Home > Cultura > Una recente sentenza della Cassazione rimette in discussione lo smercio di “cannabis light”

Una recente sentenza della Cassazione rimette in discussione lo smercio di “cannabis light”

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Una recente sentenza della Cassazione rimette in discussione lo smercio di “cannabis light”


Nel maggio 2019 una prima della sentenza della cassazione stabiliva che la vendita al pubblico della cannabis costituisce reato in ogni caso, includendo quindi la “cannabis light”. Ricordiamo che la cannabis light è quella con un contenuto di THC (l’allucinogeno contenuto nella marijuana) inferiore allo 0.6%.

Una nuova sentenza della Corte di Cassazione ora ribadisce che la cannabis light in commercio va sequestrata, a meno che non si possa provare che non abbia “efficacia drogante”. E la cannabis light, sebbene più “leggera” di quella “normale”, efficacia drogante ce l’ha.

Inoltre bisogna comprendere due fatti fondamentali:

1)      La soglia dello 0.6% è stabilita per la il prodotto coltivato, non per quello commercializzato sotto forma di sigaretta, torta, lecca lecca, cioccolatino, birra, ecc. quindi il prodotto in commercio, dopo la lavorazione, potrebbe benissimo superare la soglia;

2)      Non è né difficile né impossibile acquistare una maggiore quantità di cannabis light e, con modalità fai-da-te, aumentare la concentrazione in modo da ottenere un nuovo prodotto con caratteristiche simili a quelle illegali.

Non è da trascurare, a nostro giudizio, un terzo fattore: è opportuno o educativo abituare i giovani a prodotti a base di cannabis? In futuro prossimo potrebbe essere completamente legale (come in diversi stati degli USA) e quindi sarebbero molti di più quelli desiderosi di provare la cannabis “quella vera”. Vogliamo veramente far abituare i nostri giovani alla droga? Far loro credere che sia una cosa normale e accettabile?

Ricordiamo inoltre i noti test della rivista “Quattroruote” che ha comparato le capacità al volante di chi aveva assunto cannabis light e di chi era invece sobrio: tempi di reazione allungati, errori in frenata, falsi allarmi, percezione distorta della velocità. È Bene sottolineare che tutti questi effetti vanno classificati come “allucinazioni”, cioè distorsioni della percezione spazio-temporale.

La Chiesa di Scientology ha sempre pensato che la strada più giusta per risolvere il problema planetario dell’uso di droga, sia la prevenzione. La Chiesa sostiene infatti la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga”, associazione che organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole informativi sugli effetti dannosi degli stupefacenti. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | Cannabis light | Cassazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Tavolini da salotto TEAM 7: funzionalità e stile in legno naturale


#IoColtivo, al via la campagna di disobbedienza civile pro cannabis


#AVVOCATO #STUDIO LEGALE #RESPONSABILITA' MEDICA


NESSUN INDENNIZZO A #RAFFAELE #SOLLECITO


concorso esterno in associazione mafiosa


Alfredo Romeo: La Cassazione rende nulli tutti i provvedimenti | Romeo Gestioni


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”
Quando era bambina Maria Lara aveva deciso di portare un cambiamento nel suo amato paese, la Colombia: oggi con “La Via della Felicità” lo sta facendo. Maria Lara è un'attrice che ama profondamente il suo paese e ha lo scopo scopo umanitario di cambiarlo in meglio. Nata a Cartagena e cresciuta orgogliosa essere colombiana, ha vissuto gli anni della guerra civile, delle bande criminali, della droga e della violenza nel suo paese. "Ricordo di aver pianto per questo, e in quel momento ho detto: 'La Colombia darà una lezione al mondo'".Lara ha s (continua)

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa
70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” sono state distribuite all’inaugurazione del mandato del presidente Cyril Ramaphosa. All’inaugurazione del suo mandato, il 25 maggio 2019, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha promesso di affrontare la corruzione e rilanciare l'economia in difficoltà del paese. Per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi e garantire una celebrazione pacifica, i volontari e gli agenti di polizia hanno distribuito circa 70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” alla folla che er (continua)

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali
Le statistiche USA evidenziano un aumento degli incidenti mortali negli stati in cui la marijuana è stata legalizzata. L’idea comune è che la marijuana è una “droga leggera” e che “di marijuana non si muore”. Se è vero che l’overdose è molto rara, è altrettanto vero che è statisticamente provato che l’abuso di cannabis incrementa gli incidenti stradali. L’istituto no-profit IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) ha effettuato una ricerca indipendente per cercare di comprendere la relazione tra uso d (continua)

LSD e violenza

LSD e violenza
La droga allucinogena LSD non è solo pericolosa per gli irreversibili danni che causa alla mente, ma anche per gli atti di violenza che a volte compiono chi ne fa uso. L’allucinogeno per eccellenza, l’LSD, reso popolare negli anni ’60 e ’70 dalla cultura hippie, causa potenti allucinazioni e altera lo stato mentale spesso in modo permanente. Sono molti quelli che, molti anni dopo averne fatto uso, sperimentano di nuovo allucinazioni e disagio mentale. Si tratta di nuovi “trip” causati da molecole di LSD rimaste intrappolate nel tessuto grasso che improvvisa (continua)