Home > Internet > I brand soffrono le conseguenze indesiderate del GDPR, come rivela uno studio di MarkMonitor

I brand soffrono le conseguenze indesiderate del GDPR, come rivela uno studio di MarkMonitor

scritto da: Shin | segnala un abuso

I brand soffrono le conseguenze indesiderate del GDPR, come rivela uno studio di MarkMonitor


 

La strategia di gestione dei domini e la protezione del brand sono interessate da questioni politiche e nuove normative

Quasi sei marketer su 10 (58%) affermano che il GDPR ha avuto un forte impatto sul loro approccio alla gestione dei domini e alla loro sicurezza, e quasi un terzo (31%) afferma lo stesso per quanto riguarda la Brexit. Questo è ciò che emerge dal recente report internazionale pubblicato da MarkMonitor, società di Clarivate Analytics specializzata nella protezione del brand aziendale.

Dall’entrata in vigore del GDPR il 28% dei brand ha dovuto richiedere l’assistenza di consulenza esterna per rendere conforme alla normativa le proprie strategie, il 20% non è ancora sicuro di quale sarà l’impatto sul proprio business e il 18% ha affermato di trovare ancora più difficoltà nel combattere le violazioni.

Al contrario, la Brexit non ha avuto un impatto così forte come il GDPR. Il 61% degli intervistati ha infatti dichiarato che la Brexit non ha avuto alcun impatto sulla propria strategia di dominio, mentre il 25% ha dichiarato di rivalutare la propria strategia .eu. Questo dato è inaspettato, dal momento che EURid, gestore del registro del dominio di primo livello .eu, ha informato le aziende del Regno Unito che, nel caso di un No deal Brexit, non potranno più registrare nuovi domini .EU o rinnovare quelli già esistenti.

In questo contesto, il 38% degli intervistati ha affermato che l'aumento delle minacce informatiche ha cambiato o sta modificando la propria strategia di dominio. Questa cifra evidenzia la crescente importanza della sicurezza, poiché il 18% dei marketer sostiene di aver subito un attacco informatico diretto al proprio dominio. In questo scenario resta come priorità assoluta nella gestione dei domini la massimizzazione del traffico mentre la sicurezza si colloca al secondo posto.

Allo stesso modo, il 62% dei marketer afferma che la motivazione principale alla base della propria strategia di registrazione di un dominio è il lancio di nuovi prodotti e servizi, e solo il 23% afferma di effettuare registrazioni allo scopo di attenuare l'abuso del brand.

"Lo spazio dei domini sta evolvendo costantemente, influenzato dal mutevole panorama delle minacce informatiche, dagli sviluppi politici e normativi e dall'introduzione di nuovi domini, come i domini generici di primo livello (gTLD) o le estensioni del brand. Pertanto, è essenziale che i brand si concentrino sulla protezione e sulla gestione del proprio portafoglio di domini”, afferma Chrissie Jamieson, VP marketing di MarkMonitor.

"I risultati della ricerca mostrano che i brand, e i marketer in particolare, sono consapevoli dell'importanza di questi fattori e di come possano influenzare la gestione dei domini, nonostante qualche incongruenza nel modo in cui questa viene effettuata.”

È stato chiesto ai marketer quale tipo di approccio stiano utilizzando per la gestione dei domini; molti di loro affermano che la propria organizzazione si stia muovendo a compartimenti stagni ammettendo che la responsabilità è affidata a un solo dipartimento, e di come in alcuni casi, la responsabilità ricada su di un solo dipendente.

Il 27% dei marketer afferma che è il loro dipartimento ad essere responsabile della gestione dei domini, seguito dall'IT (27%) e dalle operazioni (12%). Solo il 22% dei brand conferma l’approccio combinato utilizzato dalla propria azienda.

Jamieson ha concluso: "I domini costituiscono il nucleo centrale dell'identità del brand, per questo le implicazioni di un attacco di dominio possono essere catastrofiche. Di conseguenza, la gestione e la sicurezza dei domini è fondamentale e dovrebbe essere un focus collaborativo in tutta l'azienda. Inoltre, la gestione dei domini dovrebbe costituire la base della protezione del brand online".

La ricerca è stata commissionata da MarkMonitor e condotta dalla società di ricerca indipendente Vitreous World. Il campione è composto da 700 decision maker nei settori marketing legale e IT provenienti da Italia, Francia, Germania, Stati Uniti e Regno Unito. Le interviste sono state condotte online nell'aprile 2019.

Per scaricare il report completo clicca qui.

MarkMonitor

MarkMonitor, azienda specializzata nella protezione del brand e marchio di punta di Clarivate Analytics, fornisce la tecnologia avanzata e l'esperienza necessaria al fine di protegge i ricavi e la reputazione dei brand leader a livello mondiale. Nel mondo digitale, i brand devono affrontare nuovi rischi dovuti all’anonimato del web, alla portata globale e al cambiamento dei modelli di consumo per i contenuti digitali, beni e servizi. I clienti scelgono MarkMonitor per la sua combinazione unica di tecnologia avanzata, protezione completa ed estese relazioni industriali per affrontare i rischi di violazione del brand e preservare i loro investimenti di marketing, i ricavi e la fiducia dei clienti. Per ulteriori informazioni, visitare il sito markmonitor.com.

 

Clarivate Analytics

Clarivate Analytics è leader globale nel fornire approfondimenti e analisi affidabili per accelerare il ritmo dell'innovazione. Basandoci su un patrimonio che risale a più di un secolo e mezzo, abbiamo costruito alcuni dei brand più affidabili attraverso il ciclo di vita dell'innovazione, tra cui Web of Science, Cortellis, Derwent, CompuMark, MarkMonitor e Techstreet. Oggi, Clarivate Analytics è una società nuova e indipendente con una coraggiosa missione imprenditoriale, per aiutare i clienti a ridurre radicalmente il tempo dalle nuove idee alle innovazioni che cambiano la vita. Per ulteriori informazioni, visitare clarivate.com.

 

Forward-Looking Statements

Questo comunicato stampa e dichiarazioni verbali rese in relazione alle informazioni contenute in questo comunicato possono contenere dichiarazioni previsionali riguardanti Clarivate Analytics. Le dichiarazioni lungimiranti forniscono le attuali aspettative o previsioni di eventi futuri di Clarivate Analytics e possono includere dichiarazioni relative a sinergie anticipate e aspettative future. Queste dichiarazioni implicano rischi e incertezze, inclusi fattori al di fuori del controllo di Clarivate Analytics che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente. Clarivate Analytics non si assume alcun obbligo di aggiornare o rivedere le dichiarazioni contenute nel presente documento, sia come risultato di nuove informazioni, eventi futuri o altro.


Fonte notizia: markmonitor.com


MarkMonitor | barometro | brand | GDPR | domini | marketer | Clarivate Analytics | protezione del brand | gTLD | cybersicurezza | tecnologia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L'82% delle aziende sta cambiando le strategie di protezione del brand per contrastare le minacce informatiche


Vendite conformi al GDPR? Acronis ti dice come fare


Accordo tra OpSec Security e Clarivate Analytics per l’acquisizione della divisione Brand Protection di MarkMonitor


Marketing su Facebook e GDPR: cosa cambia?


Acronis facilita l'adeguamento delle aziende al GDPR


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Enscape 3.0: libera la tua creatività

Enscape 3.0: libera la tua creatività
Enscape, rilascia oggi il nuovo aggiornamento software software di rendering 3D real time e visualizzazione per architetti e interior designer Enscape, uno dei principali fornitori di software di rendering 3D real time e visualizzazione per architetti e interior designer, ha rilasciato il nuovo aggiornamento software. Grazie a una user interface completamente ridisegnata, Enscape 3.0 è ancora più intuitivo e semplice da usare. I designer possono creare facilmente rendering altamente realistici in pochi passaggi. Enscape permette (continua)

Quasi la metà dei consumatori nel mondo teme una violazione dei dati sensibili

Quasi la metà dei consumatori nel mondo teme una violazione dei dati sensibili
A seguito del COVID-19 i consumatori conducono gran parte della loro vita online, i Brand devono essere più proattivi con soluzioni che siano in grado di minimizzare i data breach. Quasi la metà (48%) dei consumatori nel mondo teme di essere esposta a una potenziale violazione dei dati sensibili, mentre il 30% ne è già stata vittima. Secondo la nuova ricerca di OpSec Security nel 2020 si è registrato un aumento del 7% delle violazioni di questo tipo rispetto al 2019. L’annuale Consumer Barometer Report di OpSec, che ha coinvolto 2.600 intervistati, ha rilevato inoltre (continua)

Il Futuro Sostenibile di Analog Devices a electronica 2020

Il Futuro Sostenibile di Analog Devices a electronica 2020
Analog Devices presenterà a electronica 2020 tecnologie Building Automation e soluzioni per comunicazioni più semplici e robuste nella Factory Automation. Analog Devices sarà tra i protagonisti di electronica 2020, nella sua veste virtuale. Il fil rouge delle dimostrazioni e presentazioni di ADI sarà 'Engineering a Sustainable Future', al centro dell’attenzione le tecnologie che contribuiscono ad apportare benefici ambientali e al miglioramento della qualità della vita, in settori come mobilità, connettività 5G, machine learning e automazio (continua)

NEC e Analog Devices per il 5G di Rakuten Mobile

NEC e Analog Devices per il 5G di Rakuten Mobile
Analog Devices e NEC collaborano insieme per la progettazione di unità radio O-RAN e tecnologia Massive MIMO per il 5G NEC Corporation (NEC; TSE: 6701) e Analog Devices, Inc. (Nasdaq: ADI) hanno annunciato oggi la loro collaborazione per la progettazione di un'unità radio per reti 5G con antenne con tecnologia Massive MIMO *1) per Rakuten Mobile. L'unità radio adotta i transceiver RF a banda larga di ADI di quarta generazione per ottenere un Massive MIMO ad alta precisione ed è dotata di un'interfaccia open v (continua)

Analog Devices annuncia un ADC Alias-Free

Analog Devices annuncia un ADC Alias-Free
Nuovo converter AD Alias-Free: maggiori funzionalità, prestazioni e facilità d'uso. Progettazione front-end semplice e rapido time-to-market Analog Devices (ADI) introduce il convertitore analogico-digitale (ADC) alias-free AD7134 che semplifica notevolmente la progettazione del front-end e accelera il time-to-market per applicazioni di precisione DC-350kHz. La tradizionale progettazione della catena del segnale per l’acquisizione di precisione di dati è un'attività che richiede molto tempo, poiché i progettisti devono bilanciare (continua)