Home > Arte e restauro > Le vigne di Matilde. Quattordici artisti interpretano il territorio

Le vigne di Matilde. Quattordici artisti interpretano il territorio

articolo pubblicato da: CSArt | segnala un abuso

Le vigne di Matilde. Quattordici artisti interpretano il territorio
Nelle terre che appartennero un tempo alla Grancontessa Matilde di Canossa, quattordici artisti reggiani interpretano il territorio attraverso una cospicua selezione di dipinti, fotografie e vignette raccolte nella mostra “Le vigne di Matilde”, in programma dal 23 novembre al 24 dicembre 2019 presso la Cantina Albinea Canali (Via Tassoni 213, Reggio Emilia).

L’esposizione, allestita nella Sala dei Cavalieri e nel Salone delle Capriate, presenta una quarantina di opere degli artisti Marco Arduini, Mirco Ambrogini, Brenno Benatti, Primo Canepari, Gianni Carino, Pietro Cinti, Gino Fontanesi, Silvano Fontanesi, Giuliano Giuliani, Carlo Maestri, Andrea Magni, Patrick Pioppi, Oscar Piovosi e Romano Salami.

Realizzata con il patrocinio del Comune di Albinea (RE), la mostra sarà inaugurata sabato 23 novembre alle ore 17.00. Saranno presenti, oltre agli autori invitati, Stefano Colli (Event Manager Cantina Albinea Canali), Luigi Borettini (curatore), Enzo Fontanesi (coordinatore) e i rappresentanti delle Istituzioni.

«Gli artisti selezionati – spiega Luigi Borettini – celebrano il loro territorio, le genti, i prodotti della terra, gli usi e le consuetudini. Con diverse sfumature, hanno saputo reinterpretare importanti tradizioni, dall’aceto balsamico tradizionale (citato da Donizone di Canossa) al Parmigiano Reggiano, con particolare attenzione alla produzione vitivinicola e alla cultura enologica. La pittura, la fotografia e il disegno ci trasmettono sensazioni, emozioni, sentimenti, che esaltano la nostra capacità di osservare, di entrare nell’opera stessa, di condividerla con altri, guidati da suggestioni sensoriali, a volte anche olfattive. Sta a noi cogliere i pensieri, i suggerimenti dell’autore: l’opera è lì, dinanzi a noi, pronta per condurci in una nuova realtà, in un nuovo mondo. La pittura, come tutte le arti, con tutte le sue sfaccettature, è eterna, al contrario dell’essere umano. Dobbiamo dunque ringraziare questi poeti del pennello che ci aiutano ad elevare la nostra anima verso una dimensione superiore, dove tutto trova un significato e ogni azione compiuta è come una semplice nota che compone una infinita melodia, parte integrante del nostro grande universo».

La collettiva sarà visitabile fino al 24 dicembre 2019, da martedì a sabato ore 8.30-12.00 e 15.00-18.30. Ingresso libero. Per informazioni e prenotazioni: tel. 0522 569505, canali@riunite.it, scolli@riunite.it. Nel periodo espositivo si terranno diversi incontri e spettacoli. Il programma completo sarà visibile sulla pagina Facebook della Cantina Albinea Canali: www.facebook/albineacanali.

Situata sulla principale strada di collegamento tra Reggio Emilia ed Albinea, la Cantina Albinea Canali nasce nel 1936 riunendo diversi vignaioli del Lambrusco e dell’Ancellotta e arrivando a contare, negli anni successivi, centosettanta conferenti. La Cantina Albinea Canali raccoglie le uve di un ristretto bacino, in una delle aree di maggior pregio, sotto il profilo dei suoli e del clima, dell’intera provincia reggiana. Dopo un accurato intervento di restauro conservativo, la sede affianca oggi alla produzione di vini di qualità anche una vasta gamma di servizi al pubblico, tra cui l’enoteca, la sala degustazione ed il Centro Convegni Albinea Canali, con sette ambienti, dotati di moderni impianti tecnologici, ideali per ospitare meeting e grandi eventi.

arte | cultura | mostra | Matilde di Canossa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CONCORSO VICENZI “Amiche di Matilde”


Matilde Girasole attesa al Tour Music Fest


Teatro:


Matilde Staffa, runner: io vivo le gare come una bellissima festa!


Matilde Staffa, runner: tutto è iniziato per gioco!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Roberto Rocchi, PRAXIS. Di marmo, di aria, di luce

Roberto Rocchi, PRAXIS. Di marmo, di aria, di luce
La Galleria ArteSì di Modena (via Fonte d’Abisso, 10) presenta, dal 14 marzo all’11 aprile 2020, “PRAXIS. Di marmo, di aria, di luce”, mostra personale dello scultore Roberto Rocchi, a cura di Cristina Muccioli, docente presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Il percorso espositivo comprende una ventina di opere di marmo, di aria e di luce, la maggior parte (continua)

Una, nessuna, centomila. Ritratti di donne nel Novecento

Una, nessuna, centomila. Ritratti di donne nel Novecento
 “Una, nessuna, centomila”: le rappresentazioni della donna nell’arte sono tante quante le donne stesse. Gli artisti si misurano da sempre con il tema del femminile, quasi a voler catturare qualcosa di ineffabile. Tantissime sono le donne dipinte, scolpite e fotografate che popoleranno la Galleria de’ Bonis (Viale dei Mille 44/D, Reggio Emilia) dal 7 al 28 marzo 2020. (continua)

BAU. Contenitore di cultura contemporanea 2004-2020

BAU. Contenitore di cultura contemporanea 2004-2020
Il CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia celebra i primi sedici anni di attività dell’Associazione Culturale BAU con la mostra “BAU. Contenitore di cultura contemporanea 2004-2020” che, dal 21 febbraio al 7 giugno 2020, porterà al piano zero del museo le oltre mille opere contenute nei sedici numeri della rivista sperimentale “BAU”, tra (continua)

Lucia Bubilda Nanni. Profili cuciti di santità

Lucia Bubilda Nanni. Profili cuciti di santità
 Alla Fondazione Dino Zoli di Forlì si stringe ulteriormente il legame tra arte e tessuto con la mostra personale di Lucia Bubilda Nanni, “Profili cuciti di santità”, realizzata in partnership con la Dino Zoli Textile, l’azienda madre del Gruppo Dino Zoli.  Inserita nel programma “Who’s Next”, ideato nel 2018 per sostenere e promuovere l (continua)

Massimiliano Galliani. Attraverso

Massimiliano Galliani. Attraverso
 La Salamon Fine Art di Milano (Palazzo Cicogna, via San Damiano 2) prosegue l’impegno espositivo di presentare artisti che sommino alla visione contemporanea grande talento tecnico. Le origini della galleria, da sempre impegnata a sostenere artisti che usino la carta come principale supporto, la portano ad esordire nel 2020 con la mostra dedicata al giovane Massimiliano Galliani, dise (continua)