Home > Cultura > Antonio Caputo, Giorgio Ferretti, Michael Peddio - Chronos

Antonio Caputo, Giorgio Ferretti, Michael Peddio - Chronos

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Antonio Caputo, Giorgio Ferretti, Michael Peddio - Chronos


 Alla Galleria Reggio Arte ReArt (Viale Umberto I, 42/B – Reggio Emilia), tre artisti affrontano il tema del tempo, tra epifanie, visioni, rimandi mitologici e riflessioni sulla caducità della vita. Curata da Giuseppe Berti con opere di Antonio Caputo, Giorgio Ferretti, Michael Peddio, l’esposizione, intitolata “Chronos”, sarà inaugurata sabato 30 novembre alle ore 17. 30.

Il percorso della mostra comprende una trentina di opere, molte delle quali inedite. «Pur frequentando differenti territori formali – scrive il curatore – i tre artisti condividono il piacere di farsi sedurre dalla pittura grazie ad una vivace e inquieta curiosità dello sguardo; che li porta ad agire su una mobile frontiera di emozioni e di sensazioni in cui figure, cose e “paesaggi” oscillano tra rêverie e realismo, quest’ultimo però insidiato da forti sensi di straniamento».
Fulcro della ricerca pittorica di Antonio Caputo è la figura umana, delineata con minuziosa precisione e segno tagliente a partire da una tavolozza cromatica caratterizzata da colori freddi e metallici che si stagliano netti su un fondo monocromo di livido azzurro crepuscolare.
Colori notturni ed inquieti impregnano le tele di Giorgio Ferretti, abitate da soldi corpi di donne che, pur sfidando l’osservatore attraverso la loro nuda bellezza, sembrano sottrarsi al facile stereotipo del glamour, dello charme ammiccante e cedevole.
Di colori luminosi ed accesi si avvale, invece, Michael Peddio che, attraverso una pittura densa e stratificata, fa emergere i profili di animali preistorici. La memoria corre, allora, al fascino immortale delle pitture rupestri, dalle grotte di Lascaux alle rocce di Tassili-n-Ajjer, nel Sahara centrale.
La mostra sarà visitabile fino al 20 dicembre 2019, da martedì a venerdì ore 9.30-13.00 e 16.30-19.30, sabato ore 9.30-13.00 oppure su appuntamento. Ingresso libero. Per informazioni: cell. 370 3462813, spazioreart@gmail.com, www.belleartisupplies.com, www.facebook.com/ReArtBelleArti.
 
Antonio Caputo nasce a Lamezia Terme nel 1976. Nel 1995 si diploma all’Accademia di Belle Arti di Urbino con una tesi su Omar Galliani. Insieme a Bruno D’Arcevia (esponente degli Anacronisti e caposcuola della Nuova Maniera Italiana), realizza diversi affreschi e pale d’altare. Vincitore del bando “Atelier d’Artista”, istituito dal Comune di Lamezia Terme, nel 2011 ottiene uno studio nello storico Palazzo delle Arti Panariti. Tra le recenti mostre si segnalano la “Biennale d’Arte di Verona” (Verona, 2014, selezione di Vittorio Sgarbi), la collettiva allestita all’interno del Palazzo Ducale di Rivalta (Reggio Emilia, 2018) e la bi-personale con Cetti Tumminia “Di-segno in-segno” (Spazio Culturale Madonna del Corso, Maranello, 2019).
Giorgio Ferretti nasce a Reggio Emilia nel 1971. Parallelamente alla laurea in Ingegneria, coltiva la passione per il disegno e per la pittura, ereditata dal padre. Dal 1996 al 1999 segue un corso avanzato di tecniche pittoriche. Tra le principali esposizioni, si segnalano le personali “Neonatalia” (Galleria D’arte 18, Bologna, 2007, a cura di Francesca Baboni), “Weiblich” (Il Vizietto, Sassuolo, Modena, 2010), “Hesperus” (Galleria Reggio Arte ReArt, Reggio Emilia, 2018, a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei). È risultato tra i finalisti del “Premio Arte Mondadori” nel 2002, 2005, 2011 e del “Reart Prize Palazzo Ducale 2019”. Con la Galleria Reggio Arte ReArt partecipa ad “Arte Padova” (2018) e “Arte Parma” (2019). Vive e lavora a Reggio Emilia.
Michale Peddio, nato a Reggio Emilia nel 1974, eredita la passione per l’arte dal padre Riccardo. Poco più che trentenne, incontra il pittore macchiaiolo Teobaldo Cattini, che gli apre le porte della pittura. Nel 2012 conosce l’artista Barbara Nicoletto, sua attuale compagna, con la quale gestiste la Galleria Reggio Arte ReArt. Tra le principali esposizioni si segnalano “Le mers e le mond lontains” (Sala Civica, Campegine, 2015), “Il Museo in Vetrina” (Ca’ dei Carraresi, Treviso, 2016) e “500 Leonardo Forever – Cinquecentenario su Leonardo” (Tecnopolo, Reggio Emilia, 2019). Con la Galleria Reggio Arte ReArt partecipa ad “Arte Padova” (2018) e “Arte Parma” (2019). Vive e lavora a Reggio Emilia.
 

Fonte notizia: http://www.belleartisupplies.com


Antonio Caputo | Giorgio Ferretti | Michael Peddio | Giuseppe berti | Reggio Arte ReArt | arte contemporanea | pittura |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Gafinforma: seconda tappa a Napoli il 23 aprile 2013. Ga.Fi. Sud e UniCredit insieme al servizio delle imprese


Sognando New York: Vacanze romane di Giuseppe Lepore per Tonino Caputo


Successo al Pizza Village per il “XVIII Campionato del Mondo dei Pizzaiuoli” e il “Trofeo delle Nazioni”


Un pan di zucchero per San Gennaro


Al via i Casting per V#ashtag


Un anno di ulteriori successi per l’ADA. Al via nel 2020 la riforma dello Statuto


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

JACQUES TOUSSAINT. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987

JACQUES TOUSSAINT. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987
Arte e design al CAMeC della Spezia con la mostra monografica "Jacques Toussaint. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987", a cura di Giosuè Allegrini e Marzia Ratti. In esposizione, circa sessanta opere dell'artista-designer francese, residente in Italia ormai da più di cinquant'anni. Arte e design al CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia che, dal 28 ottobre 2021 al 27 febbraio 2021, ospiterà la mostra monografica Jacques Toussaint. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987, a cura di Giosuè Allegrini e Marzia Ratti, con circa sessanta opere dell’artista-designer francese, residente in Italia ormai da più di cinquant’anni. L’esposizione, che sarà aper (continua)

Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono

Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono
I temi cari del Movimento romantico indagati da una cinquantina di artisti contemporanei che propongono nuovi percorsi di ricerca attraverso "Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono", collettiva in sei atti alla scoperta di luoghi storici e sedi museali in provincia di Modena. Nella provincia “romantica” di Modena, che tra la fine del ‘700 e per tutto l’800 ha vissuto un periodo di forte sviluppo culturale attraverso le arti e l’archeologia, andrà in scena, dal 17 ottobre 2021 al 16 gennaio 2022, “Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono”, esposizione collettiva in sei atti che condurrà lo spettatore alla scoperta delle sedi museali e dei teso (continua)

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione
Un confronto tra la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurativi contemporanei, dove Giotto è il campione di una rivoluzione lenta ma dirompente che porta l’immagine a dire parole universali. Il Museo “Amedeo Lia”della Spezia ospita, dal 2 ottobre al 19 dicembre 2021, “Dante e Giotto. Dialogo e suggestione”, a cura di Andrea Marmori e Francesca Giorgi. L’esposizione, promossa dal Comune della Spezia, si inserisce nelle celebrazioni dantesche, ponendo a confronto la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurati (continua)

Claudio Olivieri. Infinito visibile

Claudio Olivieri. Infinito visibile
Prima mostra istituzionale allestita dopo la scomparsa di Claudio Olivieri, "Infinito visibile" comprende una trentina di opere, tra olii su tela e tecniche miste su carta, tutte di proprietà dell'Archivio Claudio Olivieri. L’attività dell’Archivio Claudio Olivieri si apre con la mostra “Infinito visibile”, ospitata dall’8 ottobre (opening ore 17.00-19.15) al 21 novembre 2021 all’interno della Galleria Arte Contemporanea di Palazzo Ducale di Mantova, città nella quale l’artista ha trascorso l’infanzia. Prima mostra istituzionale allestita dopo la scomparsa di Claudio Olivieri (Roma, 1934 - Milano, 2019), “Inf (continua)

Omar Galliani. Il disegno non ha tempo

Omar Galliani. Il disegno non ha tempo
Il grande disegno di Omar Galliani in mostra al Museo Marca di Catanzaro Il Museo MARCA di Catanzaro ospita la grande personale di Omar Galliani “Il disegno non ha tempo”, a cura di Vera Agosti, dal 9 ottobre al 31 dicembre 2021. La frase emblematica, scelta per il titolo dell’esposizione, sottolinea l’eternità del disegno, data dalla forza dell’opera. Omar Galliani è un maestro della pratica artistica, conosciuto a livello internazionale, che vanta in parti (continua)