Home > Cultura > Concorso nazionale "Raccontate il vostro formaggio del cuore"

Concorso nazionale "Raccontate il vostro formaggio del cuore"

articolo pubblicato da: laformadellatte@gmail.com | segnala un abuso

Concorso nazionale

 

 Assegnato il Primo premio a Michele Grassi con il formaggio Malga bellunese

Si è concluso il 10 novembre 2019 il concorso nazionale "Raccontate il vostro formaggi del cuore" con la premiazione dei tre racconti selezionati, persso l'Eco Museo delle Acque del Gemonese, a Gemona del Friuli.

Il regolamento del Concorso era ben strutturato e ciò che veniva richiesto dai partecipanti era connesso e annesso alle tradizioni casearie italiane. Per lo più si poteva raccontare un formaggio del nostro Paese, possibilmente a latte crudo, ma anche delle vicine, a Gemona, Austria e Solvenia. Il concorso, giunto alla quinta edizione, vuole invogliare gli appassionati scrittori di cucina (food blogger e food writer) a confrontarsi con il formaggio, che entra in numerose ricette sia della tradizione che dell’innovazione. Pochi però si pongono l’obiettivo di conoscere a fondo questo prodotto, spesso su riviste e web si leggono articoli che parlano della bontà del formaggio, delle sue proprietà, della sua duttilità in cucina ma pochi sono gli approfondimenti che valutano il prodotto a tutto tondo. 

Da dove arriva e come viene fatto quel tipo di formaggio? Perché è espressione di quel territorio e non di altri? Senza un buon latte si ottiene comunque un buon formaggio? Un buon formaggio ha necessità di additivi e conservanti? Perché i formaggi a latte crudo stanno scomparendo? La salute e il benessere degli animali influisce sulla qualità del formaggio? A queste e ad altre domande il concorso chiede di dare risposta. Gli “appassionati scrittori di cucina” vengono invitati ad andare oltre la ricetta raccontando non solo la preparazione di un piatto a base di formaggio ma anche la storia di quel formaggio, il suo luogo di origine e le persone che ne tramandano la tradizione.

Al concorso hanno aderito da tutta Italia e dalla Slovenia con il racconto del formaggio del cuore e con una ricetta che prevedesse l'uso del formaggio raccontato. Una ricetta della tradizione gastronomica popolare oppure di fantasia, purchè vi fosse l'uso del formaggio descritto.

Alla finale del 10 novembre sono stati convocati gli autori selezionati e premiati, Primo premio formaggio del cuore a Michele Grassi, ferrarese di Codigoro, "per il racconto coinvolgente e partecipato, in straordinaria sintonia con l'originalità della ricetta". Premio speciale "Daniele Bertossi" a Francesco Linzalone di Matera, "per la capacità di avere attinto ai propri ricordi e di avere elaborato un racconto di cui la ricetta fa parte integrante". Menzione speciale a Giulia Cestari di San Benedetto del Tronto, "per la semplicità della ricetta che si abbina alla perfezione con la purezza del formaggio".

Il video della premiazione, il racconto e la ricetta sono pubblicati su www.michelegrassi.net

cultura | concorso | arte | formaggi | michelegrassi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ecco le finaliste campane a Miss Italia 2019


Quarta edizione del Concorso Letterario Nazionale Oubliette 04


In scadenza la Quarta Edizione del Concorso nazionale Letterario Oubliette 04


Thrinakìa concorso internazionale di scritture autobiografiche


Seconda edizione del Concorso Letterario Nazionale “Oubliette”


In scadenza: Seconda edizione del Concorso Letterario Nazionale “Oubliette”, 31 gennaio 2012


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Michele Grassi e i formaggi rari italiani

Michele Grassi e i formaggi rari italiani
 I formaggi Presidi Slow Food secondo lo chef di Casa Artusi. Già un anno fa Michele Grassi, critico di formaggi ed esperto di tecnologia casearia, presentava al Gambero Rosso di Cesena i formaggi rari italiani, spesso menzionati nell'Arca del gusto di Slow Food. Oggi ripercorre la stessa strada presentando ben 7 formaggi al Ristorante di Casa Artusi a Forlimpopoli. Formaggi rari e (continua)