Home > Cultura > Il Tour Mondiale 2017 di Gioventù per i Diritti Umani

Il Tour Mondiale 2017 di Gioventù per i Diritti Umani

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Il Tour Mondiale 2017 di Gioventù per i Diritti Umani


Gioventù per i Diritti Umani, in inglese Youth for Human Rights International (abbreviato come YHRI) è un’organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 2001 dalla Dott.ssa Mary Shuttleworth, un’insegnante nata e cresciuta nel Sudafrica durante il periodo dell’apartheid, assistendo in prima persona agli effetti devastanti della discriminazione dovuta alla mancanza dei fondamentali diritti umani fondamentali.

Il Tour Mondiale didattico di Youth for Human Rights International (YHRI) del 2017, è iniziato in India a marzo e ha percorso 73.534 km in tutto il mondo prima del gran finale a Washington, USA, in maggio. La quattordicesima edizione del tour si è fermata in sei nazioni per eventi e incontri che includono tre Summit regionali di Gioventù per i Diritti Umani di enorme successo e di grande rilievo tenuti in India, Taiwan e Messico. E per la prima volta, il tour è arrivato in Irlanda e Israele.

La missione di Youth for Human Rights International è insegnare ai giovani i diritti umani basati sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. L'obiettivo finale dell'organizzazione internazionale è di ispirare le generazioni più giovani a diventare sostenitori della tolleranza e della pace man mano che diventano cittadini responsabili di questo mondo moderno. Il Tour Mondiale annuale presenta la campagna a nuove nazioni, città e associazioni; questo avviene per soddisfare la richiesta di programmi didattici, oppure tramite l’individuazione degli obiettivi dei diritti umani quali ad esempio il contrasto alla schiavitù moderna.

Gioventù per i Diritti Umani si ispira al pensiero del filosofo L. Ron Hubbard, che ha affermato: “I diritti umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico”. La campana è inoltre sostenuta dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard.

Nel corso degli ultimi 14 anni il Tour Mondiale ha viaggiato in più di 80 nazioni, raggiungendo oltre 10 milioni di persone. Le tappe del tour includono incontri con giovani, insegnanti e leader delle comunità oltre a funzionari governativi e dignitari che vanno dai re ai presidenti. Sono state formate alleanze, create nuove succursali e nominati ambasciatori internazionali. Cosa più importante, i giovani delegati si mettono in contatto con i loro coetanei di tutto il mondo, ricevono riconoscimenti per i loro notevoli contributi e comprendono il significativo impatto mondiale del loro lavoro.

Il tour del 2017 è iniziato a Nuova Delhi con il quinto Summit Regionale dell'Asia Meridionale. I quasi 200 partecipanti al summit comprendevano studenti provenienti da tutta l'India, come pure dal Bangladesh e dal Nepal. Vi hanno preso parte anche capi di governo, forze dell'ordine, insegnanti e rappresentanti di organizzazioni non governative, tra cui il famoso umanitario indiano Ravi Kalra, Presidente e Fondatore della Fondazione dei Salvatori della Terra. Nel corso del summit di tre giorni, singole persone e gruppi di YHRI hanno ricevuto riconoscimenti per il loro lavoro, i coetanei si sostenevano reciprocamente e i seminari trattavano argomenti per aiutare i partecipanti a migliorare le loro attività locali.

Israele è stato la tappa successiva del tour. Qui la missione era quella di stabilire una presenza più forte per YHRI alla luce dell'aumento del numero di rifugiati reinsediati. Le riunioni e l'addestramento hanno aiutato a dare slancio al movimento popolare e a consolidare le relazioni con i sostenitori, ad esempio un gruppo di richiedenti asilo sudanesi e il Centro Comunitario delle Donne Eritree. Inoltre, il tour ha tenuto una lezione sui diritti umani in un liceo arabo a Lod e la divulgazione oltre il confine ha procurato un invito formale a visitare la Palestina per incontrare funzionari di massimo grado.

Dublino era un'altra tappa significativa influenzata dalla crisi mondiale dei rifugiati. L'Irlanda ha sperimentato direttamente l’impatto del numero crescente di profughi e immigrati che si sono stabiliti nel paese. Perciò era il momento giusto per istituire un forte movimento riguardo i diritti umani diffondendo il programma della YHRI, sulla scia della Chiesa di Scientology che ha aperto un Ufficio degli Affari Nazionali nel cuore di Dublino. I giovani delegati dall'Irlanda hanno accolto i loro coetanei di Nigeria, Pakistan e Regno Unito, ognuno dei quali ha condiviso le loro esperienze. Niarnh King-Swords di tredici anni ha parlato della discriminazione religiosa contro un amico ebreo-rumeno nella sua scuola. Ellie Kisyombe ha raccontato il suo viaggio come profuga dal Mali. Elizabeth Sarumi dalla Nigeria ha fatto un discorso appassionato sull'importanza dei diritti umani attraverso la sua esperienza personale. Gli altri oratori principali del programma della giornata comprendevano l'Imam Raheeb Mirza della Società Musulmana Ahmidayyan, lo sceneggiatore Frank AJlen, e l'autore di bestseller e attore Glenn Gannon.

Il tour si è spostato fino in Nord America per la terza edizione del Summit Regionale di YHR latino-americano che si è tenuto ad Ajusco, sobborgo di Città del Messico. Ottanta giovani delegati in rappresentanza di 21 stati del Messico come pure Costa Rica, Guatemala e Venezuela sono stati affiancati da rappresentanti di grado più elevato di enti federali del Messico dedicati a questioni connesse ai diritti umani. Vi hanno preso parte anche amministratori scolastici, forze dell'ordine e leader giudiziari, rafforzando il grande progresso che YHRI ha fatto in Messico e America Latina in generale.

Il terzo e ultimo dei tre summit regionali ha avuto luogo a Taiwan, ospiti del Quinto Summit della Gioventù per i DirittiUmaniAsia-Pacifico2017. Il convegno di tre giorni si è svolto presso l'elegante Le Midi Hotel di Nantou. In particolare, il Ministero degli Affari Esteri, il Ministero della Giustizia e l'Ente Correzionale di Taiwan, come pure il Nuovo Dipartimento per l'Istruzione di Taipei erano tutti fortemente interessati alla definizione del programma, una dimostrazione dell'ampio sostegno che la campagna ha raccolto a livello federale.

I giovani delegati sono giunti dalla Colombia, India, Indonesia, Giappone, Malesia, Nepal, Thailandia e Taiwan, fornendo una vasta gamma di punti di vista. Più di 250 persone hanno partecipato al primo giorno del programma all'hotel, inclusi 20 rappresentanti dei media che ne hanno dato rilievo sulla stampa e in televisione. Un'altra conferenza è stata tenuta presso l'Università Medica della Cina di Taichung, dove YHR Taiwan ha ricevuto un riconoscimento da parte del Dipartimento per l'Istruzione dell'amministrazione comunale di Taichung. I volontari sono stati encomiati per il loro lavoro ed esortati a continuare a lottare per i diritti umani.

Cavalcando l'onda di energia positiva generata dal Summit Asia-Pacifico, il tour si è poi recato a Washington, USA, per la sesta e ultima tappa del Tour Mondiale del 2017. Più di 50 opinion leader hanno partecipato alla cerimonia di chiusura a Capitol Hill, in qualità di presentatrice l'attrice e attivista Marisol Nichols ha affascinato il pubblico. Ambasciatrice dei Diritti Umani, ha parlato delle sue battaglie per i diritti dei bambini, con particolare attenzione alla tratta di esseri umani. Ha usato la sua influenza come star per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla questione e ha coinvolto altre celebrità al fine di tutelare i diritti dei bambini.

Erano presenti rappresentanti di ambasciate internazionali e organizzazioni dei diritti umani; Mary Shuttleworth, Fondatrice della YHRI, ha ricevuto un'Onorificenza alla Carriera come Presidente del Servizio di Volontariato. Gli assistenti congressuali hanno dato riconoscimento ai gruppi di YHRI e a persone provenienti dalla Florida, California, Oregon e Washington, in aggiunta all'esteso riconoscimento del governo degli Stati Uniti, che includeva 23 dichiarazioni e lettere di supporto ricevute da sindaci, senatori e governatori.

Nel complesso, il Tour Mondiale del 2017 è stato un successo travolgente, ha rafforzato l'importanza del tour annuale e la continua espansione del programma di Gioventù per i Diritti Umani a livello internazionale. Inoltre, ha riunito i volontari e gli attivi nella campagna in una squadra globale unita nella lotta per i diritti umani fondamentali di ogni persona sul pianeta.


Fonte notizia: https://www.humanrights.com/


Scientology | Diritti Umani | ONU | L Ron Hubbard | Gioventù per i Diritti Umani |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


La Chiesa di Scientology per l’educazione sui Diritti Umani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”
Quando era bambina Maria Lara aveva deciso di portare un cambiamento nel suo amato paese, la Colombia: oggi con “La Via della Felicità” lo sta facendo. Maria Lara è un'attrice che ama profondamente il suo paese e ha lo scopo scopo umanitario di cambiarlo in meglio. Nata a Cartagena e cresciuta orgogliosa essere colombiana, ha vissuto gli anni della guerra civile, delle bande criminali, della droga e della violenza nel suo paese. "Ricordo di aver pianto per questo, e in quel momento ho detto: 'La Colombia darà una lezione al mondo'".Lara ha s (continua)

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa
70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” sono state distribuite all’inaugurazione del mandato del presidente Cyril Ramaphosa. All’inaugurazione del suo mandato, il 25 maggio 2019, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha promesso di affrontare la corruzione e rilanciare l'economia in difficoltà del paese. Per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi e garantire una celebrazione pacifica, i volontari e gli agenti di polizia hanno distribuito circa 70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” alla folla che er (continua)

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali
Le statistiche USA evidenziano un aumento degli incidenti mortali negli stati in cui la marijuana è stata legalizzata. L’idea comune è che la marijuana è una “droga leggera” e che “di marijuana non si muore”. Se è vero che l’overdose è molto rara, è altrettanto vero che è statisticamente provato che l’abuso di cannabis incrementa gli incidenti stradali. L’istituto no-profit IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) ha effettuato una ricerca indipendente per cercare di comprendere la relazione tra uso d (continua)

LSD e violenza

LSD e violenza
La droga allucinogena LSD non è solo pericolosa per gli irreversibili danni che causa alla mente, ma anche per gli atti di violenza che a volte compiono chi ne fa uso. L’allucinogeno per eccellenza, l’LSD, reso popolare negli anni ’60 e ’70 dalla cultura hippie, causa potenti allucinazioni e altera lo stato mentale spesso in modo permanente. Sono molti quelli che, molti anni dopo averne fatto uso, sperimentano di nuovo allucinazioni e disagio mentale. Si tratta di nuovi “trip” causati da molecole di LSD rimaste intrappolate nel tessuto grasso che improvvisa (continua)