Home > Cultura > Il tour di Gioventù per i Diritti Umani arriva a Taiwan

Il tour di Gioventù per i Diritti Umani arriva a Taiwan

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Il tour di Gioventù per i Diritti Umani arriva a Taiwan


In occasione del 70 ° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani, il 10 dicembre 2017, il team Gioventù per i Diritti Umani Internazionale (YHRI) di Taiwan ha avviato un tour di educazione ai diritti umani nelle scuole e nelle università di tutto il paese.

Ad essi si sono uniti Rahul KC, presidente di Gioventù per i Diritti Umani del Nepal e Wil Seabrook, ambasciatore di Gioventù per i Diritti Umani e fondatore di Rock for Human Rights.

Il tour è iniziato all'università di Chung Cheng, dove gli studenti hanno guardato per la prima volta i 30 annunci di servizio pubblico YHRI (30 brevi video di un minuto, uno per ogni diritto umano, prodotti da Gioventù per i Diritti Umani) e il documentario “La storia dei Diritti Umani”. Seabrook ha quindi eseguito "Blackbird" dei Beatles e una sua canzone, "Candle". Ha condiviso la sua esperienza sulle violazioni dei diritti umani e le possibili soluzioni, dando agli studenti la possibilità, a loro volta, di raccontare le proprie storie. Rahul KC ha parlato del motivo per cui ha dedicato la sua vita all'educazione ai diritti umani. Ha sottolineato l'importanza della responsabilità - ai sensi dell'articolo 29 della Dichiarazione Univesale dei Diritti dell’Uomo (UDHR) riguardo al proprio dovere di proteggere i diritti e le libertà altrui, e ha mostrato una presentazione delle sue attività, fornendo agli studenti esempi dei molti modi in cui potrebbero promuovere i diritti umani.

In modo simile il tour è proseguito alla Jinwen University of Science and Technology, la National Taipei University of Education, la Fu Jen Catholic High School, la Nan Hwa Senior High School, la Taipei Dongmen Elementary School e altre ancora, per un totale di 17 scuole e università.

Gli studenti si sono sentiti ispirati, facendo dichiarazioni come "È la prima volta che capisco i 30 diritti umani e i loro contenuti fondamentali", a "Voglio essere un sostenitore dei diritti umani" e "Non devo cercare di salvare il mondo. Posso essere la piccola candela che è una luce per gli altri. "

In sole due settimane, il tour ha organizzato 26 eventi in sei città, raggiungendo oltre 4.000 giovani.

Tutto è culminato con la celebrazione della Giornata dei diritti umani nella Cappella della Chiesa di Scientology di Kaohsiung, dove sono stati esposti i lavori artistici degli studenti. Il direttore dell'ufficio per l’istruzione della città di Kaohsiung ha parlato e dato riconoscimenti agli studenti.

“Uniti per i Diritti Umani” e “Gioventù per i Diritti Umani” sono programmi sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. Sono attivi a livello internazionale organizzando convegni (il più recente a New York nel Palazzo di Vetro della Nazioni Unite) e lezioni sui Diritti Umani nelle scuole elementari, medie e superiori, allo scopo di diffondere la conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dall’ONU nel 1948.

Il fondatore della Chiesa di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".


Fonte notizia: https://www.humanrights.com/


Scientology | Diritti Umani | ONU | L Ron Hubbard | Gioventù per i Diritti Umani | Taiwan |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Apprendere i Diritti Umani - SERVIZI ON-LINE PER L’ISTRUZIONE


Il Tour Mondiale 2017 di Gioventù per i Diritti Umani


agoda.it propone offerte speciali last minute per il Computex Taipei 2011


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


L'impegno di agoda.it per il Semicon 2011 di Taipei


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”
Quando era bambina Maria Lara aveva deciso di portare un cambiamento nel suo amato paese, la Colombia: oggi con “La Via della Felicità” lo sta facendo. Maria Lara è un'attrice che ama profondamente il suo paese e ha lo scopo scopo umanitario di cambiarlo in meglio. Nata a Cartagena e cresciuta orgogliosa essere colombiana, ha vissuto gli anni della guerra civile, delle bande criminali, della droga e della violenza nel suo paese. "Ricordo di aver pianto per questo, e in quel momento ho detto: 'La Colombia darà una lezione al mondo'".Lara ha s (continua)

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa
70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” sono state distribuite all’inaugurazione del mandato del presidente Cyril Ramaphosa. All’inaugurazione del suo mandato, il 25 maggio 2019, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha promesso di affrontare la corruzione e rilanciare l'economia in difficoltà del paese. Per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi e garantire una celebrazione pacifica, i volontari e gli agenti di polizia hanno distribuito circa 70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” alla folla che er (continua)

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali
Le statistiche USA evidenziano un aumento degli incidenti mortali negli stati in cui la marijuana è stata legalizzata. L’idea comune è che la marijuana è una “droga leggera” e che “di marijuana non si muore”. Se è vero che l’overdose è molto rara, è altrettanto vero che è statisticamente provato che l’abuso di cannabis incrementa gli incidenti stradali. L’istituto no-profit IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) ha effettuato una ricerca indipendente per cercare di comprendere la relazione tra uso d (continua)

LSD e violenza

LSD e violenza
La droga allucinogena LSD non è solo pericolosa per gli irreversibili danni che causa alla mente, ma anche per gli atti di violenza che a volte compiono chi ne fa uso. L’allucinogeno per eccellenza, l’LSD, reso popolare negli anni ’60 e ’70 dalla cultura hippie, causa potenti allucinazioni e altera lo stato mentale spesso in modo permanente. Sono molti quelli che, molti anni dopo averne fatto uso, sperimentano di nuovo allucinazioni e disagio mentale. Si tratta di nuovi “trip” causati da molecole di LSD rimaste intrappolate nel tessuto grasso che improvvisa (continua)