Home > Moda e fashion > Dai banchi della salumeria al design: le affettatrici Berkel

Dai banchi della salumeria al design: le affettatrici Berkel

articolo pubblicato da: lacopertina | segnala un abuso

Dai banchi della salumeria al design: le affettatrici Berkel

 

Spesso il termine design diventa sinonimo di eccentricità: non tutto ciò che presenta queste caratteristiche è necessariamente bello a vedersi, anzi. Non sono rari gli episodi in cui l’estetica viene messa al secondo posto in un’ipotetica scala gerarchica. Ma questo nel caso delle affettatrici Berkel, iconiche macchine passate dai banchi dei salumieri agli interni domestici più ricercati e chic.


La storia del marchio

Wilhelmus van Berkel era un macellaio di fine Ottocento appassionato di meccanica, sempre alla ricerca di quel “taglio perfetto” che fosse in grado di semplificare e rendere più preciso il compito del salumiere. Da questo suo chiodo fisso, dopo molti tentativi, nacque l’affettatrice così come la conosciamo: una lame circolare ruota perpendicolarmente rispetto a un piatto mobile che, scorrendo avanti e indietro, affetta il salume o il lembo di carne.

Oggi, a distanza di oltre un secolo, queste macchine sono state sempre più perfezionate e modernizzate ma, come si sa, il vintage sparisce per poi ritornare dopo diversi anni, senza mai tramontare definitivamente: le affettatrici Berkel sono infatti diventate, in breve tempo, un’icona del design domestico. Subito riconoscibili per la sinuosità delle linee, per l’elevata qualità dei materiali utilizzati e per la minuzia nei dettagli, le macchine di questo marchio sono ora disponibili nei tre colori tradizionali: rosso, nero e crema. Dai una marcia in più alla tua cucina!


Dove si possono acquistare?

Oggetti molto richiesti e preziosi, queste macchine possono essere acquistate online o da rivenditori autorizzati, gli unici in grado di farvi stringere tra le mani un’autentica affettatrice Berkel, un vero e proprio cimelio storico e artistico di un’epoca in cui tutto era ancora costruito affinché durasse nel tempo. E, qualora ne trovaste una frugando nella vostra cantina, sappiate che avete appena portato alla luce un tesoretto che potrebbe valere molto.

affettatrici berkel | affettatrici | restauro |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

POLI.design, CONSORZIO DEL POLITECNICO DI MILANO ALLA MILANO DESIGN WEEK 2015


Affettatrice di design, sempre più presente nelle case degli italiani


NASCE A BOLOGNA LA SCUOLA DI ALTA SALUMERIA ITALIANA.


Restauro di Affettatrici Berkel


Artigiani del restauro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Tra antico e moderno: i rivestimenti in mosaico

Tra antico e moderno: i rivestimenti in mosaico
  Il mosaico ha una storia antichissima: la sua origine si fa risalire alla nascita delle prime civiltà ed è una forma d’arte senza tempo, passata indenne attraverso i secoli e giunta fino ai giorni nostri. Il concetto di base è molto semplice: creare un disegno o un motivo geometrico accostando tessere di diverse dimensioni, forme e colori. I primi mosaici di cui (continua)

I principali difetti visivi: miopia, ipermetropia, presbiopia e astigmatismo

I principali difetti visivi: miopia, ipermetropia, presbiopia e astigmatismo
Come funziona l’occhio umano? Il meccanismo è piuttosto complesso ma, semplificando notevolmente, si può così riassumere: il bulbo oculare riceve gli impulsi luminosi e li trasmette al cervello che, traducendoli, restituisce le immagini elaborate. La retina funge da catalizzatore: per ottenere un risultato chiaro e nitido i raggi di luce devono essere riuniti nel medesi (continua)