Home > Libri > “URU”, il terzo romanzo dello scrittore SERGIO CALCAGNILE

“URU”, il terzo romanzo dello scrittore SERGIO CALCAGNILE

articolo pubblicato da: PressWeb | segnala un abuso

“URU”, il terzo romanzo dello scrittore SERGIO CALCAGNILE

Il 19 settembre ha segnato il lancio sul mercato editoriale italiano di “URU”, il terzo romanzo dello scrittore Sergio Calcagnile dopo la pubblicazione, nel 2018, di “Nonno Egeo”, il suo primo libro di genere narrativa storica, e “Lumina Tenebrarum”, genere horror. 

Edito dalla casa editrice Caosfera Edizioni, in quest’opera l’autore racconta la storia di Filippo, un uomo alla costante ricerca di sé stesso. Quando un amico della palestra che frequenta gli consiglia la calma di un monastero benedettino piemontese, vi si reca con gioia. Il luogo, contrariamente alla sacralità di facciata, nasconde più di un segreto. A cosa servirà il macchinario nascosto al suo interno?

Un libro nato da “un grigio novembre di un paio di anni fa, - spiega l’autore - quando non era ancora nato il secondo figlio e riuscivamo a gestire gli impegni familiari in modo meno problematico; decisi di staccarmi dalla città e dagli impegni quotidiani per trascorrere un rilassante week end presso un’abbazia benedettina dislocata presso le pendici delle Alpi. L’esperienza vissuta in assoluta solitudine e il clima paradisiaco mi ispirarono le parole, i personaggi, i luoghi e soprattutto le atmosfere respirate in quel frangente. In realtà ciò che riuscii a fare ‘mio’ in quella precisa circostanza fu l’assunzione di estrema pace, nella quale la meditazione provata mi trascinò fuori dalla realtà. Era bellissimo toccare con mano il confine tra il sacro e il profano, la bellezza e la bruttezza, il bene e il male. Ne rimasi talmente affascinato da aprire al mio interno un vorticoso turbinio artistico che produsse questo romanzo. In realtà avevo già cominciato a scrivere racconti, brevi storie per bambini, ma mai avrei immaginato potesse nascere un manoscritto. Semmai, al limite, sarebbe potuta scaturire una canzone. E invece in questo caso specifico, dopo quella esperienza, mi resi subito conto che le idee formulate e le sensazioni vibrate erano talmente forti da non lasciare dubbi. Doveva essere un libro, e si doveva chiamare URU”.

Seppure sia il terzo libro pubblicato, “URU” rappresenta per Sergio Calcagnile il vero e proprio riscatto come autore, come emerge dalle sue stesse parole: “Questo romanzo è l’orgoglio di Sergio in senso assoluto. Perché? Perché nessuno aveva mai creduto in me come scrittore, a cominciare dai parenti più stretti (a eccezione della moglie). Non è certamente il mio primo scritto, anzi è il terzo pubblicato, però è il primo libro, romanzo di una certa lunghezza, ben distinto dai racconti lunghi editi in precedenza. Ma soprattutto è stato scartato da molteplici case editrici, accolto a volte da altre case editrici a pagamento, dovutamente allontanate, e infine apprezzato dalla attuale “Caosfera” che ha creduto in me e nel prodotto particolarmente “salentino”. Salentino? Sì, perché Uru è un folletto ripreso dalla tradizione tipica salentina e mi permetto di affermare di essere stato il primo a scriverci un libro. Infine, vorrei comunicare a tutti coloro che si apprestano a leggerlo o quanto meno solo a avvicinarsi, che ho cercato di trasmettere nelle parole e nei luoghi le stesse sensazioni da me vissute da bambino quando trascorrevo l’estate in terra pugliese, in quel di Carmiano (Lecce)… Nel momento in cui appoggiavo i miei piedi nudi di bambino in quella terra rossa, umida e profumata, immediatamente percepivo un… cambio di dimensione”. 

Il risultato è un libro non solo ricco di suspense come il genere richiede, ma anche capace di regalare suggestioni e denso di tradizioni da tramandare.

 

SINOSSI DELL’OPERA 

Filippo, un uomo alla costante ricerca di sé stesso, su consiglio di un amico della palestra, si reca presso un monastero benedettino piemontese. Il monastero contrariamente alla sacralità di facciata, nasconde un segreto macchinario capace di incamerare e trasferire energia da un essere ad un altro. Grazie al macchinario infernale viene generato un mostro sanguinario dalle fattezze del tipico folletto salentino, denominato Uru, capace di portare intorno a sé distruzione e morte.

 

Titolo: Uru

Autore: Sergio Calcagnile

Edito da: Caosfera Edizioni

ISBN: 9788866285878

Collana: Tensioni

Genere: horror, Narrativa

€ 12,00

                      

 

BIOGRAFIA SERGIO CALCAGNILE (in arte SiR j) 

SiR j, nato a Torino il 25 dicembre 1966, si è diplomato a Milano, presso il Liceo Classico Statale G. Parini, e in seguito laureato in legge nel 1991 presso l’Università statale di Milano. Sposato, padre di due figli, lavora come consulente legale presso un importante studio notarile di Milano. Appassionato di lettura e di musica (è uno dei componenti del duo acustico Megapixel) e suona anche in autonomia. Scrive racconti e strofe per bambini, al momento inediti. Ha partecipato a vari concorsi per opere horror e narrative, alcune delle quali sono state pubblicate in diverse antologie. Nel 2018 escono Nonno Egeo, il suo primo libro di genere narrativa storica, e Lumina Tenebrarum, genere horror. Uru è il suo terzo romanzo.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Investire a Dubai, tutte le opportunità con Sergio Alberti Real Estate


Consulenza immobiliare a Dubai: Sergio Alberti parla del nuovo progetto


Intervista Sergio Alberti: un approfondimento sul mercato immobiliare di Dubai


Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”


Intervista di Alessia Mocci a Federico Li Calzi, autore del romanzo Nove periodico


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Stefano Mainetti, applausi per la sua Multiversus Namaz

Stefano Mainetti, applausi per  la sua Multiversus Namaz
Successo professionale lo scorso 20 ottobre  per Stefano Mainetti, raffinato compositore e direttore d'orchestra che  di successi in carriera ne ha avuti finora (e continua ad averne) davvero tanti. In Italia e all'estero.   Nell'ambito della rassegna "Incontri di Musica Sacra e Contemporanea" 2019  ospitata a Roma e diretta musicalment (continua)

SALERNO AROUND THE WORLD – IL VIAGGIO, Palazzo Fruscione Salerno da giovedì 24 ottobre a sabato 2 novembre 2019

SALERNO AROUND THE WORLD – IL VIAGGIO, Palazzo Fruscione Salerno da giovedì 24 ottobre a sabato 2 novembre 2019
L’iniziativa invita a raccontare, attraverso immagini e non solo, un viaggio reale o immaginario mettendo in luce le caratteristiche del territorio attraverso la scoperta delle peculiarità della vita, della gente e della natura, con i loro ritmi e relazioni. Un viaggio è un’esperienza di vita, concorre ad una crescita interiore grazie al confronto di sistemi, differenze (continua)

Mario Orfei incendia la Capitale con “The Gold Fashion in Rome 2020”

Mario Orfei incendia la Capitale con “The Gold Fashion in Rome 2020”
Parterre ricco di celebrità per lo stilista apprezzato dal jet set e da tanti volti noti. Pioggia di vip e di addetti ai lavori domenica scorsa per “The Gold Fashion in Rome 2020”, l’evento romano più glamour di questo inizio autunno. La suggestiva cornice di Palazzo Cavalieri Lazzaroni ha fatto da sfondo ad una serata magica, presentata dal conduttore Anthony Pet (continua)

Resoconto Vernissage di Frida Kahlo al SET Spazio Eventi Tirso di ROMA

Resoconto Vernissage di Frida Kahlo al SET Spazio Eventi Tirso di ROMA
Prima un flash mob a Piazza del Popolo con tante emule della pittrice messicana abbigliate come lei, poi una grande festa per l'opening Vip della mostra “Frida Khalo: il caos dentro”, in scena allo Spazio Tirso (Via Tirso 14) fino al 29 marzo 2020. L'esposizione, a cura di Salvatore La Cagnina, espone gli abiti, le lettere, le foto, i diari dell'asrtista diventata un'ico (continua)

MOSTRA AL MUSEO IRPINO – Complesso Monumentale Carcere Borbonico Avellino

MOSTRA AL MUSEO IRPINO – Complesso Monumentale Carcere Borbonico Avellino
GROOVE Francesco Cocco 11 ottobre > 9 novembre 2019 Il MUSEO IRPINO, Complesso Monumentale Carcere Borbonico di Avellino (Piazza Alfredo De Marsico) ospita, con inaugurazione avvenuta lo scorso 11 ottobre, la mostra di Francesco Cocco dal titolo GROOVE, a cura di Gerardo Fiore, con la presentazione critica di Ernesto Forcellino. Presente anche parte della Collezione permanente d&rsqu (continua)