Home > Primo Piano > IL BISTURI DELLA FELICITA’, SEGRETI E RETROSCENA PER VIVERE BELLI……E FELICI

IL BISTURI DELLA FELICITA’, SEGRETI E RETROSCENA PER VIVERE BELLI……E FELICI

scritto da: Andrea.gentili1a@libero.it | segnala un abuso

IL BISTURI DELLA FELICITA’, SEGRETI E RETROSCENA PER VIVERE BELLI……E FELICI


Silvio Smeraglia è un chirurgo plastico amante della bellezza nel suo significato più vero, dell’armonia e del gusto, argomenti questi che apertamente sostiene ritenendo il corpo umano assolutamente simile ad un patrimonio artistico che deve essere tutelato. Sotto questo punto di vista è un’artista che, all’occorrenza ( c’è veramente molta occorrenza ), riesce a modellare un corpo umano proprio come hanno saputo fare gli artisti, i pittori, gli scultori che ci hanno preceduto realizzando opere d’arte dal valore immortale; lui non usa scalpelli o pennelli, usa il bisturi per realizzare forme piacevoli con una estetica dal valore di universale perché sa esattamente interpretare il concetto del bello applicandolo alle sue realizzazioni di stampo chirurgico. E lo fa verso tutte e tutti, donne e uomini, belli e brutti, più o meno piacevoli, soddisfacendo le esigenze di tutti coloro che si affidano alle sue preziose mani realizzando i sogni di chi mira quasi ad una forma di immortalità. E si, perché il bello, nell’arte e nella natura, deve essere protetto, mantenuto, esaltato perché è un concetto legato all’universalità. E così chi non è o non si sente bello può agevolmente affidarsi al dott. Silvio per migliorarsi, non per “ rifarsi “ ma per evitare, eliminare, ridurre quei difetti che Madre Natura, con il trascorrere del tempo, ci affibbia o che, dalla nascita, ci ha particolarmente caratterizzati. Insomma, Silvio Smeraglia oltre che un eccellente chirurgo estetico, è anche un divulgatore della bellezza: ha anche presentato un suo “ trattato “ sulla bellezza chirurgicamente intesa per evidenziare che non è sufficiente andare dal chirurgo per “ sistemarsi “ ma bisogna andare dal chirurgo per essere consigliati sul da farsi. Il suo consiglio vale, è lui ad affermarlo, in particolar modo per le donne che temono di non essere, o di non essere più, attenzionate dall’ambiente esterno o che hanno paura di sottoporsi all’azione del bisturi perché da loro ritenuta azione fisicamente dolorosa: niente di più sbagliato perché Smeraglia promette, ed attesta per iscritto, che la sua azione è assolutamente indolore. D’altronde, le attrezzature e la location mostrata nel pregevole filmato proiettato in sala e che ha mostrato l’eccellenza della sua clinica di Napoli, la Luxuri Clinica, hanno ampiamente dimostrato la competenza di Smeraglia e del suo addestratissimo staff. Particolarmente delicata è l’azione di questo Maestro del bisturi verso i giovani afflitti da un qualche difetto, nella consapevolezza che eliminare qualcuno, vero o presunto, li aiuta a vivere meglio liberando la loro anima da quei problemi esistenziali che possono affliggerli. Il suo libro “ Il bisturi della Felicità “ che ha visto recentemente la luce per i tipi di Male Edizioni, è stato presentato nel corso di un affollata conferenza stampa al Circolo Canottieri Roma, presenti vari altri esimi colleghi dell’autore ( Francesco Tassone, specialista tricologo del Policlinico Gemelli, la senatrice Maria Rizzotti anch’essa dermatologa e addirittura un monumento alla bellezza, Ornella Muti che non ha nascosto le sue “simpatie” verso l’operato del professor Smeraglia. Hanno preso parte alla conferenza sollevando interessanti domande Natalie Caldonazzo, Nicola Pietrangeli, Antonio Zequila: quest’ultimo ha esposto all’autore domande in ordine al trattamento di blefarofagia al quale ha espressamente dichiarato di essersi sottoposto. Anche alcune giornaliste presenti hanno preso parte alla simpatica discussione: Cristina Zecca ha chiesto al professore come abbia potuto realizzare il miracolo di intervenire in forma indolore e Smeraglia ha sinteticamente esposto il suo metodo; altro intervento molto pregnante è stato quello della giornalista e conduttrice Miriam Fecchi. Dalla conferenza è emerso che l’età più adatta ai trattamenti è senz’altro quella giovanile e, per la rinoplastica, è quella che il chirurgo, sulla base dei sintomi funzionali denunciati da paziente, ritiene essere la migliore, con la precisazione, ovvia, che in caso di fratture del setto nasale o di particolari difetti che influiscano sulla respirazione non c’è un’età particolare ma bisogna intervenire al momento. Altri argomenti trattai dal professore Smeraglia ed affrontati con simpatica disinvoltura ma anche seguiti con molto interesse dai presenti sono stati quelli relativi agli interventi ai glutei ed ai genitali ( sia maschili che femminili ). Il libro che forma oggetto di rivelazioni su come ottenere e mantenere la bellezza è di facile ed agevole lettura anche se assume gli aspetti di un mini trattato sul modus operandi per affrontare i più svariati metodi e necessità di intervento, tanto estetici che ricostruttivi. Il bisturi della felicità di Silvio Smeraglia Male Edizioni, Roma Pagine 115 Prefazione di Vittorio Sgarbi

CHIRURGIAESTETICA | SILVIOSMERAGLIA | ORNELLAMUTI |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Presentato con successo il libro di Don Franco Galeone


LA NUOVA REALTÀ DEL 2022: BELLE SENZA BISTURI


La Via della Felicità, la campagna sociale per il ripristino del codice morale


On Line il kit gratuito di La Via della Felicita


“Da’ il buon esempio” crea un effetto a catena.


Corso Gratuito Online La Via della Felicità


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La Grande Storia raccontata ai ragazzi: “Ascolta Israele “ al teatro Cometa Off

La Grande Storia raccontata ai ragazzi: “Ascolta Israele “ al teatro Cometa Off
La Compagnia Teatro A e Valeria Freiberg; raffinata regista, mettono in scena uno spettacolo che l’Associazione “Ariadne” propone dal 28 al 31 gennaio al teatro Cometa Off in occasione della celebrazione del giorno della memoria: “ Ascolta, Israele “, una narrazione documentaristica, un tentativo artistico di trovare un’identificazione della realtà scenica con la realtà storica. Sulla scena sp (continua)

Cocktail per tre, con Franco Oppini al Teatro Marconi di Roma il 23 gennaio

Cocktail per tre, con Franco Oppini al Teatro Marconi di Roma il 23 gennaio
Rientra Franco Oppini con un Giovedì 23 gennaio ’20 alle ore 21.00 al Teatro Marconi debutterà in prima nazionale, rappresentato per la prima volta in Italia lo spettacolo “Cocktail per tre” (nel titolo originale Caprichos) per la regia di Marco Belocchi, tradotto da Pino Tierno. In scena Franco Oppini, Miriam Mesturino e Marco Belocchi. Cocktail per tre (nel titolo originale Caprichos) è una (continua)

Marilù Manzini si presenta anche come regista a Capri Hollywood 2019

Marilù Manzini si presenta anche come regista a Capri Hollywood 2019
Marilù S. Manzini è una scrittrice di successo, pittrice, scultrice, fotografa e, recentemente, regista di un film, in uscita nei prossimi mesi, tratto da un suo noto libro: “Il Quaderno Nero dell’Amore” della Rizzoli che ha costituito un vero e proprio “casus editoriale “ con oltre 100.000 copie vendute; la Manzini è anche autrice di un altro successo editoriale: “Io Non Chiedo Permesso”. Dopo (continua)

"IO SENZA TE...TU SENZA ME" di Mariangela Petruzzelli al Teatro Studio Keiros


Nell’ambito del Festival “ Il teatro che non c’era, ho bisogno di sentimenti” che si svolgerà fino al prossimo 15 dicembre al Teatro Studio Keiros, Mariangela Petruzzelli rappresenterà, in prima nazionale, ( interpreti Carmen Piccolo e Tiziano Ferracci ), la sua ultima fatica: “ IO SENZA TE… TU SENZA ME “. E’ uno spettacolo di parola intimo ed intenso, frutto di una drammaturgia lineare e “senti (continua)

Lanciato il progetto “ Umbria Charme “per una vacanza di lusso in Umbria

Lanciato il progetto “ Umbria Charme “per una vacanza di lusso in Umbria
Il progetto Umbria Charme prende forma dalla volontà di UmbriaBenessere e Umbria Convention & Events Bureau di creare, per il turista più esigente e attento, una casa lontano da casa, dove il concetto di hotel sparisce per lasciare spazio ad un’accoglienza familiare. Attenzione al dettaglio, capacità di emozionare e di offrire un’esperienza davvero irripetibile sono, però, le parole d’ordine delle (continua)