Home > News > Romano Prodi a colloquio con gli studenti della Toscana alla Pieve di Romena

Romano Prodi a colloquio con gli studenti della Toscana alla Pieve di Romena

articolo pubblicato da: marcocavini | segnala un abuso

Romano Prodi a colloquio con gli studenti della Toscana alla Pieve di Romena

Il professor Romano Prodi incontra i giovani della Toscana all’auditorium della Pieve di Romena. L’appuntamento è fissato per le 9.30 di sabato 14 dicembre e si inserisce nel contesto della Giornata della Fondazione Giovanni Paolo II che, nata nel 2007, promuove ogni anno un appuntamento pre-natalizio per riunire in Casentino importanti esponenti del panorama politico italiano con i quali trattare tematiche legate alla cooperazione, al dialogo e allo sviluppo. “L’Europa di oggi e quella che verrà” è il tema dell’incontro con Prodi che, già Presidente della Commissione Europea e Presidente del Consiglio dei Ministri, vivrà una mattinata di dialogo con gli studenti di alcune scuole superiori casentinesi, valdarnesi e fiorentine.

L’incontro sarà moderato dal dottor Marco Italiano e si svilupperà attraverso le domande rivolte dagli stessi ragazzi che, nelle ultime settimane, hanno vissuto un percorso di avvicinamento nel quale hanno individuato alcuni argomenti di interesse che saranno approfonditi nel corso della mattinata con focus soprattutto sulle prospettive per i giovani collegate allo studio e al lavoro. Tra i presenti sono attesi anche giovani di origine mediorientale che stanno studiando in Italia attraverso borse di studio attivate dalla Fondazione Giovanni Paolo II e che condivideranno la loro esperienza internazionale in termini di accoglienza e di integrazione.

Ad aprire la mattinata saranno i saluti delle autorità e l’introduzione di Mons. Luciano Giovannetti e di Padre Ibrahim Faltas, rispettivamente Presidente e Vicepresidente della Fondazione Giovanni Paolo II, mentre un ulteriore arricchimento arriverà dagli intermezzi musicali della cantautrice Anna Iorio (in arte Sorgente).

La giornata rappresenterà inoltre un’occasione per raccontare l’attività della Fondazione che, anche attraverso bandi emanati dal Ministero degli Esteri o dalla Commissione Europea, è impegnata nel favorire il dialogo e la cooperazione tra popoli, culture e religioni del Mediterraneo e del Medioriente. In quest’ottica, la Fondazione Giovanni Paolo II è promotrice di progetti ed iniziative in aree calde quali Palestina, Libano, Siria, Iraq e Giordania volti a favorire la cooperazione internazionale e lo sviluppo con l’obiettivo di lasciare tracce tangibili e durature sui tessuti economici, sociali e culturali dove si trova ad operare. «Questa giornata - ricorda Mons. Giovannetti, - è il tradizionale appuntamento prenatalizio in cui approfondiamo e discutiamo le tematiche alla base del nostro operato quotidiano, coinvolgendo i ragazzi delle scuole superiori e facendo affidamento sulla presenza di importanti relatori. Nel 2018 abbiamo avuto con noi Paolo Gentiloni, attuale Commissario Europeo per l’Economia, e David Sassoli, ora Presidente del Parlamento Europeo, mentre sabato 14 dicembre accoglieremo Romano Prodi: le loro parole sono uno stimolo per i giovani per conoscere, capire e interrogarsi sull’Europa e sulle dinamiche comunitarie».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

PIEVE DI SOLIGO (TV)-ENRICO NADAI E ROBERTA CANZIAN SOLISTI AL GRAN CONCERTO PER I 45 ANNI DELL'ASSOCIAZIONE MUSICALE TOTI DAL MONTE


In Toscana a settembre: fuga rilassante tra natura e cultura


COLLOQUIO DI LAVORO: COME PREPARARSI PER AFFRONTARLO AL MEGLIO


31 Marzo 2018: la comunità di lingua romena è invitata alla Commemorazione della morte di Gesù Cristo


PIEVE DI SOLIGO (TV)- SUCCESSONE PER LO SPETTACOLO DI VARIETA' "CANTO RIDO E DONO"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La pizza aretina raccontata al Sigep da Riccardo Pancini

La pizza aretina raccontata al Sigep da Riccardo Pancini
La pizza aretina raccontata al Sigep da Riccardo Pancini di Al Foghèr. Il giovane pizzaiolo è stato invitato ad illustrare la propria esperienza professionale nel corso di una delle più importanti fiere internazionali dedicate alla gastronomia che, in programma da sabato 18 a mercoledì 22 gennaio a Rimini Fiere, riunirà visitatori e addetti ai lavori da ogni cont (continua)

Un corso per conoscersi e progettarsi con Arezzo Psicosintesi

Un corso per conoscersi e progettarsi con Arezzo Psicosintesi
Un percorso per approfondire la conoscenza di sé e per esprimere le proprie potenzialità. L’associazione Arezzo Psicosintesi rinnova il proprio impegno nel corso di formazione triennale che, scandito attraverso trentasei incontri, accompagnerà uomini e donne di ogni età ad esplorare la complessità del loro mondo interiore per arrivare a delineare un progett (continua)

Associazioni e manifestazioni storiche aretine in assemblea a Siena

Associazioni e manifestazioni storiche aretine in assemblea a Siena
Associazioni e manifestazioni storiche a confronto nell’assemblea delle provincie di Arezzo, Grosseto e Siena. L’appuntamento è in programma sabato 18 gennaio, dalle 10.30, presso l’Archivio di Stato di Siena e rappresenterà un’occasione di confronto e di coordinamento tra tutte le realtà della Toscana del Sud impegnate in rievocazioni e in ricostruzion (continua)

La Chianina Ciclostorica dedica il percorso lungo a Felice Gimondi

La Chianina Ciclostorica dedica il percorso lungo a Felice Gimondi
Un percorso de La Chianina Ciclostorica sarà intitolato a Felice Gimondi. La sesta edizione dell’evento di ciclismo vintage è in programma da venerdì 19 a domenica 21 giugno a Marciano della Chiana e proporrà uno speciale omaggio alla memoria del campione delle due ruote scomparso lo scorso agosto. Gimondi fu il grande ospite della ciclostorica del 2019 e visse un (continua)

Una farmacia oncologica per la città di Arezzo

Una farmacia oncologica per la città di Arezzo
Una farmacia oncologica per la città di Arezzo. La certificazione è arrivata per la Farmacia Comunale n.2 “Trionfo” che si è specializzata e qualificata nell’assistenza ai pazienti oncologici, configurandosi così come un luogo di servizi, consigli, suggerimenti e indicazioni per il loro percorso al di fuori del ricovero ospedaliero. Questo riconoscimen (continua)