Home > Eventi e Fiere > La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana

scritto da: Redoffice3 | segnala un abuso

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana


“La desiderabilità del segno” è un concept a tre voci con Paolo Rossetti, Simonetta Ferrante e Matteo Pettinaroli, in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di gesti

Designing Happiness a 100 anni da Bauhaus

L’incontro “La desiderabilità del segno”, avvenuto nel centesimo anniversario dalla nascita di Bauhaus, scuola che ha dato un grande contributo allo sviluppo del design, dell’arte e dell’architettura moderna, mette al centro il tema della “desiderabilità”, motore che fa girare l'esistenza e che porta in sé un contenuto prezioso, un’etimologia che rimanda al latino sīdŭs, ĕris (= stella) attraverso il de sideribus (= ‘dalle stelle’) consegnatoci dal De bello gallico.

Brand design, calligrafia e agopuntura urbana: dare risposte composite alla complessità odierna

La complessità dei nostri giorni trova rilevanza nella contaminazione tra tre figure molto differenti ma sintonizzate nella ricerca di significati. Paolo Rossetti, fondatore, Direttore creativo e designer di Rossetti Brand Design afferma: “migliorare soltanto una piccolissima parte del mondo e del modo in cui viviamo: questo in grande sintesi è quello che faccio attraverso la dimensione estetica e più nello specifico nella rappresentazione visiva. E mi domando quale differenza ci sia fra desiderio e volontà, quale relazione fra i due e chi viene primo. In termini di priorità, mi sembra lo sia il desiderio e possiamo dire che, prima di questo, ci sia un’urgenza dell’esistenza che preme per emergere (e per essere sperimentata attraverso il desiderare)”.

Il grado di desiderabilità di un segno?

Quale è il grado di desiderabilità di un segno? La desiderabilità è forte e totalizzante in chi lo costruisce ma la desiderabilità attiene anche a chi deve riceverlo… Siamo, forse, tutti in attesa di rivelazioni attraverso piccoli e grandi segnali?

“Il segno è da sempre il mio modo di esprimermi con qualsiasi tecnica e strumento. Forse dipende in parte dal mio passato di grafica” dice Simonetta Ferrante che, dalla sua lunga esperienza d’artista calligrafa, può affermare con certezza che “vi è una reciprocità tra la mia mano e il segno che ne esce spontaneo al di là della mia volontà. I segni sono il mio filo conduttore: a volte ho la sensazione di essere io stessa il SEGNO che sto tracciando”.

In questo incontro, oltre alla bellezza e all’atto creativo, si è dato spazio anche alle richieste in ambito sociale e Matteo Pettinaroli, architetto e fondatore di un collettivo di professionisti che si occupa di spazio pubblico e design partecipativo, chiarisce che “l’agopuntura urbana è un ‘segno’ leggero fatto di relazioni, dinamismo e partecipazione attiva per valorizzare gli spazi collettivi del futuro. Significa, in pratica, realizzare progetti in piccola scala con l’ambizione di apportare ampi benefici alle comunità a cui sono destinati”.

 

 

desiderabilità segno | desiderabilità segno milano | brand design | calligrafia | agopuntura urbana |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

#POLIdesignWeek


La poesia dipinta. Alla mostra “Love and Violence” performance di calligrafia dell’artista giapponese Shofu Yoshimoto


Tutti i benefici dell’agopuntura a Parma presso il Centro Fisioterapico Maria Luigia


Workshop di Calligrafia e Lettering


TuttoFood 2017 Corea ecco le eccellenze culinarie che piacciono agli italiani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16
Le frontiere dell'editoria del terzo millennio ed i segreti per una strategia di content curation e storytelling efficace, fra tecnologia ed umanità Come riconoscere le nuove forme di editoria digitale che possono diventare modelli di business validi e replicabili? Come rendere la propria comunicazione multi-canale coerente ed efficace? Risponderà a queste ed altre domande un evento AISM - Associazione Italiana Sviluppo Marketing a cura di Emotional Marketing Lab e MIURA: dalla prima Bibbia sino a «Facebook Augmented Reality» passando per (continua)

La desiderabilità del segno

La desiderabilità del segno
La desiderabilità del segno Un incontro tra arte, design e trasformazione urbana, a cento anni dall’esperienza Bauhaus con al centro la desiderabilità, motore che fa girare l'esistenza “La desiderabilità del segno”. Un incontro a tre voci, Paolo Rossetti, Matteo Pettinaroli, Simonetta Ferrante in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di ge (continua)

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0
Il meeting svoltosi il 30 gennaio 2018 ha visto protagonista il robot NAO della Scuola di Robotica che ha interagito con gli ospiti. L’incontro, presentato da “LA LOGICA DEL FLUIRE. CHE MERCATO SAREMO” e “COPERNICO”, ha incluso gli interventi di Fiorella Operto, Fabrizio Bellavista e Stefano Lazzari e un saluto di benvenuto di Federico Lessio mentre Luisa Cozzi ha (continua)

“Water Brands” e “Super Brands”: il 21 ottobre 2017 a Milano due grandi eventi al Festival della Crescita

“Water Brands” e “Super Brands”: il 21 ottobre 2017 a Milano due grandi eventi al Festival della Crescita
Al Palazzo delle Stelline di Milano (il primo alla Cult Library, il secondo alla Visions Hall), sabato 21 ottobre alle ore 17 e alle 18.30 si svolgeranno due eventi, all’interno del Festival della Crescita: il primo tratterà di “Water Brand” e del libro “La logica del fluire. Che mercato saremo”, il secondo di “Super Brands” e del volume "S (continua)

Milano Food City 2017. Gifasp premia la prevenzione dello spreco alimentare

Milano Food City 2017. Gifasp premia la prevenzione dello spreco alimentare
Durante l’evento Milano Food City #famedivero, il 9 maggio 2017 presso lo Spazio BASE, nell’epicentro del ‘fuorisalone’ della Food Week, Francesca Meana, designer e membro del comitato esecutivo di Gifasp, ha consegnato un doppio riconoscimento ai migliori lavori presentati per il progetto-laboratorio “140 caratteri o un'immagine” a due classi della Scuola p (continua)