Home > Economia e Finanza > Beni rifugio in ascesa, i mercati schivano le incertezze da Brexit

Beni rifugio in ascesa, i mercati schivano le incertezze da Brexit

scritto da: Elleny | segnala un abuso


La confusione sulla questione Brexit sta pesando sull'appetito al rischio degli investitori, che stanno mantenendo una certa cautela sui mercati. A inizio della settimana l'umore si era fatto ottimista a seguito di titoli positivi che circondavano il conflitto commerciale, ma ora lo scenario è cambiato a tutto vantaggio dei beni rifugio.

La preferenza ai beni rifugio

beni rifugioLa conseguenza di questa nuova ondata di incertezze, è che i beni rifugio sono stati spinti dagli acquisti. Lo yen è infatti ai massimi da una settimana, mentre cresce anche il franco svizzero. Gli investitori sono tornati sulle valute rifugio dopo che il parlamento britannico ha costretto Boris Johnson a chiedere un rinvio nei suoi piani per la Brexit. Martedì, i legislatori britannici hanno votato da 329 a 299 a favore del piano Brexit del Primo Ministro Boris Johnson, ma poi si sono opposti all'ipotesi di completare il processo legislativo in tre giorni (322 a 308 voti). Spetta ora all’UE decidere se prorogare la scadenza della Gran Bretagna per il 31 ottobre per la sua partenza dal blocco, anche se c’è speranza che la Gran Bretagna possa evitare lo scenario peggiore di lasciare l’UE senza alcun accordo.

Consiglio: prima di effettuare delle operazioni di investimento online, studiate bene cos'è lo Stop Loss trading.

I mercati guadagnano tempo e aspettano

I mercati hanno deciso di mettersi in posizione di attesa in vista della decisione della UE sulla richiesta di estensione del periodo di transizione fino a gennaio 2020, così si spiega la preferenza accordata ai beni rifugio. Nel complesso, i mercati sembrano prendere un po 'di respiro dopo le ultime settimane più frenetiche, anche se tutti sono consapevoli che l'umore più tranquillo che stiamo vedendo non durerà a lungo. l mercato è prudente anche in vista del board Bce di domani e di quello della Fed la settimana prossima.

Lo yen segna 108,25 per dollaro sui massimi dal 15 ottobre. Va detto però che la coppia USD / JPY si sta muovendo lateralmente in un intervallo stretto vicino al segno di 108,50 e sta avendo difficoltà a stabilire la sua prossima direzione a breve termine. Non ci sono peraltro segni di pattern e figure inversione del trend. La ripresa del dollaro in atto da martedì ha impedito alla coppia di spingersi ancora più verso il basso.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Per Colella Consulting la Brexit è opportunità per Uk


Brexit e sterlina legate a filo doppio. Scenari in bilico per la GB


Sterlina britannica di nuovo debole. Due appuntamenti chiave domani


NAFTA, Inghilterra pronta all’ingresso: il commento dello studio AE Morgan


SELECT MILANO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Federal Reserve pronta alla marcia indietro? Probabilmente, ma non da subito

Dopo un lungo periodo di sostengo all'economia, la strategia della banca centrale americana potrebbe cambiare rotta C'è molta attesa per conosce l'esito del meeting della Federal Reserve, che sarà noto questa sera. Non si può certo dire che la banca centrale abbia compiuto la propria missione di ridare slancio alla crescita economica degli Stati Uniti. Tuttavia, è fuor di dubbio che alcuni importanti risultati la Federal reserve può dichiarare di averli ottenuti. E forse ha già iniziato a fare una parziale marc (continua)

Borse euforiche sulla notizia di un possibile vaccino. Milano brilla, +2,02%

Il mercato azionario festeggia la notizia che un vaccino made in USA si avvicina all'ultima fase della sperimentazione Seduta euforica per le Borse europee, alimentate dal grande ottimismo innescato dalla possibilità che presto possa arrivare il vaccino anti-Covid. L'azienda americana Moderna (+9,2% al NASDAQ) infatti ha annunciato che a fine luglio comincerà l'ultima fase di sperimentazione del suo prodotto, che finora ha dato risposte soddisfacenti. Questa notizia ha dato slancio agli investitori, facendo passar (continua)

Banche USA, nuovi limiti da parte della FED per fronteggiare il Covid

Primo esame dell’era coronavirus, sono stati imposti ai 34 grandi istituti dei tetti ai dividendi e divieti ai buyback nel terzo trimestre I numeri confermano i timori: la pandemia ha ripreso ad assaltare gli USA, dove il numero di contagi è in aumento. E questo si traduce anche in una nuova minaccia nei confronti dell'economia. Un capitolo speciale meritano le banche USA, protagoniste in negativo dell'ultima grande crisi del 2008. Oggi sono senza dubbio più solide di allora, con le carte di regola per reggere a questo urto, ma non s (continua)

Valute emergenti, potrebbe verificarsi un rally ma servono due condizioni

Sul mercato valutario sta nascendo una interessante opportunità legata agli asset minori Il contesto attuale sembra abbastanza propizio per il settore delle valute emergenti. Sia pure con tutte le cautele del caso, è possibile che possa verificarsi un rally nel prossimo periodo (che sia una settimana o un mese, nessuno però lo può dire).Condizioni per lo slancio delle valute emergentiEsiste però una doppia condizione necessaria affinché la corsa delle valute emergenti possa cominciare (continua)

Debito sovrano e investimenti, quello della Nigeria ha fruttato il 60% in due mesi

Boom dei titoli di Stato della Nigeria, che in poco tempo hanno guidato le performance dei mercati emergenti Nel mondo della finanza - specie quella retail - l'attenzione si concentra quasi sempre sugli eventi e sui mercati più importanti, trascurando invece opportunità nascoste. Fa parte di questa seconda schiera di asset il debito sovrano della Nigeria. Difficile da andarlo a scovare, ma molto redditizio per chi ci ha puntato.Analisi del debito sovrano della NigeriaQuella nigeriana è stata una delle ec (continua)