Home > Cultura > Piantare semi di speranza in Nigeria

Piantare semi di speranza in Nigeria

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Piantare semi di speranza in Nigeria


La Nigeria sarà anche ricca di risorse naturali, ma è estremamente povera in termini di diritti umani. Il terrorismo, la guerra civile, decenni di dominio militare e la dilagante corruzione, hanno fatto cadere in povertà e in preda alla paura quasi il 99% della popolazione del paese. Un nativo, Pascal Nwonga Chukwuebuka dal sud-est della Nigeria, ha dedicato la sua vita a portare i diritti umani alla prossima generazione. Pascal, allievo di un seminario religioso che ha scoperto Gioventù per i Diritti Umani (YHR) quando lavorava nel Ghana, fu ispirato a tornare in patria per insegnare i diritti umani nelle chiese e nelle scuole della Nigeria, dove avrebbe potuto avere un impatto maggiore. Nelle lezioni vengono illustrati tramite dei video i 30 Diritti Umani della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dalla Nazioni Unite del 1948, oltre ad una breve storia dei Diritti Umani nei secoli, dai Babilonesi ad oggi.

Si è reso conto che se i bambini e i giovani comprendessero i diritti umani, sarebbero in grado di cambiare la "mentalità orientata alla corruzione e concussione" scendendo in campo contro di essa o, semplicemente, non facendo parte di quella scena e scegliendo di dire di no. Inoltre, dato che i giovani della zona sono i principali bersagli delle gang locali che cercano sempre di reclutare nuovi membri, poteva dar loro una prospettiva alternativa sulla vita e aiutarli a imboccare un sentiero migliore.

Nel 2014, Pascal ha tenuto conferenze in 57 scuole, dalle scuole primarie alle università.

Ha portato le lezioni di Gioventù per i Diritti Umani a più di 26.000 studenti e ad altri 20.000 nigeriani. Gioventù per i Diritti umani si ispira al pensiero del filosofo e umanitario L. Ron Hubbard, fondatore della Chiesa di Scientology, che ha scritto: “I diritti umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico.”

"Parlo del diritto alla vita, più di qualsiasi altra cosa”, ha detto Pascal. "Anche se solo dieci di loro mi ascoltano, so di aver comunque creato un cambiamento. E quando questo succede, cambia anche il percorso che imboccano e questo è un grande successo.”


Fonte notizia: https://www.humanrights.com/


Scientology | Diritti Umani | ONU | L Ron Hubbard | Gioventù per i Diritti Umani | Nigeria |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

“Così salveremo i semi antichi”: nasce Avasim, l’Alleanza per la Valorizzazione delle Antiche Sementi Italiane e del Mediterraneo.


U.S. Support of Gay Rights in Africa May Have Done More Harm Than Good


Gioventu' per i Diritti Umani .


Il gigante dell'Africa diventa un gigante dei Diritti Umani


Consigli Per Crescere Le Dalie Per Il Tuo Giardino Estivo


Florablom: Bulbi di Gladioli di Qualità per Deliziose Fioriture


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Autori più attivi
Dicembre

Recenti

Stesso autore

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa
Firenze e Pisa saranno le prime tappe del Primo Motogiro Nazionale “Mettiamoci in moto per un Italia Libera dalla Droga” organizzato dall’associazione Dico No alla Droga. A Firenze il Motogiro si fermerà a Piazzale Michelangelo, lunedì 30 agosto alle 16:30 circa, dove riceverà il saluto del Consigliere Comunale Federico Bussolin. La tappa di Pisa sarà effettuata in collaborazione con l’associazione Gruppo Il Ponte San Patrignano, e con la Pubblica Assistenza Litorale Pisano che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa.Nel dettaglio il Motogiro passerà da Pia (continua)

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo
Molti si vantano di “reggere bene l’alcool”, ma questa capacità porta a bere di più e quindi a maggiori rischi per salute, incidenti e alcolismo. Le persone che bevono alcolici regolarmente, alle feste, al bar o a casa, spesso si vantano della loro capacità di “reggere l’acool”. Sia che facciano per “essere dei duri” o che siano orgogliosi reggerlo più dei loro amici, queste persone spesso faranno sfoggio del fatto gli ci vogliono più drink per ubriacarsi, o che sono in grado di consumare abbondanti quantità di alcol senza soffrire di (continua)

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli
Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli Un numero crescente di bambini nasce già dipendenti dalle droghe, e non sempre la causa è una madre tossicodipendente. Il quotidiano di Nashville “The Tennessean” ha recentemente pubblicato un rapporto su una preoccupante tendenza: sempre più bambini nascono nell'inferno della “sindrome da astinenza neonatale”, una condizione che si verifica quando una madre usa antidolorifici oppiacei (farmaci legali prescritti ma simili all’eroina e alla morfina) durante il corso della gravidanza. Il bambino diventa dipende (continua)

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari
I volontari dell’associazione Mondo Libero dalla Droga hanno visitato 14 bagni del litorale di Tirrenia e Marina di Pisa distribuendo materiale informativo sui pericoli delle droghe. La droga non va in vacanza e chi ne abusa continua a cercarla anche durante il soggiorno nelle località balneari. Gli spacciatori lo sanno, e durante l’estate si spostano sulla costa per rifornire i vacanzieri che cercano lo ‘sballo’ a tutti i costi o che altrimenti andrebbero in crisi di astinenza. I volontari dell’associazione internazionale “Mondo Libero dalla Droga” si sono mobilitati (continua)

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana
Nel mondo della tossicodipendenza, l’abuso di farmaci è ormai come diffusione al secondo posto dietro alla marijuana I farmaci prescritti fanno parte della vita di milioni di persone, negli Stati Uniti il 48% delle persone assume almeno un farmaco con regolarità, mentre l'11% assume cinque o più farmaci ogni mese. Particolarmente comune tra questi farmaci è il Vicodin, un antidolorifico oppiaceo che ora è il farmaco più comunemente prescritto negli Stati Uniti. Solo nel 2010 sono state scritte più di 130 mi (continua)