Home > Economia e Finanza > Beni rifugio in ascesa, i mercati schivano le incertezze da Brexit

Beni rifugio in ascesa, i mercati schivano le incertezze da Brexit

articolo pubblicato da: Elleny | segnala un abuso

La confusione sulla questione Brexit sta pesando sull'appetito al rischio degli investitori, che stanno mantenendo una certa cautela sui mercati. A inizio della settimana l'umore si era fatto ottimista a seguito di titoli positivi che circondavano il conflitto commerciale, ma ora lo scenario è cambiato a tutto vantaggio dei beni rifugio.

La preferenza ai beni rifugio

beni rifugioLa conseguenza di questa nuova ondata di incertezze, è che i beni rifugio sono stati spinti dagli acquisti. Lo yen è infatti ai massimi da una settimana, mentre cresce anche il franco svizzero. Gli investitori sono tornati sulle valute rifugio dopo che il parlamento britannico ha costretto Boris Johnson a chiedere un rinvio nei suoi piani per la Brexit. Martedì, i legislatori britannici hanno votato da 329 a 299 a favore del piano Brexit del Primo Ministro Boris Johnson, ma poi si sono opposti all'ipotesi di completare il processo legislativo in tre giorni (322 a 308 voti). Spetta ora all’UE decidere se prorogare la scadenza della Gran Bretagna per il 31 ottobre per la sua partenza dal blocco, anche se c’è speranza che la Gran Bretagna possa evitare lo scenario peggiore di lasciare l’UE senza alcun accordo.

Consiglio: prima di effettuare delle operazioni di investimento online, studiate bene cos'è lo Stop Loss trading.

I mercati guadagnano tempo e aspettano

I mercati hanno deciso di mettersi in posizione di attesa in vista della decisione della UE sulla richiesta di estensione del periodo di transizione fino a gennaio 2020, così si spiega la preferenza accordata ai beni rifugio. Nel complesso, i mercati sembrano prendere un po 'di respiro dopo le ultime settimane più frenetiche, anche se tutti sono consapevoli che l'umore più tranquillo che stiamo vedendo non durerà a lungo. l mercato è prudente anche in vista del board Bce di domani e di quello della Fed la settimana prossima.

Lo yen segna 108,25 per dollaro sui massimi dal 15 ottobre. Va detto però che la coppia USD / JPY si sta muovendo lateralmente in un intervallo stretto vicino al segno di 108,50 e sta avendo difficoltà a stabilire la sua prossima direzione a breve termine. Non ci sono peraltro segni di pattern e figure inversione del trend. La ripresa del dollaro in atto da martedì ha impedito alla coppia di spingersi ancora più verso il basso.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Per Colella Consulting la Brexit è opportunità per Uk


Brexit e sterlina legate a filo doppio. Scenari in bilico per la GB


Sterlina britannica di nuovo debole. Due appuntamenti chiave domani


NAFTA, Inghilterra pronta all’ingresso: il commento dello studio AE Morgan


SELECT MILANO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Dollaro canadese, sprint sui massimi settimanali contro l'USD

Come quasi tutte le valute del G10, anche il dollaro canadese ha guadagnato terreno sul suo "collega" americano, raggiungendo il livello massimo da una settimana. In realtà più che la forma propria del Loonie (come viene chiamata la valuta canadese in gergo),  ad imprimere la direzione al rapporto di cambio è stata soprattutto la debolezza del greenback american (continua)

Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino

La guerra commerciale tra USA e Cina è ufficialmente sfociata in guerra valutaria. Come risposta alla nuova ondata di dazi voluta da Trump, la Cina ha consentito che la propria valuta subisse un svalutazione pesante contro il dollaro, tanto da giungere al valore minimo in 11 anni. La svalutazione competitiva dello Yuan Che le cose stessero volgendo al peggio si era capito da qualche giorn (continua)

Investimenti, dopo il rally è giusto abbandonare l'oro?

Gli investimenti in oro si sono rivelati un buon affare in questa prima metà del 2019, visto che la quotazione è tornata oltre quota 1400 dollari l'oncia come non accadeva da tempo. I numeri degli investimenti in oro Chi avesse investito circa 10mila in un Etf che replica il prezzo del metallo prezioso, oggi avrebbe un capitale di 11.125 euro. Parliamo di un guadagno dell'11,25%. M (continua)

La Federal Reserve si avvicina al taglio dei tassi. Dollaro in discesa

Come era prevedibile, la Federal Reserve ha deciso di lasciare i tassi di interesse al livello attuale. Tuttavia, ha confermato in modo evidente che si sta marciando verso un ormai prossimo taglio del costo del denaro. Il FOMC vota per non toccare i tassi La due giorni di meeting dell'istituto centrale americano si è concluso con un voto non unanime del Fomc. L'organo di politica monetari (continua)

Beni rifugio richiestissimi, cresce la paura sui mercati globali

Sui mercati è tornata a spirare in modo forte l'avversione al rischio, dando così una spinta ai beni rifugio come lo yen. La valuta giapponese è così arrivata ai massimi delle ultime due settimane nei confronti del dollaro, mentre sul biglietto verde pesano i timori di escalation delle tensioni commerciali tra Usa e Cina e la discesa dei rendimenti sulla curva dei Treas (continua)