapevolezza che anche questa volta si è riusciti incrementando la forza interiore che aiuta non solo nello sport ma anche nella vita quotidiana lavorativa, familiare, relazionale. Lo sport è un mondo dove si può scaricare tensione; si può sentire il proprio corpo; dove c’è un percorso, un inizio e una fine come è la vita; dove si trovano tanti compagni di viaggio lungo i percorsi e si fanno dei tratti con qualcuno così come succede nella vita; un mondo dove si sperimentano sensazioni ed emozioni quali ansie, tensioni, paure, stanchezza, incredulità, gioia, precarietà ma niente è stabile, niente è per sempre. Bisogna diventare sempre più resiliente e la bici è un buon strumento della palestra dello sport. Nello sport bisogna fare sempre più rete e sapere su chi contare, fidarsi e affidarsi così come nella vita. A volte attraverso lo sport si può sperimentare una rinascita; dopo uno stop, un passo alla volta, con coraggio e attenzione, si può decidere di ripartire in modo diverso con le risorse residue. La mente riesce a guidare il fisico; la mente con l’immaginazione va avanti per perlustrare, per comprendere e poi torna indietro per confrontarsi con il corpo e insieme si decide cosa fare e come fare. Sarebbe bene preservare il fisico con coccole, massaggi, attenzioni. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta 380-4337230 - 21163@tiscali.it http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Bici e Accessori Hello Kitty!!!


L’esperienza della bici per assaporare colori, odori e suoni


Dario Santoro, Campione Italiano Maratona: purtroppo lo sport non mi dà da vivere


Gian Luca Di Nunzio: il triathlon è una condizione mentale


Cosa c'è dietro lo sport? Tanta passione, allenamenti, incontri, fatica


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Come migliorare la performance e spunti dal libro Maratoneti e ultrarunner

Come migliorare la performance e spunti dal libro Maratoneti e ultrarunner
La maratona, oltre a essere una prestazione sportiva agonistica, è un’esperienza. Percorrere una maratona non significa solamente cercare di vincere, cercare di fare la performance della vita, cercare di fare il record personale. Percorrere una maratona significa anche sperimentare l’alimentazione pre-gara, preoccuparsi del tempo atmosferico, pensare all’abbigliamento adatto Matteo SIMONE La maratona, oltre a essere una prestazione sportiva agonistica, è un’esperienza. Percorrere una maratona non significa solamente cercare di vincere, cercare di fare la performance della vita, cercare di fare il record personale. Percorrere una maratona significa anche sperimentare l’alimentazione pre-gara, preoccuparsi del tempo atmosferico, pensare all’abbigliamento adatt (continua)

Pierluigi Lops: La gara della vita probabilmente la 100 km del passatore

Pierluigi Lops: La gara della vita probabilmente la 100 km del passatore
Lo sport davvero avvicina persone, culture, mondi e rende felici e resilienti sintonizzandosi sul l'obiettivo da portare avanti seguendo mete e direzioni sempre pronti a rimodulare tutto cavalcando l'onda del cambiamento e utilizzando risorse residue, che diventano a volte sorprendenti e rinnovabili. Questo è il vantaggio dello sport, di seguito Pierluigi racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. La mia prima maratona di Roma nel 2011 forse è lì che mi sono sentito completamente atletaMatteo SIMONEwww.psicologiadellosport.net Lo sport davvero avvicina persone, culture, mondi e rende felici e resilienti sintonizzandosi sul l'obiettivo da portare avanti seguendo mete e direzioni sempre pronti a rimodulare tutto cavalcando l'onda del cambiamento e utilizzando risorse residue, che d (continua)

Ultramaratoneti e gare estreme: Cosa motiva questi atleti?

Ultramaratoneti e gare estreme: Cosa motiva questi atleti?
Il testo consente di calarsi nella realtà degli ultramaratoneti, grazie all’esperienza diretta dell’autore e al contributo di centinaia di atleti intervistati che hanno condiviso le loro esperienze di gara. Vi sono i racconti di amanti della corsa e di atleti professionisti. In primo piano è il vissuto esperienziale degli atleti, le loro problematiche, le loro convinzioni, le loro paure, le loro esperienze di vita e i loro successi. Come ci ricorda la psicoterapia della Gestalt, è nell’esperienza che risiede la conoscenza. Un libro affascinante che riporta le motivazioni di queste persone, che tratteggia le loro strutture caratteriali. Un testo che permette di avvicinarsi a questo tipo di discipline considerate estreme e impossibili. Cosa li spinge a spostare sempre più in avanti i limiti fisici? Matteo SIMONE Questi i quesiti che si è posto l’autore Matteo Simone per stendere questo libro, si parla di ultramaratone e di gare estreme per lunghezza chilometrica, per condizioni fisiche-naturalistiche e metereologiche nelle quali si affrontano i percorsi, per le richieste mentali poste a questi atleti.  Il tes (continua)

Arrendersi mai, come trovare la carica per affrontare positivamente la vita

Arrendersi mai, come trovare la carica per affrontare positivamente la vita
L’aiuto psicologico può avere l’obiettivo di sviluppare la resilienza nelle persone, aiutare a ricostruire fiducia e relazioni, ricostruire sé stessi, la propria attività. L’aiuto psicologico può avere l’obiettivo di incrementare fiducia e pazienza in attesa di ritornare gradualmente alla quotidianità, di riprendere le cose lasciate in sospeso, di prendersi cura di sé. Passa tutto se siamo fiduciosi, collaborativi, pazienti,Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Passa tutto se siamo fiduciosi, collaborativi, pazienti, se siamo comunque in contatto a distanza, se siamo sensibili, tolleranti. Passa tutto e si affronta tutto come i muri di tante maratone, possiamo e dobbiamo farcela sviluppando resilienza per cercare di uscire più forti e deter (continua)

Come migliorare la performance e spunti dal libro Triathlon e Ironman

Come migliorare la performance e spunti dal libro Triathlon e Ironman
Per affrontare il periodo di preparazione atletica ci vogliono convinzione, grinta, forza e determinazione. La cosa importante, quindi, è decidere le priorità e gli obiettivi, e impegnarsi per il loro raggiungimento. È indispensabile fare progetti credibili a sé stessi. Bisogna sapersi monitorare nel corso del tempo, sapersi testare o farsi testare. Matteo SIMONE Per affrontare il periodo di preparazione atletica ci vogliono convinzione, grinta, forza e determinazione. La cosa importante, quindi, è decidere le priorità e gli obiettivi, e impegnarsi per il loro raggiungimento. È indispensabile fare progetti credibili a sé stessi. Bisogna sapersi monitorare nel corso del tempo, sapersi testare o farsi testare.La preparazione mentale è (continua)