Home > Arte e restauro > La pittrice Campey riceve il Premio città di Budapest

La pittrice Campey riceve il Premio città di Budapest

scritto da: Sirflavio | segnala un abuso

La pittrice Campey riceve il Premio città di Budapest


Ed è ancora protagonista su uno scenario internazionale la pittrice Ester Campese che in arte si firma Campey la quale ritira il “Premio internazionale Città di Budapest” nell’ambito dell’importante manifestazione cosmopolita “Biennale Internazionale dell’Est” . L’Est Europeo è un luogo stimolante e prestigioso in continua crescita sia artistica che economica e senza dubbio la nota pittrice Ester Campese è ben collocata in tale ambito essendo lei stessa espressione artistica cosmopolita oltre che elegante e raffinata pittrice che si è da tempo distinta attraverso le sue opere nel panorama artistico contemporaneo. Questo ulteriore prestigioso riconoscimento che viene tributato a Campey si aggiunge già a i tanti che l’artista ha ottenuto nel corso della sua acclarata carriera, i cui vari direttori artistici, critici ed addetti ai lavori le riconoscono per “aver saputo valorizzare l’arte e la creatività italiana in Europa”. La pittrice delle donne All’artista Ester Campese, da tempo soprannominata “la pittrice delle donne” per la sua predilezione nel dipingere soggetti femminili, viene da tempo riconosciuta la sua valenza raffinata e la sua continua ed incessante ricerca artistica indispensabile nel nostro tempo che è testimonianza reale e tangibile di evoluzione e crescita culturale” per tutti. Per questo tra i molti premi riconosciutole ce ne sono diversi che testimoniano sia il suo impegno profuso senza sosta nell’ambito artistico, ma non di meno in quello culturale avendo avuto la capacità di attuare e coniugare fattivamente la sua capacità di andare oltre i canoni del comune pensare, contribuendo in tal modo nella creazione di nuove esperienze che concorrono a catalizzare un cambiamento positivo non solo in Europa ma anche nel mondo”. Ester Campese infatti si è naturalmente fatta latrice di messaggi positivi immediati o indiretti attraverso il suo linguaggio che propone con le sue opere in quel suo stile artistico certamente riconducibile all’impressionismo moderno, ma anche talora al concettualismo, al filone intellettuale teorico ed introspettivo. Lei stessa ha avuto modo di dichiarare che nelle sue opere “amo trasferire un concetto, un’emozione, che vada al di là della pura immagine riprodotta. Questo mi è stato riscontrato da diversi critici e storici d’arte che hanno potuto osservare ed apprezzare i miei lavori”. Nel seguito uno stralcio della critica della Dott.ssa Finicelli storica d’arte “…una pittura concettuale dove la rappresentazione del reale è strumentale a un significato simbolico che va al di là di quanto rappresentato. L’approccio alla pittura della Campese è di tipo contemplativo, ogni elemento è tramite verso un discorso più profondo che va indagato nelle sue molteplici implicazioni”. Campey ha esposto in tutto il mondo nel corso nella sua fulgida carriera ancora in ascesa e attivissima. Ricordiamo solo alcune città in cui è stata presente Miami, Osaka, Dubay e New York, mentre in Europa Parigi, Montmartre, Londra, Barcellona e non da ultima Mosca dove questo autunno ha esposto all’ “Art Exibition Moscow 2019” e dal 22 al 27 alla Galleria Pintér di Budapest. Un curriculum ineccepibile, di tutto rispetto, consolidato nel tempo e che passo dopo passo si arricchisce di nuovi prestigiosi riconoscimenti. Un’artista che è oggi anche orgoglio italiano e degno talento artistico del “Bel Paese” e rappresentante della nostra bella Patria in Italia e nel mondo.

cultura arte campey pittira budapeste premio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

agoda.com corre a Budapest per il Gran Premio di F1


agoda.com prende parte al Festival invernale di Budapest con notti gratuite ed accesso alle spa


Le tariffe last minute di agoda.it per il Gran Premio di F1 di Budapest a partire da 53 Euro a notte


Top 10 agoda.it dei migliori hotel con Spa in Ungheria


INTERVISTA DI ESTER CAMPESE ( CAMPEY )


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ESTER CAMPESE: L'ARTE AI TEMPI DEL CORONA VIRUS

ESTER CAMPESE: L'ARTE AI TEMPI DEL CORONA VIRUS
 La pittrice Campey rivela come l’arte in questo periodo storico molto delicato per il nostro Paese le stia dando un’enorme sollievo. Campey, pseudonimo di Ester Campese, ci aiuta a comprendere che non possiamo permettere alla paura e all’isolamento di annientare i nostri sogni, e ci invita ad andare avanti coltivando le nostre passioni.   Ester Ester in questo peri (continua)

MICHELE PIAGNO INTRATTIENE LO ZOO DI 105 CON IL DRINK "MARKETTA"

MICHELE PIAGNO INTRATTIENE LO ZOO DI 105 CON IL DRINK
  Pippo Palmieri è il conduttore radiofonico de Lo zoo di 105 in onda su Radio 105 ci svela qual è abitualmente il drink che gradisce quando organizza una serata con i colleghi. SI chiama Marketta  e lo ha realizzato per loro il Bartender, guru della mixology italiana, Michele Piagno. L’amicizia tra Michele e Pippo nasce molto tempo fa quando il dj soprannomin&ograv (continua)

Lucia Bramieri e Manila Gorio fanno Il Punto della situazione

Lucia Bramieri e Manila Gorio fanno Il Punto della situazione
 Parole piuttosto forti quelle pronunciate da Lucia Bramieri durante l’ultima puntata de “IL PUNTO”, il programma di successo di Manila Gorio scritto con Flavio Iacones. La protagonista del salotto televisivo di Barbara d'Urso, Pomeriggio cinque, nonchè concorrente del Grande Fratello Nip del 2018, non ci sta e commenta a gran voce la poca rilevanza che la tv italian (continua)

Ester Campese e Leonardo Da Vinci a spasso nel tempo

Ester Campese e Leonardo Da Vinci a spasso nel tempo
 Ester Campese, la pittrice nota al pubblico come Campey, si è ritagliata in maniera egregia un suo spazio all'interno di una mostra inaugurata a Milano presso il Palazzo Morando in onore di Leonardo Da Vinci in occasione dei 500 anni dalla morte dell’artista de La Gioconda. “Leonardo – Prigioniero del volo” è una collettiva che raduna diversi stilisti, p (continua)

Daniele Pacchiarotti dipinge l'iconica Roselyne Mirialachi

Daniele Pacchiarotti dipinge l'iconica Roselyne Mirialachi
 Una festa memorabile in un’atmosfera fatata, e la protagonista, la festeggiata (avvolta in uno splendido abito firmato Celli) è stata l’elegantissima e bellissima Roselyne Mirialachi che ha accolto insieme al suo inseparabile compagno Emile Amicucci ben 150 ospiti nella splendida Villa Parco della Vittoria di Roma. Roselyne icona di stile della mondanità (continua)