Home > Cibo e Alimentazione > L’aretina Al Foghèr Classic premiata con il Petra Selected Partner

L’aretina Al Foghèr Classic premiata con il Petra Selected Partner

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

L’aretina Al Foghèr Classic premiata con il Petra Selected Partner


Una pizzeria aretina è stata premiata al simposio tecnico della pizza italiana. Dopo solo quattro mesi di attività in Corso Italia, Al Foghèr Classic è stata riconosciuta tra le eccellenze nazionali per lo studio degli impasti e delle lievitazioni, e ha così meritato il Petra Selected Partner che viene annualmente assegnato ai locali maggiormente all’avanguardia di tutta la penisola. Il premio è stato consegnato ai titolari Renato e Riccardo Pancini in occasione di PizzaUp, l’evento organizzato da Molino Quaglia e ospitato dall’Università della Pizza di Vighizzolo d’Este (Pd) che ha riunito chef, pizzaioli e professionisti da ogni zona d’Italia per tre giornate di formazione e di confronto dedicate al piatto italiano per antonomasia.

Il simposio si è concluso proprio con il conferimento del Petra Selected Partner che è spettato anche ad una pizzeria di recente apertura quale Al Foghèr Classic che, dallo scorso luglio, ha portato nel pieno centro storico di Arezzo l’esperienza della famiglia Pancini maturata in oltre tre decenni di attività nello storico Al Foghèr di Ponte alla Chiassa. Il nuovo locale è specializzato nella preparazione delle pizze tipiche della tradizione italiana che vengono proposte con una particolare cura soprattutto verso gli impasti, attraverso un’attenta scelta delle farine e processi di lievitazione fino a quarantotto ore per arrivare ad ottenere un piatto capace di combinare gusto e digeribilità in linea con i principi contenuti nel Manifesto della Pizza Italiana Contemporanea redatto dalla stessa Università della Pizza.

Tutte queste caratteristiche sono valse il conferimento del Petra Selected Partner che, già assegnato nel 2017 ad Al Foghèr, inserisce ora anche Al Foghèr Classic in un circuito di locali italiani consigliati per la qualità e per la digeribilità delle loro produzioni. La premiazione ha rappresentato l’atto conclusivo di un PizzaUp che ha avuto come tema “La pizzeria empatica” e che ha proposto un approfondimento sulle più innovative strategie per valorizzare la professionalità e la qualità all’origine dei singoli piatti, per trasmetterne le emozioni e per stabilire una relazione di fiducia con i clienti, con i Pancini che hanno potuto testimoniare anche la loro esperienza in terra d’Arezzo. «Il Petra Selected Partner è giunto completamente a sorpresa - commenta Renato Pancini, - perché l’esperienza di Al Foghèr Classic ha preso il via solo da pochi mesi e perché già eravamo stati premiati due anni fa con la casa-madre di Al Foghèr. La soddisfazione, dunque, è doppia: questo conferimento inserisce entrambi i nostri locali in un circuito di pizzerie italiane dove la qualità incontra il benessere in virtù dell’artigianalità riposta in ogni fase del lavoro, dalla scelta del cereale alla farcitura».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Renato Pancini protagonista di un confronto sulla ripresa delle pizzerie


"Una manetta sul mare": I Trilli e i Buio Pesto in concerto per la Onlus Gigi Ghirotti


Fjällräven Classic - Il principale evento trekking del Nord Europa diventa globale


Tommaso Dibello - Chiara EP (Petra Beat Records)


Da Fortinet un nuovo Partner Program per far fronte a un mercato della security in costante evoluzione e alle differenti esigenze di business


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Raggiolo a misura di bambino tra letture e cacce al tesoro

Raggiolo a misura di bambino tra letture e cacce al tesoro
Una lettura nel bosco e una caccia al tesoro: Raggiolo ospita due iniziative rivolte a bambini e ragazzi. La rassegna “Raggiolo Estate 2020” prosegue con un doppio appuntamento nei pomeriggi di domenica 9 agosto e di lunedì 10 agosto che, promosso da La Brigata di Raggiolo in collaborazione l’Ecomuseo del Casentino, permetterà ai più piccoli di vivere da protagonisti il borgo alle pendici del (continua)

Un sostegno all’Aipd per la ripartenza post-Covid19

Un sostegno all’Aipd per la ripartenza post-Covid19
Un sostegno per la ripartenza post-Covid19 dell’Aipd - Associazione Italiana Persone Down di Arezzo. Ad averlo stanziato è la Fondazione Graziella - Angelo Gori che, per il secondo anno consecutivo, ha previsto un intervento a favore dell’associazione cittadina che opera per favorire l’inclusione e la formazione delle persone con sindrome di Down. La recente emergenza sanitaria ha imposto un l (continua)

Uno spettacolo itinerante tra i luoghi di sepoltura di Raggiolo

Uno spettacolo itinerante tra i luoghi di sepoltura di Raggiolo
Uno spettacolo itinerante tra gli antichi luoghi di sepoltura di Raggiolo. Alle 21.15 di venerdì 7 agosto prende il via la sesta edizione della rassegna teatrale “Il crinale - Parole come pietre” che, promossa da La Brigata di Raggiolo e dall’associazione culturale Noidellescarpediverse, proporrà una serie di serate dove il teatro si sposa con gli angoli più belli del piccolo borgo casentine (continua)

Il Jazz On The Corner Festival chiude con i ritmi di “Totem”

Il Jazz On The Corner Festival chiude con i ritmi di “Totem”
Il contrabbasso di Ferdinando Romano chiude il Jazz On The Corner Festival. L’ottava edizione della rassegna volge al termine alle 21.15 di giovedì 6 agosto con un concerto che, ospitato dall’Arena Eden e inserito nel cartellone del Festival delle Musiche, proporrà la presentazione del disco “Totem” dove sarà possibile apprezzare le sonorità di un jazz contemporaneo ispirato ai misteri ancest (continua)

Una guida per visitare e scoprire il borgo di Raggiolo

Una guida per visitare e scoprire il borgo di Raggiolo
Una guida per visitare e per scoprire Raggiolo. Questo importante strumento di valorizzazione turistica e territoriale sarà presentato alle 21.15 di mercoledì 5 agosto, nel suggestivo scenario dell’antico Sepolcreto, nel corso di una serata che rappresenterà un’occasione per conoscere il piccolo borgo casentinese tra curiosità, storia, arte e natura. Il progetto è stato promosso da La Brigat (continua)