Home > Cibo e Alimentazione > OLIO GARDA DOP: RICHIESTO LO STATO DI CALAMITÀ

OLIO GARDA DOP: RICHIESTO LO STATO DI CALAMITÀ

articolo pubblicato da: studiocru | segnala un abuso

 Il grido d’allarme del Consorzio di Tutela: calo di produzione stimabile intorno al 95%. Causa principale il cambiamento climatico

 

Il Consorzio di Tutela Olio Garda DOP ha chiesto lo stato di calamità naturale ai Presidenti delle Regioni Veneto e Lombardia e al Presidente della Provincia Autonoma di Trento. La stagione olivicola del 2019 si prospetta infatti difficile: è stato stimato un calo di produzione che oscilla tra il 90 e il 95%. Il dato definitivo si avrà solo a fine novembre, quando terminerà la raccolta delle olive, ma la perdita produttiva ed economica è evidente già oggi. Data la situazione, il Consorzio si è attivato per richiedere alle autorità competenti di attivare adeguati strumenti di rimborso o di indennizzo per le imprese della filiera coinvolte.

“Gli olivicoltori - spiega Laura Turri, Presidente del Consorzio Olio Garda DOP – che con la loro attività contribuiscono al mantenimento del paesaggio gardesano, così importante per il turismo dell’area e così famoso all’estero, si troveranno nella situazione di aver sostenuto tutte le spese per la coltivazione senza alcuna remunerazione per la vendita del raccolto. È compito del Consorzio dunque far sentire nelle sedi competenti la voce dei 474 soci che ne fanno parte”.

Le cause dell’annata negativa sono da ricercare nei cambiamenti climatici in atto: il freddo di maggio e il caldo intenso di giugno, seguiti da venti forti e grandine, non hanno lasciato scampo agli oliveti, che quest’anno hanno prodotto pochi frutti.

“In questa difficile situazione – continua Laura Turri - abbiamo richiesto alle autorità di controllo delle ulteriori verifiche per garantire la tutela del marchio Garda DOP. Per affrontare il cambiamento climatico e il futuro della olivicoltura del Garda, inoltre, è necessario mettere in atto un’attività di studio che coinvolga tutti i centri di ricerca, identificando le cause di quanto accaduto e individuando i rimedi atti a risolvere o mitigare i fenomeni avversi, nel caso in cui situazioni simili a quelle verificate quest’anno dovessero ripetersi. Ora è necessario unire le forze con altri enti per far sì che si prendano in considerazione misure adeguate per far fronte a questa annata difficile”.

Press info:
Chiara Brunato
Michele Bertuzzo

oliogardadop |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CONCORSO UNICO L’ORO DEL GARDA 2018: PREMIATI I MIGLIORI OLI GARDA DOP


WARDAGARDA: TORNA IL FESTIVAL DELL’OLIO GARDA DOP NEL SUO ENTROTERRA


WARDAGARDA: TORNA IL FESTIVAL DELL’OLIO GARDA DOP E DELLE ECCELLENZE VENETE


L'ORO DEL GARDA 2016: IL PREMIO AI MIGLIORI OLI DEL GARDA


WARDAGARDA: DUE GIORNI DI FESTA CON L’OLIO GARDA DOP


SETTIMA EDIZIONE DE L’ORO DEL GARDA: PREMIATI I MIGLIORI OLI GARDA DOP


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ASPETTANDO IL BASSANO WINE FESTIVAL: DUE SERATE ALL'INSEGNA DELL'ABBINAMENTO VINO CIBO

ASPETTANDO IL BASSANO WINE FESTIVAL: DUE SERATE ALL'INSEGNA DELL'ABBINAMENTO VINO CIBO
 A Villa Morosini Cappello il 5 dicembre con Champagne e il 6 con Vespaiolo e bacalà. Il 7 e 8 dicembre la terza edizione del Bassano Wine Festival   Un lungo fine settimana di gusto all'insegna della grande tradizione vinicola italiana e non solo. Giovedì 5 e venerdì 6 dicembre farà il suo esordio Aspettando il Bassano Wine Festival, due serate di degu (continua)

ANTONELLA CORDA: DUE ANNATE DI VERMENTINO PER RACCONTARE LA SUA SARDEGNA

ANTONELLA CORDA: DUE ANNATE DI VERMENTINO PER RACCONTARE LA SUA SARDEGNA
 La cantina di Serdiana (CA) presenta il cofanetto con il Vermentino di Sardegna DOC 2017 e 2018. Stesso vino, diverse espressioni   Due annate di Vermentino, due sfumature della Sardegna. La cantina Antonella Corda presenta il nuovo progetto che racchiude, in un'unica confezione, le annate 2017 e 2018 del suo Vermentino di Sardegna DOC. Il doppio cofanetto nasce per raccontare due div (continua)

MERCATO FIVI A PIACENZA: AL “CAVALIERE” DEL BAROLO IL PREMIO DI VIGNAIOLO DELL’ANNO

 Lorenzo Accomasso, vignaiolo in Piemonte, riceverà il riconoscimento domenica 24 novembre nel corso della nona edizione del Mercato dei Vini di Piacenza   Lorenzo Accomasso, vignaiolo in Piemonte, è il Vignaiolo dell’anno per la Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti (FIVI). Classe 1933, Accomasso è un agricoltore e produttore, attento conoscitore della (continua)

DONNE E LAVORO AL CENTRO DI UN CONVEGNO: LA PASTICCERIA FILIPPI SOSTIENE L'EVENTO

DONNE E LAVORO AL CENTRO DI UN CONVEGNO: LA PASTICCERIA FILIPPI SOSTIENE L'EVENTO
 Il 22 novembre a Thiene l’incontro L’equilibrio sottile. Come le libere professioniste conciliano ogni giorno vita, lavoro e famiglia. La Pasticceria di Zanè conferma così il suo impegno come Certified B Corporation   Conciliare ogni giorno vita, lavoro e famiglia. Come libere professioniste. È questo il tema del convegno L'equilibrio sottile, in progr (continua)

CONSORZIO VINI ASOLO: "IL NOSTRO METODO NEI REGOLAMENTI DI POLIZIA RURALE"

CONSORZIO VINI ASOLO:
La richiesta avanzata dal Consorzio Vini Asolo Montello alle Amministrazioni locali durante un incontro ad Asolo Il Consorzio Vini Asolo Montello ha incontrato i Sindaci dei Comuni dell’area di produzione dell’Asolo Prosecco per chiedere loro di inserire il Metodo Asolo Montello all’interno del regolamento di polizia rurale e di vietare l’uso di erbicidi. L’occasione (continua)