Home > Cultura > MOSTRA AL MUSEO IRPINO – Complesso Monumentale Carcere Borbonico Avellino

MOSTRA AL MUSEO IRPINO – Complesso Monumentale Carcere Borbonico Avellino

scritto da: PressWeb | segnala un abuso

MOSTRA AL MUSEO IRPINO – Complesso Monumentale Carcere Borbonico Avellino


GROOVE Francesco Cocco 11 ottobre > 9 novembre 2019

Il MUSEO IRPINO, Complesso Monumentale Carcere Borbonico di Avellino (Piazza Alfredo De Marsico) ospita, con inaugurazione avvenuta lo scorso 11 ottobre, la mostra di Francesco Cocco dal titolo GROOVE, a cura di Gerardo Fiore, con la presentazione critica di Ernesto Forcellino. Presente anche parte della Collezione permanente d’Arte Contemporanea della Città di Montoro, con le opere di: Lisa Bernardini, Eliana Petrizzi, Maria Sara Pistilli, Franco Sortini, Nadia Della Toffola, Angelomichele Risi, Maurizio Canoro, Danilo Morese, Edoardo Iaccheo, Ugo Cordasco, Raffaele Sorrentino, Franco Cipriano. 

 
L’iniziativa, patrocinata dalla Provincia di Avellino, è organizzata e promossa dall’Associazione CONTEMPORANEAmente e da MONTOROCONTEMPORANEA, la rassegna nata a Montoro (AV) nel 2015 da un’idea di Gerardo Fiore, attuale Direttore. Il programma propone di anno in anno una serie di mostre personali di pittura, scultura e fotografia di artisti di riconosciuta carriera che si sono distinti sul panorama nazionale, e che intendono donare il proprio contributo alla crescita della collettività verso i linguaggi dell’Arte Contemporanea. Dal 2018 è iniziata una partnership col Museo Irpino, che ospita alcuni dei progetti espositivi già presentati a Borgo di Montoro, presso il Complesso Monumentale del Corpo di Cristo.
La mostra che ha aperto lo scorso venerdì è parte del circuito AMACI per la giornata mondiale del Contemporaneo. Fino alla fine della exhibition di Francesco Cocco sarà inoltre esposta al pubblico parte della Collezione permanente d’Arte Contemporanea della Città di Montoro, con le opere di: Lisa Bernardini, Eliana Petrizzi, Maria Sara Pistilli, Franco Sortini, Nadia Della Toffola, Angelomichele Risi, Maurizio Canoro, Danilo Morese, Edoardo Iaccheo, Ugo Cordasco, Raffaele Sorrentino, Franco Cipriano. 
 
Alla serata inaugurale sono intervenute molte personalità culturali ed istituzionali. Una mostra da non perdere.
 
Giorni ed orari mostra: 
dal mercoledì al sabato dalle ore 9.15 alle 13.45 e dalle 16.15 alle 19.45. 
Domenica, lunedì e martedì chiuso.
Contatti: 3891629853
Approfondimenti sull'opera di Francesco Cocco
Scrive Ernesto Forcellino nel testo ‘‘L’inganno del vero - Intorno all’opera di Francesco Cocco”: “Soggetto e oggetto: entro la polarità in cui si trovano annodate queste figure concettuali della tradizione, si esercita il gesto artistico di Francesco Cocco, il suo ritmo ritornante: Groove. Ma non già per replicarne gli effetti di senso, per rinnovare la dialettica rassicurante che ne disegna con
nettezza il profilo e ne restituisce l’identità, quanto piuttosto per decostruirne la figura, per cancellarne i confini o indovinare i “solchi” che ne attraversano le posizioni, e cogliervi in tal modo la possibilità di far segno ad altro. Di significare altro o, al limite – al limite del tratto, al limite del gesto che ne traccia l’immagine – di non significare affatto (affondando ad esempio nel non-luogo
di indifferenziate monocromìe). È anzi proprio la pretesa di abitare un mondo i cui significati ne pre-giudicano l’esperienza, catturandoli entro un complesso di forme astratte già pronte e disponibili (ideali, idealizzate e in ultima istanza “ideologiche”) a costituire il bersaglio più esplicito della sua critica pittorica. È dal peso di questa tradizione che egli intende ironicamente e provocatoriamente liberarsi. In ciò risiede anche la ragione “tecnica” del suo lavoro, laddove la deriva “pop” che la replica dell’immagine sembra suggellare secondo un ostentato gioco di superficie, non smette però d’intrecciarsi alla profondità “espressionistica” del pittorico e alla forza gestuale del fare artistico. La trama del disegno finisce così per smagliarsi nel luogo stesso in cui
sembra, per contro, prender consistenza la rete relazionale ove soggetto e oggetto pervengono alla loro ragion d’essere effettiva; ossia entro le pieghe familiari del quotidiano, che ora si offre allo sguardo – secondo un sorprendente gioco di rovesciamento espressivo - nel cono d’ombra della sua inquietante estraneità.”
FRANCESCO COCCO nasce a Scafati (SA), dove vive e lavora.
Sin da bambino respira l’atmosfera dell’arte e dei colori, osservando il padre pittore e decoratore d’interni, e accompagnandolo durante i suoi lavori.
Laureatosi poi in materie economiche, continua parallelamente a coltivare il suo amore e interesse per la ricerca pittorica. La sua prima esposizione personale è del 2011, quando sceglie gli spazi sotterranei di un Palazzo di Boscoreale (Palazzo Vaiano), per ospitare i suoi lavori. Da quegli anni la sua ricerca muta notevolmente, ma sempre seguendo un filo coerente e continuo, passando da racconti complessi su tela dove Cocco unisce la potenza di fotografie ed
immagini d’epoca a scritte e persino a formule matematiche, cercando sempre di trovare anche in polemica, un equilibrio tra le teorie apprese in economia e la sua personale visione del mondo, di osservatore degli equilibri sui quali si fonda la società. Un incontro per frammenti di quotidianità, un mondo fatto di nostalgie per il passato (le fotografie) e tensione verso il futuro. I lavori, dai colori accesi e dal segno di chiara matrice espressionista con accenti pop, in cui il desiderio del figurativo è sempre presente, negli anni seguiranno una lenta evoluzione ancora in corso, in cui ogni mostra rappresenta solo una sorta di sosta di un viaggio ininterrotto e parte di un unico flusso. Il segno ora si fa più rarefatto, persino infantile (assorbendo forse il senso della nostalgia), quasi sfiorando l’invisibile, e la pittura per scelta e assonanza si fa più vicina alle opere
di matrice americana contemporanea come la potente pittura segnica di CyTwombly e per certe ambientazioni e atmosfere di silenzio a Hopper e Hockney ma anche Katz e Dumas. Il lavoro si fa “microscopico” come a voler penetrare nelle ossa delle forme, nella struttura delle cose, in modo
puntuale ed immediato, dissolvendole nella materia e nel colore, e compiendo un lavoro concettualissimo, netto, pur tutto pittorico, ma sempre da osservatore, di distanziamento dal puro oggetto significante anche attraverso il gioco dell’ironia e del disvelamento di verità “altre” che si celano dietro le apparenze sociali e culturali persino. Nel 2016 presenta i suoi lavori in Anime Salve (dove già si avverte il bisogno di liquefare la pittura, di raccontare personaggi e maschere solo attraverso un’atmosfera, un colore, un segno) e
partecipa alla collettiva Friends, presso lo spazio espositivo di Caserta del gallerista Angelo Marino, mentre del 2017 è il group show Corpus alla Saachi Gallery di Sabato Angiero. Del 2019 è la personale Incammini a Spazio Corrosivo, curata da Beatrice Salvatore e Piero Chiariello.
ContemporaneaMENTE - Associazione Culturale
Via Cesina 60 83025 MONTORO AV
montorocontemporanea@gmail.com
 

mostra |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Massimo Paracchini e Francesco Leale alla Galleria Nelson Cornici


I Vini dell’Irpinia conquistano il mondo


Greco di Tufo, oro d'Irpinia


Quando la gastronomia è arte


Ciro Pompeo mi arrampico senza vedere. Solo Exhibition


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pivio & Aldo De Scalzi alla 35a Settimana Internazionale della Critica di Venezia

Pivio & Aldo De Scalzi alla 35a Settimana Internazionale della Critica di Venezia
Non Odiare è la colonna sonora scritta da Pivio & Aldo De Scalzi per il film omonimo, diretto dall’esordiente Mauro Mancini, in concorso alla 35a Settimana Internazionale della Critica. E' la storia di un chirurgo di origine ebraica che soccorre un uomo vittima di un incidente ma lo lascia al suo destino quando scopre una svastica tatuata sul suo petto. In preda ai sensi di colpa, cerca di aiutare i suoi figli, fino a quando arriverà il momento di affrontare le sue responsabilità.Non odiare: come un imperativo, un consiglio, una possibilità. Come il titolo di questo film, unico i (continua)

Le Musiche da Film del compositore Stefano Caprioli approdano alla Mostra del Cinema di Venezia ed. 2020

Le Musiche da Film del compositore Stefano Caprioli approdano alla Mostra del Cinema di Venezia ed. 2020
Stefano Caprioli, compositore nostrano tra i più eclettici, attualmente tra i consiglieri dell'Associazione Compositori Musica da Film (ACMF), sarà a Venezia il prossimo 7 settembre, all'Hotel Excelsior al Lido, nell'ambito della prossima edizione della Mostra del Cinema, ospite della Fondazione Ente dello Spettacolo. Insime a lui, il regista e il cast del Film FREE- LIBERI, che celebra i sogni della terza età e che sarà evento speciale in laguna durante i giorni dedicati al grande Cinema.Questa pellicola, opera seconda di Fabrizio Maria Cortese, è uno dei film italiani che vuole simboleggiare la ripartenza dell’industria culturale dopo la dura quarantena del lockdown, facendo in modo di ria (continua)

Marco Tullio Barboni ospite d'onore a Castelfranco Emilia

Marco Tullio  Barboni ospite d'onore a Castelfranco Emilia
A Castelfranco Emilia si riparte, con “I magnifici quattro”, rassegna in programma e dedicata ad altrettanti grandi successi del cinema italiano che hanno saputo lasciare una traccia indelebile nella storia del grande schermo. Ospite d'onore della prima serata, il 6 agosto alle ore 21.30 in Piazza Garibaldi, sarà Marco Tullio Barboni. «Siamo contentissimi di dare il via a questa iniziativa che rappresenta la risposta dell' Amministrazione all'obiettivo di avere una piazza “viva” anche ad agosto» ha dichiarato l'Assessore alla Cultura Rita Barbieri, sottolineando come «queste serate rappresentino una concretizzazione della risposta al desiderio di stare insieme anche nel dopo covid19, con una grande valenza emozio (continua)

Esce “Ballo Ballo” di Barbara Francesca Ovieni

Esce “Ballo Ballo” di Barbara Francesca Ovieni
La celebre hit portata al successo nel 1982 da Raffaella Carrà, rivisitata nel sound, negli arrangiamenti, pronta a diventare anche una hit dei giorni nostri. L’estate che balla, la possiamo definire. Una bella stagione ricca di novità, nonostante il periodo di emergenza Covid, segno di un Paese che è tornato a vivere. Ecco perché Barbara Francesca Ovieni, conduttrice televisiva, volto popolare dei social, un’esplosione di sensualità e di talento, sta cominciando a spopolare su tutte le più importanti piattaforme musicali. Da Spotyfy ad Amazon, da (continua)

Prosegue il successo di "TORNEREMO AL MARE", singolo del coro romano MILLEUNAVOCE

Prosegue il successo di
Il brano si candida a diventare uno dei più cliccati e divertenti tormentoni dell'estate! Non si arresta il successo sul web di “Torneremo al mare” (A&A Recordings, Dueffel Music), il nuovo singolo dei ragazzi della scuola di musical romana, diretta da Vicky Martinez, MILLEUNAVOCE, già disponibile su tutte le piattaforme digitali al seguente link:https://lnk.to/kY0SMEaqOT. Il video del brano, una ironica parodia del Premier Giuseppe Conte, ha superato le 100.000 visualizzazi (continua)