Home > Cultura > Perché tanti personaggi famosi muoiono di overdose?

Perché tanti personaggi famosi muoiono di overdose?

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

Perché tanti personaggi famosi muoiono di overdose?

Marilyn Monroe, Michael Jackson, Prince, Sigmund Freud, Elvis Presley, Judy Garland, Heath Ledger, Bruce Lee, Kurt Cobain, Anna Nicole Smith, Jimi Hendrix. Cosa accomuna questi personaggi famosi? Sono tutti morti per overdose di farmaci legali, prescritti da un medico. La maggior parte di questi artisti non desiderava affatto morire, ma sono rimaste vittima di overdose accidentali. La tossicodipendenza da antidolorifici non è meno pericolosa di quella da eroina o di altre droghe illegali.

Se andaste dal dottore per un mal di schiena, per dolori post-operatori, per un tendine infiammato o per qualsiasi altro dolore, non credereste certo di essere un soggetto a rischio per sviluppare una tossicodipendenza e, eventualmente, morire accidentalmente di overdose. Eppure succede più comunemente di quanto non si creda: negli Stati Uniti 2 milioni di americani sono schiavi dei farmaci antidolorifici, e ben ¾ dei tossicodipendenti ha cominciato proprio così: con una prescrizione.

Gli antidolorifici che derivano dall’oppio sono droghe in tutto e per tutto equivalenti a quelle illegali che si spacciano per strada: causano dipendenza, e chi non ne può fare a meno è un tossicodipendente.

Ma questo fenomeno non causa “solo” tossicodipendenza, causa morte, decine di migliaia di morti ogni anno, molte decine ogni giorno. I farmaci che causano la tossicodipendenza, sono chimicamente identici o equivalenti alle droghe da strada: hydrocodone (Vicodin), oxycodone (OxyContin, Percocet, Percodan, Tylox), Fentanyl. Le da strada sono illegali, non si conosce la dose esatta e possono essere tagliate con sostanze pericolose. Le pillole prescritte dal medico hanno il foglietto illustrativo, sono più pure e si vendono legalmente, ma il principio attivo è del tutto equivalente a quelle illegali, si tratta pur sempre di derivati dell’oppio (Papaver Somniferum).

La responsabilità dei medici? Prescrivere con eccessiva facilità, non seguire adeguatamente il paziente affinché abbandoni il farmaco il prima possibile, lasciarsi tentare dalle lusinghe delle case farmaceutiche. Già, perché se prescrivono un certo farmaco hanno viaggi premio e conferenze in luoghi esotici. Senza contare che, specialmente negli USA dove la sanità copre pochissimo, è molto più facile prescrivere un farmaco piuttosto che prevedere una terapia riabilitativa. In sostanza, si droga il paziente perché non senta il dolore, invece che risolvere il problema del dolore alla sua radice.

Ecco che la prevenzione, verso giovani e adulti, riveste un ruolo vitale. L’associazione internazionale “Un Mondo Libero dalla Droga” organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti, incluso quelli dei farmaci antidolorifici prescritti. Se un paziente informato va dal medico per un dolore, e il medico pigramente gli prescrive un antidolorifico, saprà come regolarsi! E pretenderà una soluzione alternativa, o in ultima analisi chiederà che la terapia venga scalata gradualmente una volta che il dolore sta passando. Il rischio, mortale, è la tossicodipendenza.

La Chiesa di Scientology sostiene da sempre la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga”, fin dal momento dalla sua fondazione. I volontari di “Un Mondo libero dalla Droga”, a partire dal 2015, hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | antidolorifici | overdose |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Uno dei più pericolosi farmaci prescritti: il Fentanyl


Ecco le finaliste campane a Miss Italia 2019


Fabio Caponio, Badminton: il sogno è poter partecipare ai Giochi Olimpici


Il primo sito dedicato alle frasi improbabili dei personaggi famosi


Dario Castilletti, ballerino professionista: cerco di entrare nella mia zona di comfort


Scopri la verità sul fentanyl prima che sia troppo tardi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Proposto ad Albenga il test antidroga per gli amministratori comunali

Proposto ad Albenga il test antidroga per gli amministratori comunali
Può un amministratore pubblico essere un tossicodipendente? Come un autista di autobus deve essere sobrio al volante, e nessuno si scandalizzerebbe se fosse sottoposto a test, anche chi è stato scelto per guidare una comunità dovrebbe farlo senza essere sotto l’effetto di stupefacenti. Il testo della mozione afferma che i rappresentanti dei cittadini devono essere &ldquo (continua)

Giovani spacciatori davanti a scuola, un pericolo da non sottovalutare

Giovani spacciatori davanti a scuola, un pericolo da non sottovalutare
Si sa che i ragazzi tendono a fidarsi dei propri coetanei più che degli adulti, ecco perché uno spacciatore di 17 anni può risultare particolarmente pericoloso. Spesso infatti, a convincere i giovani a cominciare a drogarsi, non sono spacciatori professionisti sconosciuti, ma proprio i loro amici, magari di un anno o due più grandi, che “la sanno lunga” per (continua)

La droga può causare la perversione del ruolo genitoriale

La droga può causare la perversione del ruolo genitoriale
Dalla recente cronaca di gennaio 2020: Rimini, una madre porta la droga al figlio in carcere (cocaina e hashish, un pastore tedesco l’ha annusata in tempo); Lecco, una madre accompagna il figlio 30enne a comprare cocaina ed eroina; Arezzo, a una madre di un bambino di 4 anni vengono sequestrati 100.000 euro di cocaina, viene arrestata e i poliziotti giocano con il bimbo ment (continua)

Passare dalla marijuana a droghe più pericolose: mito o realtà?

Passare dalla marijuana a droghe più pericolose: mito o realtà?
Analizziamo qualche dato statistico per mettere un po’ di ordine sul soggetto della marijuana e del passaggio alle droghe pesanti: Il 70% dei tossicodipendenti ha cominciato dalla marijuana; Chi usa la marijuana, ha il triplo della probabilità di fare uso di eroina in futuro; Un terzo di chi usa marijuana, fa uso di altre sostanze stupefacenti. Ognuno può tr (continua)

Marijuana e sigarette elettroniche

Marijuana e sigarette elettroniche
Guardando per strada qualcuno che “svapa” nessuno penserebbe che si stia drogando… e invece potrebbe star fumando uno “spinello elettronico”! È chiaro che la stragrande maggioranza di chi usa la sigaretta elettronica fuma essenze del tutto innocue, ma c’è chi sta cercando di sfruttare la diffusione di questo modo alternativo di fumare per diffonde (continua)