Home > News > Affitti brevi, crescono in tutta Italia. CleanBnB soddisfa i proprietari e potenzia la propria presenza in Puglia, Campania e Basilicata

Affitti brevi, crescono in tutta Italia. CleanBnB soddisfa i proprietari e potenzia la propria presenza in Puglia, Campania e Basilicata

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

Affitti brevi, crescono in tutta Italia. CleanBnB soddisfa i proprietari e potenzia la propria presenza in Puglia, Campania e Basilicata


 «Il mercato degli affitti brevi cresce in tutto il Paese e rappresenta un’ottima opportunità di reddito per i proprietari e per l’intera filiera. I nostri dati mostrano un mercato in crescita e al tempo stesso in evoluzione, in quanto le aspettative degli ospiti stanno cambiando come ci aspettavamo. L’ospite non sceglie il soggiorno in appartamento per risparmiare, ma per vivere un’esperienza diversa e si attende un livello di servizio che solo gli operatori più strutturati sono in grado di mantenere»Sono state queste le parole con cui Francesco Zorgno, presidente e founder di CleanBnB ha commentato le performance dell’azienda durante la presentazione della relazione semestrale tenutasi a Milano.

 

 

I numeri di CleanBnB

Oggi CleanBnB gestisce oltre 700 appartamenti distribuiti su 46 località italiane. «Nei primi nove mesi del 2019 abbiamo gestito 18.603 soggiorni con una crescita del 136% rispetto al 2018. È  bene specificare che quando parliamo di “soggiorno” ci riferiamo a una permanenza di durata inferiore alla settimana, che coinvolge mediamente almeno due ospiti. Uno sviluppo di questa portata è la conferma di una strategia che si concentra su immobili di qualità con grande potenziale di occupazione». Ha spiegato Zorgno. «L’entità del patrimonio immobiliare gestito consolida la posizione di CleanBnB come il più diffuso operatore nazionale nel settore degli affitti brevi». Una strategia che non punta solo alla quantità, ma soprattutto alla qualità e al potenziale di occupazione degli immobili in gestione.

Nel corso della presentazione Francesco Zorgno ha annunciato anche il potenziamento della propria presenza nel Sud Italia. Dopo un forte consolidamento nelle regioni del Centro/Nord e in Sardegna, e una capillare copertura della Sicilia, da sempre fra le piazze più presidiate dal property manager degli affitti brevi, CleanBnB ha rinforzato la propria presenza, in alcune aree considerate strategiche, come la Puglia e la Campania. A queste regioni, si aggiunge il nuovo ingresso in Basilicata, nella città di Matera che negli ultimi due anni è diventata una delle mete turistiche preferite non solo dagli italiani, ma anche da tantissimi stranieri. In Puglia, CleanBnB ha esteso il suo raggio d’azione nelle città di Brindisi e Taranto, che vanno ad affiancarsi a Bari e Lecce. In Campania, Ischia e Capri si aggiungono a Napoli e Salerno. «Sono territori con un potenziale turistico straordinario, con grandi flussi di visitatori, ampia disponibilità di immobili e un limitato numero di operatori specializzati», ha sottolineato il Presidente di CleanBnB.

 

Più città uguale più personale

«Quando parliamo di nuove città raggiunte dai nostri servizi intendiamo dire che abbiamo sul posto personale diretto di CleanBnB, che gestisce immobili e soggiorni secondo gli standard rigidissimi messi a punto dall’azienda. Tutto questo nell’ottica di fornire a proprietari e ospiti la migliore esperienza possibile. Questo vale non solo da un punto di vista di consulenza professionale nella fase di valutazione, ma anche per l’interazione stessa che il proprietario ha con la nostra piattaforma. Abbiamo da poco rinnovato il nostro sistema di gestione delle richieste di valutazione, rendendo il processo più rapido, accessibile ed efficiente». Trasparenza e affidabilità sono le chiavi di lettura del rapporto di CleanBnB coi propri clienti. «La validità del nostro approccio è confermata sia dal numero sempre crescente di richieste di valutazione, sia dall’elevato tasso di rinnovi contrattuali. La formula, collaudata da anni, è sempre la stessa: il proprietario non deve fare nulla, pensiamo a tutto noi.» ha concluso il Presidente di CleanBnB.

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Tre falsi miti sugli affitti brevi da sfatare per lo sviluppo del turismo in Italia


Affitti Case vacanze Salento


CleanBnB raccoglie 500mila euro su CrowdFundMe


Case vacanze Salento - salentobestweek.com


5 strategie per gestire al meglio l’appartamento in affitto breve, massimizzando i guadagni


CleanBnB avvia il percorso di quotazione in Borsa su AIM Italia, l’annuncio di Francesco Zorgno


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Investire in startup? I 10 consigli dei business angel di Seed Money per scovare quelle migliori

Investire in startup? I 10 consigli dei business angel  di Seed Money per scovare quelle migliori
«Investire in startup sta diventando sempre più una possibilità alla portata di tutti, ma è un tipo di investimento molto rischioso. Il tasso di fallimento di una startup sfiora il 90%, quindi è indispensabile avere le giuste competenze per fare una scelta oculata e non rischiare di bruciare i propri capitali». Lo racconta Marco Rizzelli, General Manager di Seed Money l’acceleratore (continua)

Controlli clinici? Si fanno da casa, senza intasare gli ospedali e lontani dal Covid.

Controlli clinici? Si fanno da casa, senza intasare gli ospedali e lontani dal Covid.
È l’innovazione di Medicaltech, in crowdfunding su MyBestInvest Uno dei problemi più evidenti dovuti alla pandemia da Covid-19 è la difficoltà che incontrano molti pazienti cronici al momento di fissare visite specialistiche di controllo per problemi vari, come può essere una patologia cardiaca. Servirebbe qualcosa in grado di monitorare anche a distanza lo stato di salute di una persona, in modo da poter fornire al medico, al cardiologo o all’infermiere di tu (continua)

Overfunding lampo per la campagna di Seed Money

Overfunding lampo per la campagna di Seed Money
 – «Sono bastate meno di 24 ore per superare l’obiettivo minimo di raccolta. È davvero un segnale di grande fiducia». Commenta Marco Rizzelli, General Manager di Seed Money il primo acceleratore privato italiano ad aver completato un round di equity crowdfunding nel 2018. Oltre 180 soci di cui più di 50 investitori seriali con all’attivo oltre 10 investiment (continua)

Hospitality: Lasciate carta e penna e digitalizzatevi

Hospitality: Lasciate carta e penna e digitalizzatevi
L’appello di Paolo Zennaro Ceo di Welcomeasy, la startup dell’hospitality che fa risparmiare tempo a proprietari e property manager «Il customer journey che un cliente compie quando arriva in un appartamento o in un B&B è ormai completamente digitale. L’ospite cerca la struttura su Internet, legge recensioni, prenota su portali online, paga con carta di credito. Poi arriva a destinazione e spesso si ritrova un host che gli chiede di fare una fotocopia al documento di identità per effettuare il check-in». Lo ha spiegato&nbs (continua)

Un ristorante su quattro non ha riaperto. La situazione (e le prospettive future) fotografate nello studio di RepUPe

Un ristorante su quattro non ha riaperto. La situazione (e le prospettive future) fotografate nello studio di RepUPe
Oggi non si parla solo di prezzi e qualità del cibo. Sicurezza e igiene sono temi sempre più gettonati, ma i ristoratori non comunicano abbastanza le precauzioni prese L’emergenza Covid-19 ha segnato un cambio di passo epocale per il settore dell’ospitalità. Sono cambiate le regole del gioco, i numeri, le esigenze e per forza di cose andranno ricercate nuove forme di equilibrio. Ma se da una parte i ristoratori stanno combattendo una battaglia durissima, dall’altra i clienti hanno voglia di normalità e questo vuol dire anche uscire a mangiare una pizza o un (continua)