Home > Altro > Chi sono le vittime più innocenti della Cocaina? I bambini!

Chi sono le vittime più innocenti della Cocaina? I bambini!

scritto da: Tiziana Bonazza | segnala un abuso

Chi sono le vittime più innocenti della Cocaina? I bambini!


Non si tratta di far la morale: si tratta di fatti! Scopri La verità sulla Cocaina con il corso gratuito online Tutti sanno che la cocaina è una droga, ma perché non si pensa ai bimbi che nascono con gravi conseguenze da madri che ne fanno uso? Si sente spesso dire: “Certo, prendo droga ma sono fatti miei!” Eppure l’uso di droga miete sempre vittime innocenti, dai bambini, da quelli che diventano preda di tossicomani che cercano di finanziare la propria assuefazione con misure disperate, a quelli che muoiono in incidenti stradali causati da automobilisti sotto l’effetto della droga. Le vittime più innocenti della cocaina sono i neonati di madri che l’hanno assunta durante la gravidanza. Nei soli Stati Uniti nascono ogni anno decine di migliaia di neonati sottoposti alla cocaina. Quelli che non soffrono di assuefazione soffrono però spesso di svariati problemi fisici che possono includere nascita prematura, peso insufficiente alla nascita, crescita ridotta, difetti congeniti e danni al cervello e al sistema nervoso. I neonati che alla nascita hanno un peso insufficiente corrono il rischio di morire nel primo mese dieci volte di più dei neonati di peso normale e di soffrire di handicap che durano tutta la vita, come ad esempio ritardo mentale e danni al cervello. L’impatto di questa tragedia umana sulla società non è ancora stato misurato fino in fondo. Alcuni dati sulla cocaina: -Nel 1905, divenne popolare sniffare cocaina e dopo cinque anni gli ospedali e la letteratura medica iniziarono a segnalare casi di danno nasale derivanti dall’utilizzo di questa droga. -Nel 1912, il governo degli Stati Uniti segnalò 5.000 decessi correlati alla cocaina in un anno e nel 1922, la droga venne bandita ufficialmente. -Nel 1970, la cocaina emerse come la nuova droga alla moda per il mondo dello spettacolo e gli uomini d’affari. La cocaina sembrava essere la compagna ideale per avere un piacere facile ed immediato. “Forniva energia” e aiutava le persone a rimanere “su”. Tradizionalmente, la cocaina era una droga da ricchi, a causa del costo elevato della sostanza stupefacente. Entro la fine degli anni ’80, la cocaina non era più considerata come la droga dei ricchi. A quel punto, in America, aveva la reputazione di essere la droga più pericolosa e che creava dipendenza, legata alla povertà, alla criminalità e alla morte. -Dal 2008, la cocaina è diventata la seconda droga illegale più trafficata al mondo. Un appello alle donne in gravidanza, se non vuoi farlo per te, fallo per tuo figlio: scopri LA VERITA’ SULLA COCAINA; SCOPRI LA VERITA’ SULLA DROGA!


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

F.I.L.A. e Istituto degli Innocenti, insieme per una “crescita a colori” dei ragazzi


La cocaina: breve excursus storico


- Brusciano: Adesione alla XXV Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. (Scritto da Antonio Castaldo).


Alcuni cenni sulla COCAINA UNA POLVERE BIANCA LETALE


Non si tratta di morale quando parliamo delle vittime più innocenti della Cocaina: i bambini!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La via della felicità a sostegno della Giornata mondiale dell'Educazione ambientale

La via della felicità a sostegno della Giornata mondiale dell'Educazione ambientale
Proteggi e migliora il tuo ambiente: è uno dei precetti della guida al buonsenso La via della felicità che i volontari hanno distribuito ampiamente a Jesi. L’iniziativa a sostegno della Giornata Mondiale per l’educazione ambientale. La giornata è stata fissata il 14 ottobre per ricordare la Conferenza ONU sull'Educazione ambientale del 1977, che ha visto la stipulazione di una dichiarazione i cui principi sono validi ancora oggi. Per invertire questa rotta bisogna che ogni singola persona comprenda ampiamente quanto, anche le più piccole azioni, possano contribuire al cambiamento. L’ambiente è la nostra casa. Lo stiamo (continua)

Continua la distribuzione del libricino 'La Via della Felicità, questa volta raggiungendo il centro storico di Montecosaro.

Continua la distribuzione del libricino 'La Via della Felicità, questa volta raggiungendo il centro storico di Montecosaro.
La Via della Felicità, scritta da L. Ron Hubbard agli inizi degli anni '80, ben espone i 21 precetti indispensabili per vivere bene. Dall'aver cura di sé stessi all'importanza di saper rispettare gli altri, la Via della Felicità offre una visione della vita che ben considera un buon livello etico e morale. La distribuzione ha raggiunto i vari cittadini che sabato mattina si trovavano per le strade, ottenendo un gran curiosità dal pubblico. In un momento di grande tensione sociale, è sempre più difficile mantenere un atteggiamento armonioso e nel rispetto di tutti. "Ogni individuo o gruppo cerca di avere una vita il più possibile piacevole e priva di dolore. ..La vera gioia e la vera felic (continua)

Tolentino raggiunta con i precetti de La via della felicità

Tolentino raggiunta con i precetti de La via della felicità
I precetti contenuti in questo opuscolo sono essenziali per la felicità e una vita migliore, aiutano a cambiare atteggiamenti e punti di vista. Nella giornata di lunedì 21 settembre, i volontari de La via della felicità hanno raggiunto la città di Tolentino diffondendo copie dell’omonima guida al buon senso in copertina personalizzata per la bellissima regione Marche.Ecco come raggiungere centinaia e centinaia di cittadini, in ogni angolo della regione, con i 21 precetti per vivere una vita migliore.Ma siamo in un era in cui le imma (continua)

Continua la distribuzione del libricino 'La Via della Felicità, questa volta raggiungendo il centro storico di Montecosaro.

La Via della Felicità, scritta da L. Ron Hubbard agli inizi degli anni '80, ben espone i 21 precetti indispensabili per vivere bene. Dall'aver cura di sé stessi all'importanza di saper rispettare gli altri, la Via della Felicità offre una visione della vita che ben considera un buon livello etico e morale. La distribuzione ha raggiunto i vari cittadini che sabato mattina si trovavano per le strade, ottenendo un gran curiosità dal pubblico.In un momento di grande tensione sociale, è sempre più difficile mantenere un atteggiamento armonioso e nel rispetto di tutti. "Ogni individuo o gruppo cerca di avere una vita il più possibile piacevole e priva di dolore. ..La vera gioia e la vera felicità (continua)

Una panoramica sulla religione di Scientology in Italia

Una panoramica sulla religione di Scientology in Italia
Tour virtuale all’interno del mondo di Scientology Scientology arriva in Italia nel 1974. Ad oggi, dopo 47 anni, con la Chiesa di Scientology e i singoli fedeli attivi in molti aspetti della società e della comunità religiosa, ci viene spesso chiesto: “Che cos’è  Scientology?”Benché il primo libro di L. Ron Hubbard, fosse disponibile in italiano sin dagli inizi degli anni ’50, e sebbene sin da allora ci fossero già diversi scientologist nel n (continua)