Home > Informatica > Scopriamo qual è il ruolo di ESET nella collaborazione con Google: The App Defense Alliance

Scopriamo qual è il ruolo di ESET nella collaborazione con Google: The App Defense Alliance

scritto da: Elygiuliano | segnala un abuso

Scopriamo qual è il ruolo di ESET nella collaborazione con Google: The App Defense Alliance


Mercoledì 6 novembre ESET ha annunciato di aver aderito all’App Defense Alliance. A partire da oggi, ESET collaborerà fornendo informazioni che renderanno le applicazioni mobile sul Google Play Store più sicure.

Perché questa partnership è importante e cosa significa per gli utenti?

Come funziona

ESET integrerà il proprio pluripremiato motore di scansione nel noto processo di compliance impiegato da Google nel proprio Play Store per verificare la conformità delle app. Quello che prima era uno sforzo reattivo di ESET per identificare le problematiche di sicurezza è ora una campagna proattiva a pieno titolo per proteggere i consumatori e le imprese. L’obiettivo principale di App Defense Alliance è garantire la sicurezza del Google Play Store, identificando eventuali app potenzialmente dannose e indesiderate prima che vengano incluse nel Google Play Store.

La competenza e l’esperienza ESET

ESET è leader nella sicurezza informatica e in particolare nella ricerca delle nuove minacce ed è inoltre una prolifica fonte di ricerche sulla cyber sicurezza.

Un approccio multilivello

Questa partnership non annulla la necessità di un’applicazione di sicurezza mobile installata sui dispositivi. Non esiste un’unica soluzione che risolva tutti i problemi e i rischi nella sicurezza informatica. Le app terze parti come ESET Mobile Security sono ancora una componente essenziale della sicurezza online garantendo la protezione del dispositivo contro le minacce che possono provenire da molte fonti diverse.

Mettere tutto insieme

Non è la prima volta che ESET partecipa a collaborazioni strategiche con Google. Questo annuncio segue la partnership siglata all’inizio di quest’anno con Alphabet’s Chronicle e all’ impegno nello sviluppo di Google Chrome Cleanup, uno strumento di sicurezza che avvisa gli utenti di Google Chrome sulle potenziali minacce.

Insieme, i membri dell’App Defense Alliance saranno in grado di stare un passo avanti rispetto ai criminali, così da proteggere al meglio aziende e utenti privati. ESET è entusiasta di iniziare questa collaborazione unica ed emozionante.


Fonte notizia: https://blog.eset.it/2019/11/scopriamo-qual-e-il-ruolo-di-eset-nella-collaborazione-con-google-the-app-defense-alliance/


ESET | App Defence Alliance |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ESET premiata da AV-Comparatives per le soluzioni di sicurezza business e consumer


ESET presenta ESET Full Disk Encryption, la soluzione di crittografia che protegge i dati sia nel mondo reale che in quello digitale


ESET inaugura la nuova linea di soluzioni per la sicurezza aziendale


ESET presenta la nuova linea di soluzioni di sicurezza per gli utenti privati


ESET inaugura la nuova suite di soluzioni per la sicurezza aziendale


Aumentano le truffe legate alle cripto valute su Android: scoperte dai ricercatori di ESET app fake di Poloniex e MyEtherWallet


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento
L’evento si svolgerà in collaborazione con Stormshield Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, è lieta di annunciare il primo di una serie di convegni online in collaborazione con Stormshield, leader europeo nella sicurezza delle infrastrutture digitali. Nell'appuntamento del 27 maggio, dal titolo “Dove nascono le rughe del Ciso: ransomware e inadeguatezza del privacy shield sorve (continua)

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO
Baciata dal sole del Mar Mediterraneo, Tel Aviv è uno dei migliori esempi di metropoli moderna, grazie ai suoi teatri, scuole d’arte, università, ristoranti che propongono ogni tipo di cucina, eventi sportivi, trasporti pubblici, una frequentatissima spiaggia e il più grande numero di start up per persona al mondo Negli anni Tel Aviv ha ricevuto una serie numerosa di riconoscimenti, tra cui quello di migliore metropoli in crescita, migliore gay city e, cosa più importante, città più smart al mondo. Tel Aviv ha dotato infatti i suoi cittadini di una rete Wi-Fi libera in tutta la città, insieme ad una applicazione che ha raggiunto il 60% dell’utilizzo da parte dei residenti nei primi 5 anni dalla sua in (continua)

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity
Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, annuncia di aver siglato una partnership con WOZON per la distribuzione dell’omonimo software dedicato alla protezione del patrimonio aziendale Il software WOZON, interamente sviluppato in Italia da un team di tecnici specializzati in digital forensics, supporta le aziende nella tutela della proprietà intellettuale e nelle fasi di investigation interna a seguito di incidente informatico o contenzioso di lavoro, fornendo elementi che attestino l'implementazione di adeguate misure di sicurezza. Il sistema è una “scatola nera della cybe (continua)

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati A fine marzo i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing che sfruttava un link alla riproduzione di Positions di Ariana Grande per rubare le credenziali di Microsoft 365 dei malcapitati utenti, pubblicandoli poi su un feed RSS. La dinamica del phishing utilizzata in questo caso è comune a molte altre campagne di questo tipo: l’utente riceve una mail (continua)

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati Il 24 febbraio i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing attuata attraverso un allegato HTML che simulava una pagina di login Microsoft.Nulla di strano fin qui, considerato che Microsoft è la piattaforma maggiormente utilizzata per le campagne di phishing. Analizzando attentamente il link adoperato in questa campagna, gli esperti di Odix si sono però acc (continua)