Home > Cultura > Gioventù per i Diritti Umani organizza quattro conferenze internazionali

Gioventù per i Diritti Umani organizza quattro conferenze internazionali

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Gioventù per i Diritti Umani organizza quattro conferenze internazionali


Come è oramai tradizione, durante il Tour Mondiale Educativo di Gioventù per i Diritti Umani (Youth for Human Rights – YHRI) si sono tenute conferenze in quattro nazioni, allo scopo di coinvolgere ed educare i giovani sui diritti umani.

Il Tour è iniziato con la 7° Conferenza Annuale Regionale sui Diritti Umani in Asia meridionale a Kathmandu, in Nepal. La conferenza ha riunito partecipanti provenienti da Bangladesh, India, Pakistan, Indonesia e Vietnam. Tra i relatori della giornata di apertura c’era un membro della Commissione Nazionale per i Diritti Umani nepalese, e il Vicepresidente Esecutivo del Consiglio Nazionale della Gioventù. Sette media hanno partecipato alla cerimonia inaugurale e si è svolta una tavola rotonda sullo tema "il potere dei giovani in Asia meridionale per la pace e i diritti umani".

Il Commissario del Distretto Scout nepalese ha riunito i giovani scout, rover scout, ranger e scoutmaster per discutere le loro responsabilità in termini di diritti umani.

La seconda conferenza è stata la 7° Conferenza Regionale Asia-Pacifico di tre giorni a Taiwan, con delegati giovanili provenienti da Australia, Bangladesh, India, Malesia, Nepal, Paraguay, Sri Lanka, Stati Uniti, Vietnam e, naturalmente, Taiwan. Tra i relatori c'erano funzionari governativi, educatori e leader della comunità. Il tema della prevenzione del bullismo era in cima all'agenda con discussioni animate, in particolare sul ruolo dell'educazione ai diritti umani come comprovata misura preventiva.

La successiva è stata la 5° Conferenza Annuale Latinoamericana in Messico, ospitata dal governo di Tlaxcala presso il palazzo legislativo statale. Funzionari governativi, leader di comunità, ONG e membri della società civile hanno partecipato, inclusi delegati giovanili provenienti da Argentina, Costa Rica, Guatemala, Perù, Uruguay e rappresentanti di 27 stati messicani. Tra i relatori c'erano il presidente della Commissione per i Diritti Umani del Congresso di Tlaxcala e il direttore dell'Istituto per la Gioventù di Tlaxcala, in rappresentanza del governatore dello stato. Come riconoscimento speciale per il suo lavoro, la Dott.ssa Mary Shuttleworth, Presidente di YHRI, ha ricevuto un bastone Azteco scolpito a mano dall'Ufficio del Governatore di Tlaxcala. Il secondo giorno, il Cinema dei Giardini Botanici è stato lo scenario di un evento in cui i giovani delegati hanno presentato il loro lavori sui diritti umani e condiviso le azioni di successo tra di loro.

E negli Stati Uniti c'è stata la Conferenza Nazionale per i Diritti Umani, tre giorni a Capitol Hill, che includeva il conferimento del prestigioso Premio Presidenziale per il Servizio di Volontariato. Proclamazioni, certificati e congratulazioni emessi da funzionari di tutti gli Stati Uniti.

L'ufficio per gli affari nazionali della Chiesa di Scientology ha ospitato un evento incentrato sulla questione della tratta di esseri umani, seguito da incontri con 47 funzionari legislativi a Capitol Hill. Gli eventi sono culminati con il concerto per i diritti umani durante il Cherry Blossom Festival sul National Mall.

“Uniti per i Diritti Umani” e “Gioventù per i Diritti Umani” sono programmi sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. Sono attivi a livello internazionale organizzando convegni (il più recente a New York nel Palazzo di Vetro della Nazioni Unite) e lezioni sui Diritti Umani nelle scuole elementari, medie e superiori, allo scopo di diffondere la conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dall’ONU nel 1948.

Il fondatore della Chiesa di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".


Fonte notizia: https://www.humanrights.com/


Scientology | Diritti Umani | ONU | L Ron Hubbard | Gioventù per i Diritti Umani |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


La Chiesa di Scientology per l’educazione sui Diritti Umani


Senigallia: educare al rispetto tramite i diritti umani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana
Nel 2014 in Colorado è stata legalizzata la marijuana per uso ricreativo, da quel momento sono in forte aumento i ricoveri al pronto soccorso per una sindrome denominata CHS, dovuta all’abuso di cannabis. In Colorado la marijuana è stata legalizzata per ragioni mediche nel 2009 e per uso ricreativo nel 2014. In uno studio pubblicato su “Annals of Internal Medicine”, si descrivono più di 2.500 visite connesse al consumo di cannabis al pronto soccorso di un grande ospedale pubblico in Colorado tra il 2012 e il 2016. La causa più comune del ricovero è la cosiddetta “iperemesi”, ovvero conati d (continua)

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani
Il coma etilico è uno stato di avvelenamento acuto da etanolo (alcool) che procura incoscienza e, a volte, la morte. L’idea che l’alcool non sia una droga è ancora molto diffusa. Certo, si tratta di una sostanza usata dall’uomo da tempo immemorabile, e che assunta in piccole quantità non causa danni rilevanti. Ma bisogna tener conto che il suo abuso causa effetti devastanti, e che si tratta della sostanza che causa ogni anno più morti di tutte le altre droghe messe insieme. È di pochi giorni fa la notizi (continua)

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga
Un criminale che spaccia, una volta arrestato, secondo il dettame costituzionale dovrebbe uscire “rieducato” e cambiare vita. Prendendo spunto da una notizia di cronaca, viene spontanea una riflessione sull’efficacia rieducativa delle pene detentive correnti. Ad Agrigento un 28enne ai domiciliari per una precedente condanna per droga, è stato arrestato in flagranza di reato in quanto deteneva in casa cocaina, marijuana e tutto l’armamentario classico per la preparazione e lo spaccio delle dosi. A San Giovanni in Fio (continua)

Il lockdown e gli spalloni della droga

Il lockdown e gli spalloni della droga
Durante il lockdown i rifornimenti di droga nella Venezia Giulia non potevano mancare, così gli spacciatori si sono trasformati in “spalloni” contrabbandieri attraverso le montagne del Carso tra Italia e Slovenia. Un triestino e un goriziano sono stati arrestati per spaccio di droga, entrambi avevano precedenti per lo stesso motivo ed erano tenuti sotto controllo dalla polizia per attività sospette. In effetti detenevano cocaina, eroina, hashish e marijuana. Tralasciando i dettagli della vicenda, è interessante notare come l’attività criminosa dei due spacciatori non si fosse fermata durante il lock (continua)

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)