Home > Spettacoli e TV > Al via la XII edizione di OMOVIES Film Festival 2019 dal 9 al 14 dicembre alla Fondazione Made in Cloister

Al via la XII edizione di OMOVIES Film Festival 2019 dal 9 al 14 dicembre alla Fondazione Made in Cloister

scritto da: Renail87 | segnala un abuso

Al via la XII edizione di OMOVIES Film Festival 2019 dal 9 al 14 dicembre alla Fondazione Made in Cloister


 Il cinema e la cultura contro la violenza e la discriminazione. Torna l’appuntamento con l’OMOVIES Film Festival 2019, kermesse internazionale di cinema omosessuale, transgender e questioning promosso dall’Associazione i Ken Onlus con la direzione artistica di Carlo Cremona, che si terrà a Napoli dal 9 al 14 dicembre. La 12esima edizione, che avrà come quartier generale la Fondazione Made in Cloister (piazza Enrico De Nicola, 48) e il coinvolgimento della Scuola del Cinema di Napoli (via del Parco Margherita, 5) e il Rainbow Center (via Antonio Genovesi, 36), raccoglie il meglio di quanto il panorama nazionale e internazionale abbia offerto nelle ultime stagioni cinematografiche.

 

In programma 93 proiezioni di lungometraggi, documentari e cortometraggi - tra cui 2 anteprime, 23 opere prime e 4 film “napoletani” - provenienti da 23 paesi (Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Cina, Colombia, Croazia, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, India, Iran, Israele, Messico, Paesi Bassi, Norvegia, Panama, Spagna, Svezia, Taiwan), e ancora workshop, dibattiti, incontri tematici, una retrospettiva sul cinema di Giuseppe Bucci per il decennale dal suo primo film (eventi ad ingresso gratuito, per info www.omovies.it).

 

Madrina del festival sarà la sedia con la scritta “chest è a segg re gay”, che tradotto in italiano è “questa è la sedia dei gay", trovata da un professore in classe il giorno degli esami e su cui ha scelto di sedersi e svolgere il suo lavoro, nonostante il parere contrario di alcuni colleghi. «Un comportamento che ha trasformato la sedia dei gay, da oggetto di bullismo, discriminazione e omofobia a simbolo positivo di riscatto per la diffusione di una cultura delle differenze, temi affrontati nella sezione Educational del Festival “OMOVIES@SCHOOL”, motivo per cui abbiamo scelto che fosse “Lei” la testimonial di quest’anno» spiegano gli organizzatori. La sedia verrà installata al Made in Cloister dove verranno invitati gli ospiti ad immortalarsi in uno scatto contro le discriminazioni.

 

IL PROGRAMMA. Primo appuntamento lunedì 9 dicembre al Made in Cloister alle ore 20 con la cerimonia d’apertura, attesi gli attori Lucianna De Falco, Rosaria De Cicco, Francesco Paolantoni, Patrizio Rispo,  Antonella Morea, Vittoria Schisano, Fabio Brescia, Carlo Cerciello, Imma Villa, Anna Capasso, Gianfranco Gallo. Dal mattino, e fino a venerdì 13, le proiezioni dei lavori in selezione ufficiale (elenco completo su http://www.omovies.it/?page_id=5068). Tra gli eventi in programma: giovedì 12 alle ore 18 la proiezione del documentario “L'altra altra metà del cielo – Donne” di Filippo Soldi con Maria Laura Annibali al termine del quale ci sarà un dibattito in presenza del regista e le attiviste; venerdì 13 alle ore 17 la proiezione del documentario “Union is strenght, maybe” di Fabio Leli, a seguire incontro con l’autore accompagnato da Luca Trapanese (il 42enne single che nell'estate del 2017 ha preso in affido e poi adottato Alba, neonata con sindrome di Down) e Diego Di Flora (già direttore artistico della Napoli  Pride 2012 e amico storico di Omovies).

 

Tutte le pellicole saranno proiettate in lingua originale con i sottotitoli in italiano a cura del progetto OMOVIES inTRANSlation, guidato dal professor Giuseppe Balirano, che ha coinvolto docenti e 96 studenti dell’Università Orientale di Napoli.

 

Omovies Film Festival 2019 chiuderà i battenti sabato 14 dicembre dalle ore 20 con il Gran Gala di premiazione condotto da Priscilla, Queen of Mykonos. Verranno assegnati premi, realizzati dall’artista e scultore Pasquale Manzo, al miglior lungometraggio, mediometraggio e cortometraggio, miglior documentario corto e lungo, il premio speciale i Ken “Vincenzo Ruggiero”, istituito nel 2017 in memoria del ragazzo col sogno della recitazione, per giovani artisti.

 

Tra le novità di questa edizione la convenzione con la Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE) per la progettazione e lo sviluppo di Idee Cinematografiche Differenti, residenza artistica vincitrice del bando “Per Chi Crea” finanziato dalla SIAE e il Ministero per i beni e le attività culturali. Il progetto vedrà sceneggiatori under 35 creare 6 soggetti cinematografici originali capaci di raccontare la diversità. Al più meritevole verrà attribuito un premio in denaro per garantire l’ulteriore sviluppo del soggetto in sceneggiatura.

 

“IO SONO GIORGIA”. Nella campagna di comunicazione dell’Omovies Film Festival 2019 è stata utilizzata la foto di un trasformista e la scritta “Io sono Giorgia”. «L’attore sul manifesto è Gianni Dettori che nel film “Il Rosa Nudo” di Giovanni Coda, già vincitore dell’Omovies Film Festival, personifica la Repubblica di Weimar. Si tratta di una foto di Claudio Piludu che ci è stata concessa gratuitamente. Il messaggio che vogliamo lanciare è che al mondo esistono tante Giorgia, e la fierezza dello sguardo di questa Giorgia ci colpiva profondamente». Dichiara Carlo Cremona, che prosegue «il nostro festival, che promuove gli audiovisivi in Campania, rappresenta vari universi, e utilizzare un trasformista nel manifesto è una provocazione per muovere il pensiero delle persone, ovvero che non bisogna fermarsi alle apparenze, che non esiste solo la binarietà maschio-maschile, femmina-femminile, ma esiste anche altro, e si chiama umanità».

 

OMOVIES@SCHOOL. Il festival è anticipato da OMOVIES@SCHOOL, iniziativa contro il bullismo omofobico e transfobico, che proseguirà fino a febbraio coinvolgendo studenti provenienti da diverse scuole della città tra proiezioni e dibattiti sui linguaggi della anti violenza e anti camorra in un bene confiscato restituito alla società.

 

L’OMOVIES è il primo festival internazionale di cinema a tematica LGBT+ del Sud Italia, nato nel 2007 con l’obiettivo di promuovere nei circuiti nazionali ed internazionali, Napoli e la Campania quale territori di socializzazione, solidarietà ed accoglienza e favorire lo sviluppo di un turismo differente. L’aspetto innovativo del festival resta il questioning, che vuol dire porsi domande riguardo un tema, una idea e si rivolge agli autori affinché realizzino opere in maniera libera sull’apertura e la condivisione delle tematiche LGBT+. Lo spettatore si troverà in un festival che parla d’amore in modo inclusivo e dei differenti modi di amare, che narra di storie di vita, di sogni, di speranze e di umanità. Per il terzo anno consecutivo l’associazione i Ken risulta aggiudicatrice del cofinanziamento della legge cinema della Regione Campania. L’edizione 2019 è patrocinata dal Comune di Napoli, l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, I-Land, Sinapsi, in collaborazione con “Idee Cinematografiche Differenti”. Partner Fondazione Made in Cloister, Rainbow Center, corAcor, Napoli Gay Friendly, Fly Up, La Scuola di Cinema di Napoli, SPI CGIL Campania, Dedalus, Artur. Sponsor Palazzo Caracciolo, La Locanda del Vecchio, Eurograf, Open Studio, Less Onlus.

 

UFFICIO STAMPA



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dal 10 al 16 dicembre l’11a edizione di OMOVIES, cinema e cultura contro violenza e discriminazione


Made Rural: parliamo del “ Kapriol Dry Gin “ un prodotto da tenere d’occhio nel 2017


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


7 Small


Annunciati i vincitori del “Cubo Cine Award 2017”. Il Cubo Festival si svolgerà dal 6 al 10 dicembre nella splendida cornice di Ronciglione.


Enogastronomia Tipica Veneta, scopriamo il Lugana La Rifra con Made Rural


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano
È già in libreria il racconto “Storia di un (quasi) amore in quarantena”, primo libro del giornalista napoletano Davide Gambardella, edito da Graus e scritto in piena quarantena, quasi un instant book si potrebbe dire. In molti hanno parlato di amori e storie in quarantena, persino di tradimenti, eppure la narrazione di Gambardella è abbastanza insolita e si distingue bene dalle altre pub (continua)

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD
Un progetto ambizioso nasce al Sud, in Campania, e si presenta, con autorevolezza, come un’iniziativa di cui molto probabilmente se ne avvertiva l’esigenza già da mesi, prima del difficile periodo collegato al lockdown. Nasce infatti Gruppo Artisti del Gusto, grazie ad un accentuato spirito di gruppo, ad una coesione tanto visionaria quanto forte tra una quindicina di professionisti, di varia (continua)

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli
A un anno dalla scomparsa di Luciano De Crescenzo i Quartieri Spagnoli di Napoli celebrano l’indimenticabile scrittore napoletano con un’iniziativa artistica a vico Tre Regine (angolo via De Deo): l’inaugurazione sabato 18 luglio alle 11.30 di un mural dal titolo “O pallone miez ‘e macchine”, opera di Michele Quercia e Francesca Avolio. Alla manifestazione, promossa dall’Associazione Quartier (continua)

La proposta del Maestro Pasticcere Gennaro Volpe, la zeppola di San Giuseppe dolce per la festa della Mamma

La proposta del Maestro Pasticcere Gennaro Volpe, la zeppola di San Giuseppe dolce per la festa della Mamma
La Festa della Mamma non ha un dolce simbolo, come il panettone a Natale o la colomba a Pasqua. Perciò Gennaro Volpe, pluripremiato Maestro della storica pasticceria "Volpe" ubicata ai Colli Aminei (Napoli), ha proposto la "Zeppola di San Giuseppe" - già dolce simbolo della Festa del Papà - anche come emblema dei festeggiamenti legati alla Festa della Mamma. Perchè un dolc (continua)

Sei torte dai nomi di madri famose nella cultura pop, l’idea della Pasticceria Seccia per la festa della mamma

Sei torte dai nomi di madri famose nella cultura pop, l’idea della Pasticceria Seccia per la festa della mamma
Il covid 19 avrà pure sacrificato la festa del papà e il consueto assaggio delle zeppole di San Giuseppe a marzo, ma non la festa della mamma in questa fase due appena iniziata in Italia. La tradizione vuole che la seconda domenica di maggio, mese mariano, si festeggino le mamme nel nostro paese e non può mancare perciò domenica 10 maggio una torta ad hoc, pensata per l’occasione. Seguendo se (continua)